Forum: vino e tanto altro

Il complesso di superiorità del pallone gonfiato

Arroganti e superbi in genere sono anche poco capaci e molto aggressivi ma si danno grandi arie di superiorità. Allontanatevi o vi faranno del male 

 

Arroganti, presuntuosi, palloni gonfiati: come difendersi

Arroganti, presuntuosi, palloni gonfiati: come difendersi

di Donatella Cinelli Colombini

Tutti abbiamo avuto a che fare con un tipo così, in famiglia o a lavoro. C’è persino chi ne ha sposato uno o una. Parlo di quelli che si danno arie di superiorità, si vantano di quello che sono e quello che fanno, ostentano una grande sicurezza e autostima. Sempre a testa alta, sanno tutto, hanno sempre ragione e guardano tutti dall’alto in basso. Fosse solo questo sarebbe sopportabile ma i palloni gonfiati arrivano a fare del male al prossimo, calunniando gli altri e soprattutto umiliando quelli che, nella realtà, hanno più talento di loro.

Nel mondo del vino ce ne sono tanti,  ma proprio tanti. E la cosa brutta è che fanno breccia, almeno in un primo momento, perchè  appaiono più smart e performanti agli occhi di wine lovers, buyer e soprattutto comunicatori. E spesso riescono anche a raggiungere posti di potere diventando ancora più pericolosi.

Nella realtà, come dice Rafael Caldet <<il nostro ego si propaga in modo direttamente proporzionale all’insicurezza che proviamo>>, cioè la superbia è figlia dell’insicurezza.
Anzi paradossalmente più la fiducia in se stessi è bassa e più si è incapaci di accettare i propri limiti e cresce il bisogno di sopravvalutarsi.

La voglia di migliorarsi è un elemento positivo della personalità. In questo caso parliamo  invece di persone che hanno bisogno di primeggiare ad ogni costo e, per riuscirci, devalorizzano gli altri.

Qui di seguito spiegherò chi sono questi tipi, come si comportano e come difendersi da loro, nella vita come nel lavoro.

 

COME SI DIVENTA UN PALLONE GONFIATO

Dopo essere stato calpestato da bambino, il tipo cerca di calpestare gli altri e mostrarsi sicuro sin dal primo giorno quasi come un’azione preventiva che neutralizza possibili attacchi successivi.
Non riconosce mai gli errori che commette e scarica la colpa sugli altri.
E’ pedante e superbo, con un’opinione talmente positiva di se stesso da proporsi a modello tra chi lo circonda.

Il vigneto mondiale parla sempre più francese

Anche se i critici e i wine lover più trendy storcono il naso al solo pronunciare il nome dei vitigni internazionali, i loro ettari di vigna crescono ovunque

 

Merlot- il vigneto del mondo parla francese

Merlot- il vigneto del mondo parla francese

di Donatella Cinelli Colombini

Il “localismo vignaiolo” e la moda dei vitigni autoctoni è un processo lento e, per ora, poco rilevabile su scala planetaria. Purtroppo <<l’estensione della diversità varietale sia a livello nazionale che globale si è ridotta>>. Questa è la triste constatazione di Kym Anderson e Signe Nelgen che stanno per far uscire la nuova edizione di WHICH WINEGRAPE VARIETIES ARE GROWN WHERE aggiornata sui dati 2016 che sono i più recenti disponibili.

 

LA GLOBALIZZAZIONE DEL VIGNETO MONDIALE VA VERSO VARIETA’ FRANCESI

La globalizzazione del vigneto mondiale sembra assolutamente impermeabile alla nuova moda dei vitigni autoctoni. L’unico reale cambiamento, rispetto al passato, è la maggiore diffusione dei vitigni francesi (39%) e la riduzione di quelli spagnoli (21%), ma facendo le somme, vediamo che questi due insieme costituiscono, da soli, metà del vigneto mondiale. I primi hanno guadagnato dieci punti percentuali in soli sei anni e sono i veri protagonisti di un fenomeno di omologazione che, evidentemente, ha le sue ragioni economiche e commerciali.
La colonizzazione delle varietà francesi è particolarmente accentuata nel vigneto del Nuovo Mondo che ora è french oriented per il 68% (+ 9% dal 2000). C’è anche un 2% dei vitigni italiani ma è una briciola in confronto alla globalizzazione che parte dalla Francia.
Se andiamo a vedere dove è cresciuta la vigna di Tempramillo, vitigno che si è espanso più di ogni altro negli ultimi anni, lo troviamo soprattutto in Spagna dove ha sostituito l’Airén. L’80% del vigneto Tempramillo è nella Madre Patria e quindi non ha dato origine a fenomeni di “internazionalizzazione” dei vigneti esteri come è invece avvenuto per Cabernet,  Merlot e Chardonnay.

 

Vino in sottrazione

Il nome vino in sottrazione è nuovo ma il significato no: vino senza mani, vino naturale … indicano tutti l’enologia con pochissimo intervento umano

 

Vino in sottrazione - ne parla Francesco Saverio Russo

Vino in sottrazione – ne parla Francesco Saverio Russo

di Donatella Cinelli Colombini

I vini in sottrazione sono un argomento forte quest’anno e Francesco Saverio Russo gli ha dedicato un lungo ed interessante articolo nel suo blog. Parte da Michelangelo Buonarroti e del suo modo di scolpire “non per via di porre ma per forza di levare” per difendere l’idea di togliere tutta l’enologia superflua, cioè quella che rende il vino meno fedele alla <<propria identità varietale e ancor più territoriale>>.
In linea di massima, nel vino in sottrazione, le operazioni meccaniche vengono ammesse, ma quelle “chimiche” no. Il problema è il gran numero di produttori e consumatori che scambiano la <<negligenza per rispetto e l’approssimazione per artigianalità e sostenibilità>>. Con garbo, ma con voce ferma, Francesco Saverio Russo mette l’accento su altri paradossi dei tifosi del vino “come natura crea” che magari si scatenano sulla presenza di solforosa aggiunta e non si occupano di composti potenzialmente cancerogeni.

 

Vino in sottrazione - ne parla Francesco Saverio Russo

Vino in sottrazione – ne parla Francesco Saverio Russo

IL VINO IN SOTTRAZIONE PONDERATA, UNA POSSIBILE VIA PER IL FUTURO

Francesco Saverio Russo non si schiera né a favore del vino in sottrazione né contro di esso, ma condanna <<l’abuso di pratiche enologiche “cosmetiche” e ridondanti che mirano a scambiare la qualità analitica e la “pulizia” con la qualità>>. In pratica l’enologia deve fermarsi nel momento in cui omologa e banalizza trasformando il frutto di una vite in qualcosa di “addomesticato” incapace di infondere passione. Così come Francesco Saverio condanna i produttori che non aspirano all’estrema sostenibilità e alla più alta soglia di salubrità <<fermo restando che il vino non sarà mai un prodotto “salubre” in toto>>.

Come cambia il gusto del vino

Da 9000 anni fa a oggi passando dal Settecento e all’Ottocento a Romanée Conti fino alle recenti velocissime evoluzioni del gusto del vino

Di Donatella Cinelli Colombini

 

uva-biodinamica-Romanée Conti e Aubert de Villaine

gusto-del-vino-attraverso-i-secoli-Romanée-Conti

Un viaggio nel sapore del vino attraverso i secoli che lascia sbalorditi e mostra come il gusto nel passato sia irriconoscibile rispetto a quello attuale. Se volete saperne di più andate al bellissimo articolo di Alex Russan su Wine Searcher mentre io vi fornirò solo qualche chicca

IL GUSTO DEL VINO NELLA PREISTORIA

L’uomo beve vino da circa 9000 anni ma all’inizio mischiava il frutto fermentato dell’uva più dolce col frutto di biancospino, birra di riso e idromele al miele, in altre zone aggiungevano resine degli alberi (linfa), fichi, miele, erbe aromatiche, orzo, grano, melograni, nocciole, rosmarino, timo, , assenzio….
Insomma il vino del neolitico era un intruglio capace di dare ebrezza e di conservarsi senza marcire come l’acqua. L’olio d’oliva veniva usato occasionalmente per

Caves López de Heredia Viña Tondonia

gusto-del-vino-attraverso-i-secoli-Caves López de Heredia Viña Tondonia

galleggiare sulla superficie del vino e proteggerlo dall’ossidazione.
Patrick McGovern, massimo esperto di enologia antica, afferma che <<quasi tutti i campioni antichi che abbiamo analizzato, risalenti al periodo medievale, sono stati addizionati di resina proveniente degli alberi. La presenza delle resine non dipendeva dall’apprezzamento del loro gusto. Esse erano l’anidride solforosa del mondo antico e conferivano al vino una barriera antimicrobica grazie al loro contenuto di terpenoidi. Il vino greco Retsina è l’unico residuo moderno dell’antichità anche se oggi è secca mentre probabilmente nel passato remoto era dolce come tutti i vini antichissimi. Fanno eccezione i vini dell’Armenia settentrionale e della Georgia sud-orientale che forse erano puri anche 6000 anni fa.
Diverso era anche il modo di consumare il vino che veniva aggiunto da 4 -5 parti di acqua. Pratica ben nota all’epoca greco romana e che è durata quasi fino ai tempi moderni come dimostrano gli scritti di Thomas Jefferson.

IL VINO NEL MEDIOEVO

Sappiamo poco del vino nel Medioevo salvo il fatto che generalmente era adulterato e consumato molto giovane. Il periodo caldo medievale, che è iniziato verso il 950 ed è durato fino al 1250 d.C. è stato seguito dalla piccola era glaciale dal 1300 all’Ottocento. Le differenze climatiche hanno influenzato il carattere del vino e i luoghi di coltivazione della vite.

I 6 ANIMALI DA VIGNA

Parto da un articolo di Lucy Shaw per The Drinks Business sui 10 animali più utilizzati nelle vigne mondiali e vi propongo i miei 6 animali per le vigne italiane

 

animali-nelle-vigne-api-Montalcino-Villa-I-Cipressi-Hubert-Ciaccip

animali-nelle-vigne-api-Montalcino-Villa-I-Cipressi-Hubert-Ciacci

di Donatella Cinelli Colombini

Il portale inglese come sempre è una fonte di ispirazione, vi consiglio di consultarlo spesso. The Drinks Business ci propone le 10 bestie che, in qualche parte del mondo, aiutano l’uomo a mantenere le vigne in perfetto equilibrio.

In successione troviamo oche, pipistrelli, pecore babydoll, cani, maiali, cavalli e muli, api, armadilli, uccelli rapaci e polli.
Togliamo di mezzo i pipistrelli che dopo averci regalato il coronavirus mi risultano oltremodo antipatici. Mi sembra meglio non favorirne la loro proliferazione e soprattutto un’eccessiva contiguità con l’uomo.
Anche i cani non mi sembrano una buona idea. In Spagna vengono utilizzati dei terrier per dare la caccia a topi e ratti. Da noi potremmo usare dei pastori maremmani per allontanare cinghiali e caprioli. Unico problema è l’aggressività di questi cani che, senza una rete, potrebbero aggredire anche le persone. Ma una volta messa la rete è inutile prendere un cane per proteggere l’uva perché gli ungulati non potrebbero entrare.

animali-nelle-vigne-oche

animali-nelle-vigne-oche

Escludiamo i maiali. In Australia usano un cordone speronato alto per cui i piccoli maiali Kunekune non arrivano all’uva ma le razze suine italiane sarebbero perfettamente in grado di arrivare all’uva. Per quanto riguarda gli armadilli, lasciamo perdere, oltre al problema di trovarli c’è poi l’inconveniente che mangiano l’uva.

Ed ecco la mia lista di 6 animali da vigna italiana:

 

OCHE NEI VIGNETI

In Cile la tenuta Cono Sur ha oche e nel complesso 1.000 uccelli nei vigneti per mangiare i parassiti.

 

Le porticine – buchette del vino di Firenze

Storia delle buchette del vino di Firenze: dalla vendita diretta delle famiglie nobili con vigneto alla trasformazione – covid in versione street food

 

Buchetta del vino a Firenze in versione covid

Buchetta del vino a Firenze in versione covid

Di Donatella Cinelli Colombni

Nel 1634, all’epoca della peste descritta da Manzoni, gli sportelli del vino, lungo le strade di Firenze, erano i punti vendita dei palazzi dell’aristocrazia che possedeva tenute e vigneti. Servivano per vendere al dettaglio il vino lungo le strade del centro. Il loro utilizzo viene descritto da Francesco Rondinelli nella sua “Relazione del contagio” dove loda l’efficacia degli “sportelli” del vino per limitare l’epidemia di peste seicentesca.  Il cliente bussava alla porticina, il servo prendeva il fisco e il denaro, lo disinfettava con l’aceto, riempiva il fiasco e lo restituiva pieno, sempre attraverso il piccolo passaggio del muro (23 x 36cm).

 

170 BUCHETTE DEL VINO A FIRENZE – PUNTI VENDITA ANTI CONTAGIO

Buchetta del vino a Firenze in versione covid

Buchetta del vino a Firenze in versione covid

Sono stati censiti 170 sportellini del vino nel territorio del comune di Firenze, di cui 145 nel centro storico. Il loro numero cresce continuamente grazie all’associazione culturale “Buchette del vino”. Essi costituiscono un elemento architettonico e storico di cui la città del giglio può andare fiera perché evidenziano la sua antica storia enologica. Ce ne sono ovunque. Piero Antinori ha mostrato con orgoglio quella del suo palazzo. Un’altra è in Piazza del Duomo, nella casa in cui si trovava la bottega dello scultore Donatello. Persino i Medici a palazzo Medici Riccardi e poi a Palazzo Pitti, avevano delle buchette per vendere il vino avanzato dalla loro mensa.

Per i cittadini si trattava di uno shopping conveniente perché riguardava quello che oggi chiameremo un “family wine” cioè vino proveniente direttamente dai vigneti e dalle cantine della nobile famiglia residente nel palazzo. Un vino che non era gravato da tasse.

 

Instagram: la Toscana vince anche in tempo di covid

Il traffico web cambia durante la pandemia, meno viaggi e più cibo e i 600 influencer italiani di travel e food preferiscono la Toscana e il gelato

 

Instagram food influencer Ada Parisi Siciliani creativi in cucina

Instagram food influencer Ada Parisi Siciliani creativi in cucina

Di Donatella Cinelli Colombini

Il 2020 è un anno diverso che tutti cercheremo di dimenticare. Un anno che ha cambiato le nostre vite. Meno viaggi, più tempo nella cucina di casa. Meno incontri con gli amici e più web. Un cambiamento che potrebbe avere effetti anche sul futuro.

 

I FOOD  INFLUENCER PIU’ FORTI E I TRAVEL INFLUENCER PIU’ DEBOLI

Secondo lo studio condotto da Extreme e intitolato “Influencer Italia Travel & Food, analisi dell’impatto del Covid-19”, fra maggio e agosto 2020 i maggiori 300 Food Influencer hanno visto crescere il loro engagement del 32% rispetto agli stessi mesi dell’anno scorso e hanno aumentato del 5,1% il numero dei followers.
Nello stesso periodo i 300 top Travel Influencer precipitavano a un meno 15,7% corrispondenti a 20 milioni di interazioni. Un calo che ha spinto anche il 14% di loro a interrompere l’attività.

 

+ 18,8% IL FOOD SU INSTAGRAM

Nel complesso la crescita del comparto food su Instagram è stata enorme, con uno sbalorditivo e credo mai più replicabile + 18,8%. Risultato raggiunto con meno post (-12%) e meno sponsorizzazioni (-18%) indicando, nel complesso, un’attitudine positiva alla ricerca di messaggi utili e opinioni indipendenti da ogni condizionamento economico.
7 milioni e mezzo di interazioni con i dolci e i gelati a attrarre più interesse e il vino con solo 1.9 milioni di ingaggi.

 

Sveva Casati Modignani e il suo Falco

E’ un libro per chi è romantico. La love story di un principe azzurro moderno, anzi del re degli occhiali che ritrova e corteggia il suo primo e unico amore

 

Di Donatella Cinelli Colombini

Sveva Casati Modignani – Il Falco

Quale donna non desidera una seconda giovinezza, essere corteggiata da un miliardario bello, pieno di energia vitale e sinceramente innamorato?

Non il principe azzurro, ma il Re azzurro degli occhiali.

 

E LEONARDO DEL VECCHIO DIVENTA IL FASCINOSO ROCCO DI FALCO

Questa è la bellissima storia raccontata nell’ultimo romanzo di Sveva Casati Modignani che si intitola Il Falco (Sperling & Kupfer pp. 498 € 19,90). La più amata scrittrice italiana prende spunto dalla vita di uno dei più geniali imprenditori italiani Leonardo Del Vecchio, il re degli occhiali che, nato orfano di padre e cresciuto in orfanotrofio, è diventato il 50° uomo più ricco del mondo nella classifica di Forbes. Imprenditore audace e visionario, capace di muoversi su uno scenario mondiale, Del Vecchio, in pochi anni, ha trasformato gli occhiali da protesi della vista in elegante accessorio di abbigliamento. Un autentico fenomeno nella vita professionale quanto tormentato nella vita affettiva: quattro matrimoni, 6 figli da tre madri diverse. Fra di loro il rapporto più stabile è con l’attuale moglie Nicoletta Zampillo che ha sposato nel 1997 per poi divorziare nel 2000 e celebrare un nuovo matrimonio nel 2010.
Dalla storia di questo uomo straordinario e dal suo enorme progetto di un campus capace di attrarre talenti e offrire cure innovative ai malati (500 milioni di investimento) nasce il libro Il Falco di Sveva Casati Modignani.

 

#MeToo #tunonseisola le donne del vino sono con te

Le donne del vino avanguardia del cambiamento in un settore che era totalmente maschile e ora, grazie al successo di poche, sembra essere tutto rosa

 

Be the Change - 2 dicembre on-line per il lavoro e la formazione delle donne nel vino

Be the Change – 2 dicembre on-line per il lavoro e la formazione delle donne nel vino

di Donatella Cinelli Colombini

Quando guardate le gare di Formula 1 quante donne vedete fra i meccanici? Negli ultimi 50 anni i Premi Nobel per la medicina assegnati a donne sono stati solo 8 in mezzo a un esercito maschile. Eppure ci sono ottimi ingegneri meccanici e ottimi medici donne.

Certi mestieri sono veri campi minati per le donne, anche per quelle molto brave.

Il vino era fra di essi.

Le donne hanno quasi ovunque meno opportunità e meno retribuzioni dei maschi, problemi a cui spesso, si aggiungono quelli familiari e quelli legati a molestie sessuali e alle violenze (93 femminicidi in Italia nel 2020).

 

D'Amore non si muore - Donne del Vino - Emilia Romagna

D’Amore non si muore – Donne del Vino – Emilia Romagna

METOO E SESSISMO ANCHE NEL MONDO DEL VINO

MeToo ha cominciato a scardinare la logica della vittima complice che permetteva agli abusi di continuare indisturbati.

E il problema non riguarda solo il mondo del cinema, ma anche quello del vino. Ne sono un esempio gli imbarazzanti avvenimenti accaduti fra i Master Sommelier USA, dove gli abusi sulle candidate agli esami avvenivano da anni ad opera degli stessi insegnanti, ma solo ora sono stati contrastati da un’azione efficace e definitiva.

Il sessismo è ancora forte e viene fuori dove meno te lo aspetti. Durante il recente Wine2wine è stato citato #wineboy, un hashtag da qualche migliaio di post in cui appaiono uomini eleganti e autorevoli mentre #winegirl, che di post ne ha più di 100.000, mostra  immagini molto peggiori tra nudità ed atteggiamenti sexy.

 

DONNE DEL VINO AVANGUARDIA DEL CAMBIAMENTO

Le Donne del Vino non dimenticano Donatella Briosi uccisa dall’ex marito nel giugno 2018. Un assassinio che ha mobilitato l’associazione ed ha toccato i cuori di tutte. In occasione del 25 novembre 2020, #tunonseisola ha coinvolto oltre 100 socie con video e foto.

Il vino al femminile è consapevole di essere l’avanguardia del cambiamento in atto. In nessun comparto produttivo le donne sono ugualmente organizzate e protagoniste del rinnovamento dello stile produttivo. Un successo che, per certi versi sembra spingerle in avanti lasciando le questioni della parità di genere e degli abusi alle loro spalle.

 

Basta con la sfogliatura delle viti

La pratica di togliere le foglie che proteggono i grappoli dal sole aveva una buona motivazione vent’anni fa, ma con il clima di oggi è sicuramente sbagliata

 

Viti di sangiovese sfogliate

Viti di sangiovese sfogliate

di Donatella Cinelli Colombini

A volte il successo può essere una gabbia che impedisce ogni cambiamento ma in realtà il successo è una conquista continua che impone un continuo aggiornamento. Questo vale nello sport, nella scienza, nell’industria e anche nei settori dove, apparentemente, la conservazione delle tradizioni offre un vantaggio competitivo, come nel vino.

 

I VIGNETI DI MONTALCINO TENUTI COME GIARDINI E AMATI COME FIGLI

Nel tempo i vignaioli montalcinesi hanno curato le loro vigne con attenzione affettuosa, come fossero figli. Fra le pratiche utilizzate per accrescere la maturazione dell’uva e preservarla dal marciume, in caso di pioggia, c’era la sfogliatura che veniva fatta a mano, verso i primi di settembre. In pratica, le viti venivano private delle foglie fino a scoprire i grappoli.

Vigneto sfogliato prima della vendemmia

Vigneto sfogliato prima della vendemmia

Fino a vent’anni fa questa pratica offriva indubbi vantaggi perché accresceva la concentrazione zuccherina degli acini e li manteneva asciutti in un’epoca in cui l’uva stentava a superare il 13% d’alcool potenziale e la vendemmia avveniva sempre ad ottobre, cioè dopo l’inizio delle piogge autunnali.  La sfogliatura rendeva anche più veloce la raccolta dell’uva e questo, nel caso di tempo incerto, era un altro buon motivo per farla.

 

SFOGLIATURA DELLE VITI DA  OTTIMA PRATICA DI COLTIVAZIONE A AZIONE DANNOSA

Oggi la situazione è completamente cambiata perchè le temperature si sono sensibilmente innalzate.
Il ciclo vegetativo delle viti inizia prima e finisce prima. Questo significa che l’epoca della maturazione coincide, quasi sempre con un periodo assolato con temperature massime superiori ai 30°C. Quindi i vignaioli devono fare esattamente l’opposto rispetto al passato: se prima il sole era spesso troppo poco per delle complete maturazioni e bisognava cercarlo, oggi dobbiamo proteggere l’uva dal sole in modo che non avvengano scottature o addirittura disseccamenti. Tutta l’impalcatura fogliare deve essere usata anche in funzione ombreggiante per rallentare la maturazione “tecnologica” cioè della polpa degli acini, in modo che vada in parallelo alla maturazione “polifenolica” cioè della buccia degli acini. Solo in questo modo potremo raccogliere uve adatte per produrre grandi Brunello.

 

Angelina Jolie, Brad Pitt e il Fleur de Miraval

Non è un celebrity wine come gli altri ma un progetto enologico e di marketing impeccabile che punta all’eccellenza dello Champagne rosè

Fleur-de-Miraval-Brad-Pitt-Angelina-Jolie

Fleur-de-Miraval-Champagne-rosè-Brad-Pitt-Angelina-Jolie

di Donatella Cinelli Colombini

VINI DI PERSONAGGI FAMOSI

Torno a parlare dei vini dei personaggi famosi con una notizia di cronaca e qualche commento personale cattivo.
Ecco a voi “Fleur de Miraval” Champagne rosè firmato da Angelina Jolie e Brad Pitt. Prodotto in 20.000 bottiglie in vendita sul catalogo di Millesima al prezzo di 340€ l’una compreso il cofanetto e la spedizione gratuita.
Praticamente quanto un Dom Perignon
La mia prima reazione è stata di fastidio. Ho pensato <<i soliti personaggi belli ricchi e famosi che sfruttano il loro nome per moltiplicare vendite e prezzi di vini mediocri>>. Ma poi ho capito che il progetto non era il solito celebrity wine ma un bellissimo e ambizioso progetto enologico.
La coppia di divi cinematografici Jolie-Pitt, anche dopo la separazione matrimoniale, ha continuato a produrre insieme il rosè a Chateau Miraval in Provenza. Le bottiglie hanno una forma diversa che rimane impressa al primo colpo d’occhio, il vino è di ottima qualità al punto da entrare nella Top 100 del Wine Spectator e il risultato è un successo commerciale clamoroso.
Dopo il rosè Miraval uscito nel 2012, un’autentica armata di celebrità ha iniziato a produrre rosati ma nessuno con gli stessi investimenti e lo stesso orientamento all’alta qualità della coppia Jolie Pitt. In pratica è il nome dello sportivo, della stella del cinema o del cantante rock che fa vendere vini generalmente mediocri. L’operazione è legittima ma fa storcere il naso ai produttori veri come me e, spero a molti wine lovers.

Matteo Montone un italiano diventa Master Sommelier

Matteo Montone Sommelier AIS trapiantato a Londra dal 2013, lo scorso anno a Seoul, ha vinto il titolo di World Best Young Sommelier e ora è diventato Master Sommelier

 

Matteo-Montone-diventa-Master-Sommelier

Matteo-Montone-diventa-Master-Sommelier

di Donatella Cinelli Colombini

E’ nato a Milano e professionalmente si è formato in Italia diventando Sommelier, nel 2012 attraverso i corsi AIS, ma un anno dopo è partito per Londra e ora gareggia nei concorsi internazionali di sommelerie sotto la bandiera inglese. Una storia che assomiglia a quella di Paolo Basso. Anche Basso è italianissimo di nascita, ha vinto il titolo di Miglior Sommelier del Mondo ASI 2013 concorrendo per la Svizzera.

 

MATTEO MONTONE COME PAOLO BASSO I SOMMELIER ITALIANI CHE SBOCCIANO ALL’ESTERO

Matteo Montone è più giovane ma si avvia sulla stessa strada, infatti nel 2019 a Seoul in Corea, è diventato World Best Young Sommelier titolo mondiale fra i sommelier di nuova generazione che ha ottenuto battendo lo statunitense Jonathan Eichholz e l’australiano Andres Aragon.

Tasting-Master-Sommeliers

Tasting-Master-Sommeliers

 

COURT OF MASTER SOMMELIER 267 MEMBRI DI TUTTO IL MONDO E SOLO 2 ITALIANI

A questo riconoscimento, il 31 ottobre scorso, Matteo ha aggiunto quello di membro della Court of Master Sommeliers, superando tutti e tre gli esami al primo tentativo. Cosa, quest’ultima, quasi incredibile perché si tratta di selezioni durissime. I Master Sommeliers sono il più esclusivo, elitario e autorevole sodalizio di sommelier a livello internazionale. Nato nel 1969, organizza corsi in tutto il mondo, ma solo 267 professionisti sono riusciti a superare tutti gli esami finali. Recentemente il gruppo statunitense dei MS è stato scosso da uno scandalo per molestie sessuali ma nonostante le intemperanze a luci rosse, a cui verrà posto rimedio con decisione e in tempi stretti, l’associazione è forte e conosciuta come quella che riunisce il TOP dei sommelier mondiali.
Come sempre avviene, nei circuiti più esclusivi degli esperti di vino internazionali, i Master Sommeliers italiani sono pochissimi. Forse sono solo due, Matteo e Gino Nardella divenuto MS nel 1979 e anche lui residente in UK. C’è da chiedersi come mai i nostri migliori talenti rivelino le loro capacità solo quando vanno all’estero. Un’amara costatazione che ci porterebbe lontano.

Idee fuori dal coro sul vino virtuale

WINE2WINE 2020: vino locomotore dell’export agroalimentare e del turismo italiano con l’energia della sua autenticità ma distinguendo virtuale e reale

 

Di Donatella Cinelli Colombini

Wine2wine-forum-del-wine-business-Donne-del-Vino-e-separazione-di-ruoli-fra.virtuale-e-reale

Wine2wine-forum-del-wine-business-Donne-del-Vino-e-separazione-di-ruoli-fra-virtuale-e-reale

Le Donne del Vino rappresentate da Donatella Cinelli Colombini, Touring Club con il presidente Franco Iseppi e Wine Meridian con le testimonianze di Fabio Piccoli e Lavinia Furlani, usano la principale tribuna del wine business italiano, Wine2wine in programma a Verona il 23-24, novembre, per contrastare la sovrapposizione fra reale e virtuale nel vino.

 

WINE2WINE 2020 LE DONNE DEL VINO CHIEDONO DI SEPARARE IL RUOLO DEL VIRTUALE E DEL REALE NEL VINO

Un messaggio forte, fuori dal coro e insieme la proposta di un’alternativa: la wine experience in versione en plein air, che usa il camper e il suo sbalorditivo successo 2020, come icona del crescente bisogno di esperienze turistiche partecipate e vere, fuori dai contesti fatti per i turisti, cioè dai non luoghi del vino.
Wine2wine è il maggiore forum dedicato al wine business, creato da Stevie Kim di VinitalyInternational a fianco di una mini fiera che ha in OperaWine, in collaborazione con Wine Spectator, la prima e più esclusiva passerella del vino italiano.
La scelta di Wine2wine, con la sua capacità di proporre in anticipo i nuovi trend del vino, evidenzia la portata della proposta delle Donne del Vino: rifiuto dei non luoghi del vino nella realtà come e soprattutto nel digitale e netta separazione dei ruoli fra reale e virtuale.

 

COME IL RUOLO DEL DIGITALE SI E’ ALLARGATO DURANTE L’EPIDEMIA COVID

La rivoluzione digitale accelerata dall’epidemia COVID ha risucchiato nel web l’esperienza del vino e dei luoghi del vino finendo per trasformare una soluzione in una minaccia. La copia del vero, soprattutto in versione digitale, appare infatti persino più attraente.

divisione-di-ruoli-fra-reale-e-virtuale-nel-vino-vince-la-wine-experience-en-plein-air

divisione-di-ruoli-fra-reale-e-virtuale-nel-vino-vince-la-wine-experience-en-plein-air

Non va dimenticato che il vino e il turismo del vino italiani hanno invece il loro punto di forza proprio nell’autenticità del reale: la diversità dei vitigni e delle zone di produzione, l’emozione delle esperienze partecipate a contatto con vignaioli appassionati o con i sommelier che li raccontano, la storia e le tradizioni …..

 

Luce per gustare il vino: soffusa, naturale e calda

La luce forte e bianca stile sala operatoria innesca lo stress. Mentre quella naturale, calda e soffusa mette di buon umore e fa apprezzare di più il vino

Luci-per-degustare-il-vino-evitare-quelle-forti-e-fredde

Luci-per-degustare-il-vino-evitare-quelle-forti-e-fredde-Fienile-Fattoria-del-Colle

di Donatella Cinelli Colombini

Nei viaggi in Francia, UK o in Austria, cioè in Paesi dove la ristorazione elegante ha una tradizione più lunga e professionale, tutti abbiamo notato che i locali più esclusivi hanno tavoli con il proprio lampadario e che il cameriere accende la candela appena il cliente si siede per la cena.
Chi pensa che questo sia un inutile consuetudine sbaglia.

LA LUCE PER GUSTARE IL VINO DEVE ESSERE NATURALE CALDA E SOFFUSA

Le ultime ricerche di neuromaketing dimostrano che l’intensità e il colore della luce influiscono sul piacere prodotto da quello che si mangia o si beve. Dopo i suoni le luci sono gli stimoli più capaci di modificare la percezione dell’assaggio.

Luce-per-assaggiare-il-vino-naturale.calda-e-tenue

Luce-per-assaggiare-il-vino-naturale.calda-e-soffusa

La prima cosa evitare solo le luci da sala operatoria cioè bianche e forti. <<Già nel 1969, il ricercatore Sommer aveva dimostrato che proprio questo genere di luce riduce i margini economici, poiché riduce il tempo di permanenza nel ristorante e di conseguenza anche dei consumi>> ha spiegato Vincenzo Russo della IULM di Milano su “Tre Bicchieri” settimanale economico del Gambero Rosso.

LA SCIENZA SPIEGA LE REAZIONI DELL’OCCHIO E DELLA MENTE ALLA LUCE FREDDA E FORTE

Tutt’altra reazione con luci soffuse, di tonalità calde e naturali che hanno un’influenza positiva sugli esseri umani rendendoli gioiosi e attenti. Le evidenze scientifiche in questo senso sono assolutamente certe: nell’occhio ci sono cellule chiamate ipRGCs (Intrinsically Photosensitive Retinal Ganglion Cells), sensibili alla luce naturale e calda (Mure et al. 2019). I biologi della Saint John Hopkins University di Baltimora, hanno scoperto che la <<luce artificiale procura il rilascio di ormoni dello stress nel corpo e si associa a livelli di funzionamento cognitivo più basso. Viceversa, la luce naturale o calda naturale come si può riprodurre facilmente con i led, attraverso l’attivazione di queste cellule ipRGCs, influenza positivamente l’umore, e favorisce i processi di memoria e di apprendimento>>.

Chiara Giannotti il volto del vino always on

Social influencer, conduttrice TV, voce del vino, esperta di aste di bottiglie cult … Questo e molto altro su Chiara Giannotti e il vino diventa friendly

 

Chiara-Giannotti-the-wine-influencer

Chiara-Giannotti-the-wine-influencer

di Donatella Cinelli Colombini

Mi piace perché per certi versi mi assomiglia. Come me è nata in una famiglia di produttori di vino con una lunga tradizione alle spalle. Solo che io sono dislessica e a scuola, soprattutto con le lingue straniere, ero una schiappa mentre Chiara ha il Baccalauréat al liceo francese di Roma, città dove è nata, ed ha fatto un Erasmus alla UCL di Londra. Ma entrambe siamo laureate “cum laude” in lettere moderne e abbiamo lavorato 15 anni nelle cantine di famiglia, per lei Fazi Battaglia e Fassati.
La cosa che più ci accomuna è che poi abbiamo creato qualcosa di tutto nuovo e tutto nostro. Vi assicuro che all’inizio è traumatico, come cambiare identità, perché chi cresce nell’azienda del vino della sua famiglia, la vive come una casa e quasi si identifica con lei, come se le bottiglie e i marchi facessero parte del suo corpo.
Dopo il distacco c’è chi vive di ricordi e chi guarda avanti e costruisce qualcosa di nuovo come Chiara Giannotti. La cosa spettacolare è la velocità con cui Chiara è diventata una dei personaggi più conosciuti della comunicazione del vino dal 2015 in poi. Ora è diventata una influencer di prima grandezza.

Chiara-Giannotti-the-wine-influencer

Chiara-Giannotti-the-wine-influencer

Ovviamente le basi c’erano: Chiara era già Sommelier e Dame Chevalier de Champagne (2007), faceva il PR dei suoi vini e conosceva perfettamente lo scenario nazionale e i protagonisti della stampa specializzata.

 

CHIARA GIANNOTTI  L’INFLUENCER DEL VINO

Bella, estroversa, entusiasta, sente le nuove tendenze come un radar e si muove nel mondo dei social media come un pianista sulla tastiera.
Comincia nel 2015 creando Vino.tv, una vera e propria Web TV visibile anche nei social dove ha un numero di follower impressionate, 15.000 solo su Instagram. Ha un istinto naturale per i “tempi televisivi”, sa tenere il pubblico, costruisce racconti e interviste in modo veloce e avvincente ma soprattutto nuovo con un pizzico glamour e una spontaneità che coinvolge chi guarda.
La sua attività si amplia velocemente: collabora con Doctorwine, è tra le wine expert dalla casa d’Aste Ansuini rompendo il monopolio maschile dei banditori d’asta del vino. E’ lei che seleziona, degusta e certifica le bottiglie da collezione.

 

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi