Forum: vino e tanto altro

Renato-Brunetta-politici-e-vino

I politici “di vini” che ci piacciono

Il provvedimento sulla cultura, la tutela e la valorizzazione del vino proposto da Renato Brunetta è stato firmato da 109 deputati di tutti i partiti

Renato-Brunetta-politici-e-vino

Renato-Brunetta-politici-e-vino

Di Donatella Cinelli Colombini

Pochi argomenti riescono a mettere d’accordo i politici italiani che sembrano farsi la guerra su tutto persino dentro la stessa maggioranza e ancora peggio dentro lo stesso partito. Votate all’unanimità le norme del “codice rosso” sul contrasto alla violenza sulle donne come la “revenge porn” e gli sfregi. Ma c’è un altro argomento trasversale che riesce a aggregare consenso al di la degli schieramenti politici: il vino.

Renato Brunetta da ministro a produttore di vino

Esiste un intergruppo parlamentare dedicato proprio al vino che riunisce circa 100 deputati di tutti i gruppi

Capizucchi -vino-di-ReCapizucchi -vino-di-Renato-Brunettanato-Brunetta

Capizucchi -vino-di-Renato-Brunetta

con lo scopo di <<promuovere l’attività enologica attraverso attività sistematiche che vedano crescere la collaborazioni fra istituzioni e imprese>> ha detto il promotore dell’iniziativa e ex ministro della Pubblica Amministrazione e Innovazione, Renato Brunetta.
Da qualche tempo Brunetta ha deciso di coltivare la vigna nella sua tenuta di Capizucchi nell’agro romano dove produce circa 100.000 bottiglie l’anno di Montepulciano-Cabernet Sauvignon e Malvasia del Lazio. Un’ attività per la quale <<si è indebitato fino ai capelli>> ma che ha comportato una svolta, anche psicologica, nella sua vita. Della serie meno economia- spread-rating-banche e più agroalimentare. Ecco che tre dei quattro disegni di legge presentati da Renato Brunetta in questa legislatura riguardano il vino. In particolare introducono l’insegnamento del vino e dell’agroalimentare nelle scuole come materia di educazione civica e sostengono la produzione enologica anche attraverso il contrasto alla contraffazione.

DURATA E ORARIO DELLE VISITE IN CANTINA

La visita delle cantine italiane dura da 20 a 40 minuti. Solo i veri wine lovers desiderano un percorso più lungo. Più richiesta nel pomeriggio

Durata-visite-in-cantina-Fattoria-del-Colle-Orcia-DOC

Durata-visite-in-cantina-Fattoria-del-Colle-Orcia-DOC

Di Donatella Cinelli Colombini

La visita della cantina dura, a seconda della dimensione aziendale, da 20 a 40 minuti. Difficilmente si protrae più a lungo, soprattutto per i turisti meno esperti per i quali è anzi meglio abbreviare spiegazioni e visita mentre la voglia di sapere e le domande aumentano con l’aumentare delle competenze nel vino.

Oltre al percorso fra tini e botti, molte cantine propongono anche piccoli musei come quello della Tenuta Bonzara nei Colli Bolognesi oppure delle Cantine Ricasoli allestito nel Castello di Brolio. C’è chi ha dei cimeli da Oscar come Francis Ford Coppola nella sua cantina in California e chi, come la mia fattoria del Colle in Toscana, si sta trasformando in una wine destination con cinque attività al giorno compresa la visita della cantina e della villa cinquecentesca.

Ad ogni modo la durata delle visite non può essere troppo lunga perché la capacità di attenzione dei turisti del vino è ogni anno più

Durata-visite-in-cantina-Fattoria-del-Colle-Orcia-DOC

Durata-visite-in-cantina-Fattoria-del-Colle-Orcia-DOC-Tuscan-wine-week

limitata e perché levare tempo ad assaggi e shopping è assolutamente controproducente.

VISITE SU RICHIESTA OPPURE A ORARIO FISSO

All’inizio dell’attività di accoglienza turistica in cantina ed in bassa stagione le visite avvengono su richiesta adattandosi all’arrivo dei visitatori ma quando i flussi cominciano a ingrossarsi i winery tour devono avere un orario. Questo riduce i costi del personale e permette ai visitatori di organizzare il loro tempo.

illuminazione-delle-cantine-Fattoria-del-Colle-Trequanda-Toscana

ILLUMINAZIONE E PULIZIA DELLA CANTINA TURISTICA

Illuminazione: i light designer arrivano in cantina. Quanto conta l’igiene per le cantine turistiche? Meglio lo stile asettico o quello nature?  

illuminazione-delle-cantine-Fattoria-del-Colle-Trequanda-Toscana

illuminazione-delle-cantine-Fattoria-del-Colle-Trequanda-Toscana

Di Donatella Cinelli Colombini

Le luci calde, soffuse che creano suggestione e mostrano agli enoturisti solo le parti più belle della cantina non sono accettabili ai fini antinfortunistici. Per questo molte aziende, soprattutto quelle nate negli ultimi anni, hanno due sistemi di illuminazione: quello a luce forte per lavorare e quello più emozionale per i turisti.

LIGHT DESIGNER E LUCI ANTINFORTUNISTICHE

Ovviamente scale, rampe e altre possibili cause di cadute devono essere sempre ben illuminate ma il resto della cantina può trarre un notevole vantaggio dall’intervento di un light designer che affianchi all’illuminazione adatta a fare ricolmature e travasi, una serie di suggestioni che accrescono il fascino dei sotterranei di Bacco senza tuttavia trasformarlo nella Disneyland del vino. Il rigore è sempre utile nel rispetto della dignità del vino.

illuminazione-delle-cantine-Fattoria-del-Colle-Trequanda-Toscana

illuminazione-delle-cantine-Fattoria-del-Colle-Trequanda-Toscana

Molto utili sono i sensori e i timer che riducono lo spreco di energia, limitando l’illuminazione ai momenti in cui gli ambienti vengono visitati. Questi sistemi sono particolarmente utili per le bottiglierie antiquarie e i luoghi dove ci sono bottiglie in esposizione, per le quali è meglio ridurre l’esposizione alla luce, oltre alla precauzione di usare luci tenui e colorate.

Ovviamene luci di sicurezza, segnalazione delle vie di fuga sono obbligatorie e utilissime.

ODORI E PULIZIA DELLE CANTINE

Il grande vino si associa all’idea di un rispetto quasi sacrale e di una dedizione maniacale. Concetti che la sensibilità del nuovo millennio coniuga con due diverse interpretazioni: da un lato un ordine asettico quasi ospedaliero e sul lato opposto un tradizionalismo “nature” che in certi casi è quasi il ritorno nelle caverne.

campagna-per-moderare-i-consumi-in-Francia

La Francia limita i consumi di vino

Consumo massimo di due bicchieri al giorno di vino per un totale di una bottiglia e mezzo la settimana. Grande sconcerto fra i bevitori moderati

campagna-per-moderare-i-consumi-in-Francia

campagna-per-moderare-i-consumi-in-Francia

di Donatella Cinelli Colombini

Le intenzioni sono buone ma la campagna di comunicazione contro il consumo d’alcol che è stata diffusa in Francia all’inizio di aprile ha creato una gran confusione soprattutto fra i consumatori moderati facendoli << sentire colpevoli>> come ha detto Jérôme Villaret, delegato generale dei viticoltori della Languedoc AC.

I RISCHI DELL’ALCOL

Infatti se è vero che 41.000 persone all’anno muoiono in Francia a causa

campagna-per-moderare-i-consumi-in-Francia

campagna-per-moderare-i-consumi-in-Francia

dell’alcool (seconda causa di morte evitabile dopo il fumo) i francesi sono ben lungi dall’essere i maggiori consumatori d’alcool d’Europa. La classifica è guidata dai Paesi dove i bicchieri sono pieni di birra e distillati: Lituania, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Lettonia. Il consumo annuo pro capite di alcool puro in Francia è di 12,6 litri, poco superiore a quello del Regno unito.

VINO: DOSI GIORNALIERE E SETTIMANALI

Eppure la campagna di comunicazione dei “cugini d’oltralpe” è stata quasi una crociata << ci sono circa 10,5 milioni di adulti che bevono troppo. In ogni caso bevono in proporzioni che aumentano i rischi per la salute>> ha spiegato Viet Nguyen-Thanh, responsabile della Santé Publique dando anche i numeri dei consumi consigliati: non più di 10 bicchieri alla settimana cioè due al giorno ma facendo qualche giornata di astinenza.

Doc Orcia insegne e depliants

I depliant turistici delle cantine nell’epoca digitale

I depliant turistici delle cantine devono essere piccoli, con poco testo e molte immagini. Trasmettere valori, racconti, notizie e ciò che distingue

Violante-Gardini-col-depliant in cinese

Violante-Gardini-col-depliant-del-Brunello-in-cinese

Di Donatella Cinelli Colombini

Ricordate gli enormi depliant della fine del Novecento, quando le cantine cercavano di valorizzare il loro brand stampando brochure grandi quanto quotidiani in carta pesante? Quel tipo di strumenti di comunicazione oggi sarebbe controproducente. I buyer non prendono più neanche i biglietti da visita ma preferiscono fotografarli con il telefonino. Portarsi dietro un depliant ingombrante e pesante è impossibile per loro, specie nelle fiere e specie in viaggio quando il bagaglio è solo un trolley da dieci chili. Per non parlare dell’effetto negativo del maxi depliant su chi attribuisce alla difesa ambientale un’importanza prioritaria.

Depliant per la distribuzione nel territorio e in cantina

Ormai il digitale è protagonista; il turista del vino non ha più bisogno della brochure come souvenir della visita ma usa il suo telefono per fare i video e le foto che gli servono per ricordare e per mostrare agli amici la cantina e le

Doc Orcia insegne e depliants

Doc Orcia signs and brochures

persone che ha incontrato. Ancora il telefonino, attraverso i Qr-code apre le parti del sito che, di fatto, sostituiscono il vecchio depliant.  I flyer aziendali, da mettere in distribuzione nella sala d’ingresso della cantina, servono soprattutto per chi è più attempato e meno tecnologico, oppure per stimolare i visitatori rispetto ad altre offerte.

C’è quindi una radicale trasformazione della documentazione aziendale a disposizione dei turisti del vino. Per loro le cantine producono due tipi di flyer: quelli da mettere in distribuzione negli uffici turistici, nelle strutture ricettive, nei ristoranti della zona che contengono informazioni sulle particolarità e le attività dell’azienda, con orari, sistema di prenotazione e percorso di arrivo. Ci sono poi i depliant in distribuzione nell’area di accoglienza della cantina che devono incuriosire i visitatori rispetto alle altre offerte e spingere chi è arrivato solo per assaggiare e comprare qualche bottiglia eccellente, a pranzare davanti alle vigne, dormire in agriturismo, fare un corso di cucina, oppure una degustazione guidata dall’enologo.

Per le fiere e i tour operator la documentazione è ormai quasi solo digitale e quindi la stampa di depliant è sempre più rara.

Orcia-Wine-Festival-2019-Donatella-CinelliColombini-Giampietro-Comolli

Lezioni di super docenti: Comolli e Loguercio

Gianpietro Comolli l’uomo che ha “inventato” la Franciacorta dello spumante e Simone Loguercio Campione Italiano Sommelier AIS dicono la loro sulla DOC Orcia

Orcia-Wine-Festival-2019-Donatella-CinelliColombini-Giampietro-Comolli

Orcia-Wine-Festival-2019-Donatella-CinelliColombini-Giampietro-Comolli

di Donatella Cinelli Colombini

Orcia Wine Festival 2019 una decima edizione trionfale con un’attenzione dei media e un afflusso di pubblico senza precedenti. La festa della giovane DOC Orcia ha avuto due momenti forti che l’hanno messa a confronto con due grandi personaggi del vino italiano: Gianpietro Comolli sul progetto spumante e Simone Loguercio sull’assaggio dei vini.

GIANPIETRO COMOLLI IL MAGO DEL MARKETING DELLE BOLLICINE

Gianpietro Comolli è il mago del marketing delle bollicine, quello che ha disegnato la Franciacorta come un territorio di eccellenza dello spumante, a lui si deve l’ideazione del satèn. Anche il suo lavoro alla guida delle cantine Ferrari di Trento ha lasciato il segno indirizzando la strategia verso l’eccellenza. La DOC Orcia chiede il suo parere sulla modifica del disciplinare con l’introduzione dello spumante e Comolli dice la sua sconvolgendo in parte la strategia predisposta dal consorzio.

Orcia-Wine-Festival-2019-Simone-Loguercio-Campione-italiano-sommelier-AIS

Orcia-Wine-Festival-2019-Simone-Loguercio-Campione-italiano-sommelier-AIS

I VINI SPARKLING ITALIANI E FRANCESI

Premessa: l’Italia produce 700 milioni di bottiglie di spumante e ne esporta 500 di cui 450 di Prosecco. La stragrande maggioranza prodotte con metodo Charmat/Martinotti cioè, come dice Comolli, con metodo italiano.
La Francia produce il 97% delle sue bollicine con metodo classico – Champenoise e le vende in 180 mercati del mondo. I cugini d’oltralpe usano pochissimi vitigni per i loro vini effervescenti mentre in Italia ne vinifichiamo 38 e questo ci offre alcune buone opportunità.

LA RICETTA PER LO SPUMANTE ORCIA

Dopo questo colpo d’occhio allo scenario mondiale eccoci alla “ricetta” per l’Orcia:
1. biologico,
2. solo metodo classico, mettere sotto lo stesso marchio charmat e champenoise sarebbe dannoso
3. uso di un uvaggio di soli vitigni autoctoni uguale per tutti i produttori
4. zonazione per cercare la vocazione dei suoli e le specificità di ogni vigna
5. avere un garante esterno che certifichi l’origine e il contenuto delle bottiglie
6. prezzo molto alto

Vi presento Eric Kohler l’enologo di Château Lafite

Scopriamo l’uomo che crea i vini di Château Lafite Rothschild, si tratta di Eric Kohler un enologo che produce capolavori in bottiglia senza darsi arie

Lafite

Château Lafite Rothschild,- direttore-tecnico- Eric Kohler

di Donatella Cinelli Colombini

Prima di parlare del suo cantiniere, mi piace raccontarvi qualche particolare di questo luogo da mito; Château Lafite ha una storia senza eguali nel vino. Alla fine del Seicento le sue vigne si unirono a quelle di Latour grazie al matrimonio di Alexander de Ségur con l’erede dell’altro Château. Ma è nel Settecento che i vini di Lafite entrarono alla corte di Versailles. Il marchese Nicolas Alexandre de Ségur era soprannominato il “Principe delle viti” e il vino Lafite divenne il “Vino del re”.

Lafite il vino del Re di Francia

La consacrazione arrivò quando Richelieu, nel 1755, venne nominato governatore della Guyenne e un medico di Bordeaux gli prescrisse il vino di Château Lafite. Al suo ritorno a Parigi Richelieu era in forma smagliante <<Maresciallo>>, gli disse il Re Luigi XV <<mi sembra che abbiate venticinque anni meno di quando siete partito>> <<Vostra maestà non sa che ho trovato la famosa fontana della giovinezza? Ho scoperto il vino di Château Lafite>>rispose il

Lafite-i-big-del-vino

Lafite

Cardinale. Lafite era servito da Madame de Pompadour nelle sue cene private e più tardi Madame du Barry pretese di bere solo il vino del re, come veniva chiamato il rosso di Lafite.
Altro grande estimatore dei vini di Lafite fu Thomas Jefferson, futuro presidente degli Stati Uniti che fu ambasciatore della “Repubblica degli Stati Uniti” alla corte di Versailles. Prima e durante la rivoluzione, Lafite era in cima alla gerarchia del vino ma visse un momento travagliato con frequenti cambi di proprietà. Nonostante questo nel 1855 venne classificato ufficialmente come <<il primo dei primi cru>> Premier Grand Cru (First Growth). L’8 agosto 1868 Lafite, con i suoi 74 ettari di vigneto, fu acquistato dai banchieri de Rothschild che trasformarono il castello in un’autentica reggia piena di capolavori d’arte.

David-Biraud1-candidato-concorso-miglior-sommelier-del-mondo

La Francia voleva il titolo di miglior Sommelier del mondo

Psicologi, insegnanti di recitazione e allenatori sportivi accanto al miglior sommelier francese David Biraud. Invece il titolo di miglior sommelier del mondo lo vince un tedesco

David-Biraud1-candidato-concorso-miglior-sommelier-del-mondo

David-Biraud-candidato-concorso-miglior-sommelier-del-mondo

di Donatella Cinelli Colombini

La notizia sembra una curiosità divertente e invece deve spingere a una seria riflessione. Un grande Paese del vino deve emergere con le sue bottiglie, le sue cantine, i suoi enologi e le sue Università di enologia ma anche con i suoi esperti assaggiatori. Per questo la Francia ha investito uomini e risorse organizzative per conquistare il titolo ASI World Best Best Sommelier. Ma non ce l’ha fatta: il titolo è andato a Marc Almert, 27 anni nato a Colonia sommelier al bistellato Le Pavillon di Zurigo. sul podio anche la danese Nina Højgaard Jensen e Raimonds Tomsons dalla Lettonia.

IL TITOLO DI MIGLIOR SOMMELIER DEL MONDO

Paolo-Basso-Campione-del-mondo-sommelier-2010-al Casato-Prime-Donne-Montalcino

Paolo-Basso-Campione-del-mondo-sommelier-2010-al Casato-Prime-Donne-Montalcino

I francesi non conquistano l’ultimo gradino del podio da 19 anni perché il compianto Gerard Basset vincitore nel 2010 di nazionalità francese aveva gareggiato in rappresentava il Regno Unito. Allo stesso modo come Paolo Basso, che è italiano ma ha vinto nel 2013, per i Sommelier svizzeri. L’ultimo vincitore italiano è Enrico Bernardo nel 2004, quindici anni fa.
Ma i francesi hanno un campioncino che si è già molto avvicinato alla coppa. E’ David Biraud, capo sommelier del Mandarin Oriental di Parigi. Nel 2016, ha chiuso il campionato del mondo tra i primi tre, al fianco della seconda classificata Julie Dupouy dell’Irlanda e del vincitore Jon Arvid Rosengren della Svezia.  Quest’anno voleva vincere, anzi tutta la sommelerie francese si era impegnata  perché vincesse con un dispiego di forze senza precedenti e senza eguali nelle altre associazioni nazionali.

accoglienza-in-cantina-CasatoPrimeDonne-Montalcino

Sala di accoglienza nella cantina turistica (2)

Cosa fanno i turisti del vino nella sala di ingresso della cantina? Video, depliant, piccoli assaggi e confort cioè bagni, sedie e persino bicchieri d’acqua

Di Donatella Cinelli Colombini

accoglienza-in-cantina-CasatoPrimeDonne-Montalcino

accoglienza-in-cantina-CasatoPrimeDonne-Montalcino

SALA DI INGRESSO DELLA CANTINA

Va comunque evitata l’attesa davanti alla porta di cantina e in generale qualunque tempo morto. Aspettare innervosisce il turista che vuole spendere bene il suo tempo libero e diventa molto più aggressivo e attento a ogni piccolo disservizio. Per questo è consigliabile attrezzare l’area di accoglienza in modo che il visitatore possa ritemprarsi,  incuriosirsi e avere prime esperienze.  Infatti è in questa stanza che il turista del vino aspetta di iniziare la visita, va in bagno e riceve le prime informazioni. Il confort è importante. La temperatura adatta al vino -16-18°C- è piacevole in inverno ma decisamente fredda in estate. Questo può costituire un problema che va considerato, soprattutto rispetto ai visitatori anziani. Importantissime le sedie e la disponibilità di acqua da bere <<se vuoi vendere il vino dagli l’acqua>> mi insegnarono i colleghi francesi.

I BAGNI DELLA CANTINA

sala-di-accoglienza-in-cantina-Fattoria-del-Colle

sala-di-accoglienza-in-cantina-Fattoria-del-Colle

Avere dei bagni ad uso pubblico è importantissimo per offrire un’accoglienza ben organizzata. Ogni cabina viene usata per circa 3 minuti ogni volta, questo elemento permette di calcolare il numero dei wc che servono in rapporto ai flussi che arrivano in cantina. Evidentemente chi avrà una prevalenza di grandi gruppi dovrà aumentare il numero delle cabine mentre per chi punta su piccoli numeri di individuali potrà limitarle.  Bisogna comunque evitare che si formino lunghe file davanti ai bagni riducendo il tempo per lo shopping o la visita. Secondo le normative e l’etica il bagno per i disabili deve essere presente. La regolamentazione sui bagni è  identica a quella per i ristoranti  – rubinetti senza comando manuale, asciugamani monouso, rivestimenti lavabili … – con l’unica aggiunta del sapone che deve essere inodore per non compromettere l’assaggio del vino di chi si è lavato le mani.

Sala di accoglienza nella cantina turistica (1)

Arredi, sedie, acqua, bagni, documentazione, video … come la sala di accoglienza nelle cantine turistiche diventa glamour 

Master of Wine Florence Symposium Cantine Antinori

Cantine Antinori-nel-Chianti-Classico-

Di Donatella Cinelli Colombini

Nella stragrande maggioranza delle cantine italiane, la visita inizia e finisce nello stesso luogo. Una zona multifunzionale che negli ultimi anni è radicalmente cambiata.  E’ forse la parte delle cantine dove il look ha subito le maggiori trasformazioni con l’arrivo degli arredatori d’interni. Si tratta di ditte specializzate nella realizzazione di negozi, bar e altri ambienti a scopo commerciale.

Nella sala di accoglienza turistica sono arrivati tavoli di design, espositori per la vendita, banconi per la somministrazione, luci …. il risultato è completamente diverso dagli ambienti tradizionali, e spesso quasi domestici, delle cantine di un tempo.

Marsala Cantine Florio ingresso

Zona-accoglienza-cantine- Florio

ZONA DI ACCOGLIENZA: TIPICA O NON LUOGO?

Alla fine la zona di accoglienza del pubblico risulta molto più funzionale, accogliente  e di tendenza, ma anche molto meno identitaria. In altre parole smette di appartenere e anche di “raccontare” il posto in cui si trova e diventa invece un “non luogo” cioè uno di quegli ambienti che potrebbero essere ovunque nel mondo. Nelle cantine importanti (Antinori nel Chianti Classico, Florio, Tramin …) le strutture e gli arredi sono progettati appositamente dagli architetti, in tutte le altre vengono realizzate dalle ditte che allestiscono negozi o pubblici esercizi. Ma in entrambi i casi è più bella e meno rurale di quella che i vignaioli farebbero  da soli.

Molti produttori hanno vissuto questo cambiamento come  un’emancipazione e mostrano la zona di accoglienza moderna con grande orgoglio. Meno entusiastica la reazione dei turisti che la percepiscono come poco autentica. Tuttavia si tratta di un processo diffuso – dalla Sicilia al Trentino – e legato alla necessità di realizzare ambienti ad uso turistico e commerciale che esulano dall’esperienza precedente della campagna italiana e persino di chi produce vino da centinaia d’anni.  Insomma non è una bottaia o una tinaia per le quali c’è un lungo vissuto.

vini-di-lusso--Screaming-eagle-cabernet-sauvignon

Il vino di lusso sempre più vincente

Uno shopping da 253 miliardi di Euro all’anno per i vini oltre 100 € e di 12 miliardi per le bottiglie “dei sogni” dal prezzo superiore a 1000€

vini-di-lusso--Screaming-eagle-cabernet-sauvignon

vini-di-lusso–Screaming-eagle-cabernet-sauvignon

di Donatella Cinelli Colombini

Il mercato del vino di fascia alta è cresciuto ultimi anni. E’ passato da 77 miliardi di Euro nel 1995 a 253 miliardi di Euro nel 2015 (studio Bain & Company del 2016). Nello stesso periodo, l’indice delle aste WS ha mostrato un aumento del 300% in valore.
Balzi in avanti degni dei titoli di borsa più remunerativi e una evidente predilezione dei consumatori più ricchi per il grande vino.

Luxury Wine Marketing di Liz Thach e Peter Yeung

La Tache di Romanée Conti

Vini-di-lusso-La Tache di Romanée Conti

<<La categoria del vino di lusso incarna tutto ciò che è scarso e possiede un’estetica bellissima >> ha spiegato a Wine Searcher Liz Thach, Master of Wine e professore al Wine Business Institute di Sonoma <<fornisce un senso di privilegio e eleganza>> in altre parole chi può comprare bottiglie esclusive e costose si sente un privilegiato e questa è un’attrazione sempre più irresistibile.
Il libro Luxury Wine Marketing di Liz Thach e Peter Yeung indaga appunto sulla desiderabilità del vino di lusso e sugli elementi che lo distinguono. In effetti, mentre il mercato propone un crescente numero di bottiglie ultracare i dati aziendali sono sorprendentemente scarsi. Lo studio parte da un database di 8500 vini con un prezzo superiore a $ 100 per bottiglia, suddiviso per varietà di uva, regione, tipologia e prezzo prendendo in considerazione le annate dal 2010 al 2016. Le principali fonti utilizzate dagli autori sono state Wine Spectator (WS), Wine-Searcher, The Encyclopedia of Champagne e le interviste.

Vigna-senza-glifosato

Glifosato: voglia di proibirlo perchè è ovunque

Glifosato, il più usato erbicida del mondo è presente in tantissimi alimenti e persino nell’acqua. Nei consumi quotidiani un cumulo rischioso per la salute

Vigna-senza-glifosato

Vigna-senza-glifosato

Di Donatella Cinelli Colombini

La recente dichiarazione del Presidente Emmanuel Macron <<J’ai demandé au gouvernement de prendre les dispositions nécessaires pour que l’utilisation du glyphosate soit interdite en France dès que des alternatives auront été trouvées, et au plus tard dans 3 ans>> che annuncia l’intenzione di proibire l’uso dell’erbicida più diffuso del mondo, il glifosato, entro tre anni, ha scatenato un vero putiferio.

LA PROIBIZIONE DEL GLIFOSATO IN FRANCIA

L’amico Angelo Gaja mi segnala l’articolo di Bertrand Collard ,capo redattore del periodico “La Vigne” che prospetta un’autentica catastrofe a seguito della proibizione del glifosato, poichè produrrebbe l’abbandono dei terreni più costosi da coltivare e aumenterebbe l’utilizzo dei trattori con conseguente crescita dei gas che emettono. <<Et beaucoup ne veulent pas, considérant qu’elle rend bien plus de services qu’elle ne cause de problèmes…. Une interdiction du glyphosate dans quelques mois conduirait à une catastrophe pour notre secteur …>>

coltivazione-con-diserbante

coltivazione-con-diserbante

PROIBIZIONE DEI PESTICIDI NOCIVI IN ITALIA

La stessa decisione, in Italia, è passata quasi sotto silenzio. Del resto, come ha scritto Albino Russo nel Rapporto Coop 2018 <<nel nostro Paese, molto più che nel resto d’Europa, è diffusa la consapevolezza che l’ambiente è componente fondamentale del nostro benessere individuale>> Forse per questo la mozione proposta da Rossella Muroni e Serse Soverini  sull’abolizione dei pesticidi nocivi è stata approvata all’unanimità da parte della Camera dei Deputati.

RESIDUI DI GLIFOSATO IN BIRRE E VINI

Intanto arrivano notizie ancora più preoccupanti: tracce di glifosato sono state rilevate in diverse tipologie molto note di birra e vino, tra cui Coors Light, Budweiser e Beringer, secondo un rapporto pubblicato da US.PIRG, gruppo statunitense di interesse pubblico.
I ricercatori di US PIRG hanno testato cinque vini e 15 birre cercando tracce di glifosato – l’erbicida più comune al mondo. 19 dei 20 campioni esaminati contenevano tracce di glifosato e il Merlot di Sutter Home 2018 era quello con maggiore presenza di 51 parti per miliardo (ppb). Persino i vini ottenuti da agricoltura biologica risultavano contaminati, forse a causa dell’enorme diffusione dell’erbicida che lo ha portato a contaminare persino l’acqua piovana. Qualcosa di simile è avvenuto, nel passato, con il DDT, le cui tracce erano anche nel grasso dei pinguini del Polo.

Consumo-del-vino-differenze-fra-uomini-e-donne

Alcool: perché le donne devono bere meno degli uomini

Sesso, età, alimentazione, influiscono sulla quantità di vino che è possibile bere ma c’è una regola assoluta per tutti: bere poco e spesso per stare sani

Di Donatella Cinelli Colombini

Consumo-del-vino-differenze-fra-uomini-e-donne

Consumo-del-vino-differenze-fra-uomini-e-donne

A volte gli incontri “di vini” sono più inaspettati, più interessanti e più sorprendenti di quanto si immagina. Mi è successo quest’anno durante le Anteprime di Toscana con il giornalista Michael Apstein che mi ha chiesto di visitare le cantine della Doc Orcia, per un articolo da pubblicare nella rivista inglese “Decanter” con solo due giorni di preavviso. Io e mio marito Carlo Gardini siamo andati a prenderlo a San Gimignano e in macchina ho esordito: <lei non ha un accento british…> <no> ha risposto lui <sono di Boston e sono un medico, insegnavo gastroenterologia>. Cavoli, mi sono detta: Boston è la città di Harvard e dei premi Nobel , questo deve essere un tipo forte! E infatti, quando mi ha mandato un suo articolo sul consumo dell’alcol, ho finalmente capito perché i medici rispondono <dipende> alla domanda sulla dose consigliata.
L’articolo che qui vi riassumo ha basi scientifiche ma, finalmente, è scritto in modo da essere comprensibile da tutti.

UOMINI, DONNE E ALCOL

Donne-e-vino-Violante-in-degustazione

Donne-e-vino-Violante-in-degustazione

Un uomo di 80 kg che beve vino regolarmente e ha appena consumato due calici di vino durante un pasto concedendosi due ore di relax a tavola ha un livello d’alcol nel sangue enormemente inferiore rispetto a una donna di 60 kg che beve solo occasionalmente ed ha gustato gli stessi due calici spilluzzicando velocemente. Gli scienziati non hanno capito esattamente le cause, ma le donne metabolizzano meno alcol nello stomaco dove l’enzima alcol deidrogenasi – ADH funziona meno bene perché gli estrogeni lo inibiscono. A causa di questo fatto un maggior quantitativo d’alcol passa nell’intestino tenue dove viene assorbito. Il risultato finale è che una donna, bevendo la stessa quantità di alcol, avrà una percentuale d’alcol nel sangue molto più alta di un uomo.
Altro elemento sfavorevole per le donne è la diversa composizione del corpo maschile, che contiene più acqua. Infatti l’alcol viene diluito nei tessuti ricchi d’acqua e non in quelli grassi.

                                                                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi