Vivi e rivivi l’esperienza in Fattoria

Da Toscana Lover un “creativo” nel piatto

Toscana Lover, la boutique del miglior artigianato toscano, mostra come i ricordi dell’infanzia diventano moda e life syle se c’è un creativo di grande maestria

Stefano-Ceramiche-Virginia

Stefano-Ceramiche-Virginia

Si chiama Stefano ed è un autodidatta, l’ho incontrato mentre lavorava alla colorazione delle sue ceramiche con indosso un grembiule sporco. E’ lo sguardo curioso e aperto che mi ha rivelato la sua personalità fuori del comune ed infatti lui è il creativo delle “Ceramiche Virginia” quello che ha trasformato dei vecchi oggetti d’uso in serviti da tavola di tendenza. Un successo mondiale e il trionfo di quello che chiamerei il “tuscan life style”

Ecco i boccali di ferro smaltati di bianco con i bordi sbeccati e leggermente rugginosi che i contadini usavano nei campi che diventano piatti e coppette … poi le cassette in legno per la frutta che si trasformano in vassoi di maiolica, i barattoli di latta per biscotti e pomodori che rinascono i barattoli di terracotta con disegni a rilievo…. Fine il paiolo annerito dal fumo del camino che diventa una pentola da fuoco di alta tecnologia e talmente bella da poter essere portata in tavola.

Gli applausi di Montalcino al sindaco del coraggio Lanzetta

Con Maria Carmela Lanzetta vincono il Premio Casato Prime Donne Giorgio Dell’Orefice, Luciano Ferraro, Montalcino News e Gianfranco Bracci

Montalcino-PremioCasatoPrimeDonne-vincitori-e-giuria

Montalcino-PremioCasatoPrimeDonne-vincitori-e-giuria

Montalcino sabato 15 settembre, il settecentesco teatro degli Astrusi, nel centro storico della capitale del Brunello, fa da cornice al Premio Casato Prime Donne giunto quest’anno alla 14° edizione. Un premio che valorizza chi scrive, studia o fotografa Montalcino ma soprattutto le donne simbolo del nostro tempo.

Organizzato da una cantina tutta al femminile – Casato Prime Donne di Donatella Cinelli Colombini- incorona ogni anno un personaggio che si distingue per l’aiuto o l’esempio offerto al mondo femminile. Maria Carmela Lanzetta, sindaco di Monasterace, che ha resistito alla criminalità rimanendo al suo posto nonostante attentati e intimidazioni, è davvero un bell’esempio di donna e di rappresentante istituzionale.

L’ immagine del Premio Casato Prime Donne 2012

Ecco le  Prime Donne  del vignettista Emilio Giannelli  in occasione del Premio che porta il nome della cantina al femminile di Donatella Cinelli Colombini[caption id="attachment_9365" align="alignleft" width="300" caption="Giannelli_per_CasatoPrimeDonne"][/caption]La regina Elisabetta II, Santa Caterina, Giovanna d’Arco, Margaret Thatcher, Elisabetta I d’Inghilterra, Maria Teresa d’Austria, Angela Merkel. Queste sono le Prime Donne che brindano con il Brunello disegnate da Emilio Giannelli vignettista della prima pagina del "Corriere della Sera".Domani vedrete le immagini della cerimonia al teatro degli Astrusi a  Montalcino con la premiazione di Maria Carmela Lanzetta, Giorgio Dell’Orefice, Luciano Ferraro, Montalcino News e Gianfranco Bracci. Infine le foto della cena in onore dei...

Ferrari dinner a Montisi domani sera

Montisi è la località con il maggior consumo pro capite di spumante nel mondo: 400 abitanti oltre 2.000 bottiglie all’anno. E sabato festeggia con le bollicine

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini

ferrari_dinner1

ferrari_dinne

L’evento è organizzato dal Barrino di Montisi “l’ombelico del mondo”  ( 10 km dalla Fattoria del Colle) e si preannuncia come una festa in grande. Scenografia dominata dal cesto della mongolfiera di Ballooning in Tuscany. Il pallone aerostatico Virgin, organizzazione che in Gran Bretagna ha oltre 80 mongolfiere in attività, qui da noi vola quasi ogni mattina regalando ai turisti emozioni indimenticabili concluse da un pic nic a base di salame, cacio pecorino e spumante Ferrari.

Torniamo alla festa di sabato prossimo -domani- a Montisi.  Nei  buffet  ci saranno formaggi selezionati, le famose polpette della mamma appena fatte e la porchetta cotta nel forno a legna. Tantissimi finger food e assaggini fino ad arrivare al gelato di Tony Cafarelli. Qui c’è da sognare: gelato alle rape rosse con pecorino di Montisi …. gelato alla ricotta con fichi al caramello e noci salate … roba da perdere la testa.

Lanzetta, Dell’Orefice, Ferraro, Montalcino News e Bracci

 Il premio Casato Prime Donne 2012 a Maria Carmela Lanzetta Giorgio Dell’Orefice, Luciano  Ferraro, Montalcino News e Gianfranco Bracci

Montalcino News

Montalcino News

Monasterace un comune dove una farmacista sposata con due figli, una donna normale, diventa un esempio di coraggio, un sindaco che rimane al suo posto nonostante attentati e minacce trasformandosi in un esempio per tutte le donne. Questa è la Prima Donna 2012 protagonista della cerimonia di Montalcino, sabato 15 settembre alle 17 nel Teatro degli Astrusi, insieme a  Giorgio Dell’Orefice, Luciano Ferraro, Montalcino News e Gianfranco Bracci che hanno divulgato i territori in cui nascono il Brunello e la doc Orcia.

E’ la campagna bellissima in cui si trova il Casato Prime Donne di Donatella Cinelli Colombini, la cantina, prima in Italia con un organico tutto femminile, che organizza il premio e promuove, fra le botti di Brunello come nella società, un nuovo modello femminile. Un modello che le giurate del Premio Casato Prime Donne hanno visto ben espresso in Maria Carmela Lanzetta, un sindaco che ha subito l’incendio della farmacia di famiglia, tre spari di fucile sulla sua macchina e altre minacce, nonostante le quali è rimasta al suo posto suscitando la solidarietà delle istituzioni nazionali  e facendo sperare in un futuro diverso per i territori in cui il rispetto delle regole è ancora fonte di rischi e sacrifici.

Note di vino a Trequanda il paese della Fattoria del Colle

Notte di festa e di giovani a Trequanda con musica, vini, cibi e l’ospitalità di una terra ancora da scoprire. Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini

Trequanda_assaggio_Chianti_doc_Orcia_Fattoria_del_Colle

Trequanda_assaggio_Chianti_doc_Orcia_Fattoria_del_Colle

In barba a chi giudica severamente i giovani, quelli di Trequanda, comune di 1400 abitanti, con panorami mozzafiato ma ancora sconosciuto al grande turismo,  hanno entusiasmo, spirito di servizio e soprattutto intraprendenza.

Aiutati dalla Pro Loco hanno organizzato una serata che ha sorpreso anche me che pure giro il mondo e vedo all’opera le agenzie blasonate. Bravi!

Tutto piccolo ma tutto perfetto e  curato nei minimi dettagli, compresa la distribuzione dei calici da degustazione e la raccolta fondi  in favore della Misericordia (organizzazione assistenziale di origine medioevale diffusissima in Toscana). Nella piazza di Trequanda c’era il “Teatro 10”  di Sinalunga che ha suonato e cantato pezzi di Mina e Battisti. Bravissimi, soprattutto la cantante.  Tutto intorno le cantine: La Bandita, La Selva, Trequanda e la mia Fattoria del Colle, inoltre un buonissimo carpaccio di bue chianino della Macelleria Ricci, le marmellate artigianali e i prodotti del Forno Mancini.

Land art doppia di Marco Pignattai per il Casato Prime Donne

Quasi un monumento alla Land art di Marco Pignattai nei vigneti di Brunello in occasione del Premio Casato Prime Donne 2012 al Sindaco Lanzetta

Montalcino CasatoPrimeDonne Ardita MarcoPignattai

Montalcino CasatoPrimeDonne Ardita MarcoPignattai

Maria Carmela Lanzetta il sindaco calabrese che si è opposto alla criminalità organizzata diventando un simbolo di coraggio civile, riceverà il Premio Casato Prime Donne 2012 che ogni anno viene assegnato a personaggi femminili di particolare rilievo. La sua dedica a Montalcino è ora nei vigneti di Brunello accanto a un’istallazione artistica di Marco Pignattai.

Il nome dell’opera è “Ardita”  come ardita è la coraggiosa sindaco di Monasterace.  Raffigura un bue di razza chianina, a grandezza naturale, un animale storico di questa terra dove ha lavorato tirando lo stesso aratro che l’artista ha messo dietro la scultura.   Il bue è realizzato con una siluette in acciaio a specchio che riflette la campagna circostante quasi diventandone parte. La scelta del soggetto e quella stilistica di dissolvere la sagoma nel paesaggio riconduce l’opera a quei nuovi “paesaggisti” che propongono una riflessione concettuale e critica dell’ambiente,  ma non basta a spiegare un’opera che ha una genesi lunga otto anni e anche una gemella.

Venite in Toscana con noi un giorno in vendemmia

Assistere alla vendemmia nel Brunello e nel Chianti in vigna, in cantina, in degustazione e persino a tavola da Donatella Cinelli Colombini  

vendemmia alla Fattoria del Colle

vendemmia alla Fattoria del Colle

Un’esperienza unica per scoprire come nascono i grandi vini rossi toscani: Brunello, Chianti Superiore, Doc Orcia.  Conoscerete nuovi amici, dormirete nelle case degli antichi contadini ( i mobili sono antichi ma il confort è moderno) vivrete una giornata divertente tra vigneti e cantine nel momento della vendemmia, facendo assaggi tecnici guidati da personale esperto, senza farsi mancare  i sapori dei piatti delle Crete Senesi e della Val d’Orcia. La domenica, prima di partire, degustazione verticale guidata del Brunello di Montalcino prodotto al Casato Prime Donne e pranzetto a base di pinci. Per concludere il viaggio con la visita delle città d’arte vicine di  Pienza e Montepulciano.

Messaggio alle donne del sindaco della legalità Lanzetta

Ecco il messaggio alle donne della vincitrice del premio Casato Prime Donne 2012 che rimarrà per sempre nei vigneti di Brunello di Montalcino

montalcino-premio-casato-prime-donne-2012-sindaco-monasterace-lanzetta

montalcino-premio-casato-prime-donne-2012-sindaco-monasterace-lanzetta

Il Premio Casato Prime Donne 2012 è stato assegnato a Maria Carmela Lanzetta come esempio di nuova femminilità e di impegno civile capace di creare coinvolgimento. Il Sindaco di Monasterace Lanzetta ha subito l’incendio della farmacia di famiglia, spari sulla sua auto e altre minacce ma ha accettato di rimanere al suo prosto difendendo la legalità e i suoi concittadini.

La messaggio che Maria Carmela Lanzetta ha scritto in occasione del premio rispecchia la sua personalità positiva, la sua costante dedizione al prossimo e il suo amore per la Calabria e la Toscana

<< I nostri occhi stupefatti dai colori del mare del paese natio / e dai cipressi che veleggiano sulle armoniose onde delle colline/ toscane. Viaggiare / nella loro prospettiva infinita / e pensare alla Bellezza del Paesaggio da tutelare / e alle Donne   da proteggere  dalla violenza quotidiana >>

Pollo del dio Marte creato dallo Chef Antonio Corsano

Ricetta creata per Calici di stelle 2012 all’ Osteria della Fattoria del Colleagriturismo in Toscana– dove la cena era dedicata al sistema solare

Fattoria del Colle-Pollo-Marte

Fattoria del Colle-Pollo-Marte

La ricetta è piaciuta a tutti, anzi ha riscosso consensi entusiastici durante la serata delle stelle cadenti. E’ nuovo, è stato ideato da Antonio Corsano, ma ricorda la cucina rinascimentale toscana per l’accostamento di sapori salati e dolci, l’uso di spezie e soprattutto del dragoncello presente in molte pietanze antiche di Siena.

Ingredienti per 4 persone: 2 petti di pollo interi,¼ di cipolla rossa,1 bustina di zafferano,1 cucchiaio di uva sultanina bagnata nel vinsanto,1 cucchiaio di pinoli tostati, farina, olio extravergine di oliva, sale, misto di pepe bianco, nero e Giamaica, 2 bacche di ginepro, 4 piccoli crostoni di pane tostato Per la salsa di pomodoro: 4 pomodori maturi, foglie di dragoncello, un rametto di basilico, un cucchiaio di panna, una noce di burro, sale e pepe ed olio extravergine di oliva q.b.

Preparazione della salsa di pomodoro: Lavare bene i pomodori togliendo poi la parte interna; metterli a bollire in un pentolino di acqua salata. Quando saranno pronti, lavorarli con il mixer ad immersione aggiungendo le foglie di dragoncello, il basilico, un filo di olio. Ridurre a salsa abbastanza fluida. Mettere la salsa in una casseruola e lasciar cuocere a fuoco lento aggiungendo la panna e il burro. La salsa sarà pronta quando assumerà la consistenza di una pastella morbida.

Compleanno di Violante Gardini la CinellicolombiniJr

Violante Gardini prima, unica, inimitabile figlia di Donatella Cinelli Colombini e Carlo Gardini finisce 28 anni [caption id="attachment_9034" align="alignleft" width="300" caption="Violante_Gardini_la_Cinellicolombini_Jr"][/caption]E' nata a Montalcino e proprio nella sua terra di origine ha trascorso la giornata del complenano in attesa di festeggiare con i suoi amici, fra qualche giorno, al Casato Prime Donne...

Nelle Crete senesi un’occasione unica per i fotografi

Se ami fotografare il paesaggio non perdere questo momento, vieni in Toscana! Dalla Fattoria del Colle partono strade con panorami mozzafiato

L’estate più arida e calda degli ultimi 200 anni in Toscana ha trasformato le Crete senesi  accentuando il contrasto di colore

Terre_di_Siena_Asciano_estate_21012

Terre_di_Siena_Asciano_estate_21012

fra il giallo oro del  grano appena mietuto e il grigio scuro del suolo arato. E’ talmente bello da sembrare un capolavoro dipinto. Fa venire la pelle d’oca, quasi una “Sindrome di Stendhal” in campagna. Le Crete senesi, sono  un’area ovale di 80.000 ha a Sud di Siena. E’ circondata dalle colline con i boschi e i vigneti di Brunello, Chianti, Vernaccia e Doc Orcia.

Per secoli le Crete senesi sono state il granaio della Repubblica di Siena e poi del Granducato di Toscana ma la scarsità d’acqua e la difficoltà di coltivazione del suolo argilloso facevano scappare i contadini verso i paesi intorno, circostanza che ha preservato l’integrità di queste colline brulle rimaste intatte fino ad oggi. Per questo assomigliano ancora a quelle dipinte da Ambrogio Lorenzetti nel celebre affresco con gli effetti del Buongoverno quasi settecento anni fa.

Boni i pinci della tu nonna!!!! Ecco come si fanno

Pinci, pici, lunghetti … chiamateli come volete ma sono buonissimi. La pasta senese fatta a mano che alla Fattoria del Colle  si mangia e si impara a fare

Patrizia insegna  a fare i pinci

Patrizia insegna a fare i pinci

Ogni lunedì alle 18 lo chef Antonio o le massaie della fattoria del Colle – agriturismo in Toscana– insegnano ai turisti come preparare i pinci. E’ un po’ lungo ma facile e tutti riescono ad imparare il movimento che trasforma la pasta fresca in una lunga cordicella ( pincio vuol dire spago, corda, funicella). Poi, per cena, l’ Osteria della fattoria del Colle serve un “pinci tasting”  cioè 3 assaggi di pasta con tre sughi diversi.  Spesso c’è il sugo di nana cioè di oca muta tipico della Valdichiana che fino alla fine del Settecento era una palude.

INGREDIENTI X 4 persone Per i pinci: 1 uovo, due cucchiai da minestra di olio extravergine di oliva, 800 g di farina, un manciato di farina di mais, sale Per il sugo di nana: una cipolla, una carota e una costola di sedano,  3 cucchiaiate di olio extravergine d’oliva, 400 g di carne d’anatra e  300g di macinato di bue, un bicchiere di vino rosso, 500 g di pomodori pelati,  bacche di ginepro, due foglie di alloro, un peperoncino  un ciuffo di prezzemolo, sale

Tartufo di ferragosto nelle Crete Senesi

Nel castello di San Giovanni d’Asso, vicinissimo alla Fattoria del Colle, festa notturna di ferragosto: stornelli, tartufo bianco delle Crete senesi e spumante

Sogni di una notte di mezza estete, un castello da principe azzurro dove i cantastorie intrattengono gli ospiti con antichi

San-Giovanni-D'Asso-stornellatori con Molteni

San-Giovanni-D'Asso-stornellatori con Molteni

stornelli il profumo intrigante dei tartufi e i calici di spumante per brindare all’estate.

Ma non siamo in un sogno, siamo a San Giovanni d’Asso la capitale del tartufo bianco delle Crete senesi nel Sud della Provincia di Siena, a 10 km dalla Fattoria del Colle. Qui il bravissimo sindaco Michele Boscagli ha organizzato una serata nel cortile del trecentesco castello che domina il paese, un luogo suggestivo con monumentali arcate in mattoni sormontate da un loggiato.   Due stornellatori cantavano mentre Gianfranco Molteni, antropologo e direttore del Museo del Tartufo nel sotterraneo dello stesso castello, spiegava gli stornelli in rima baciata, la poesia ironica e le improvvisazioni in rima  tipici delle aie contadine di un tempo.

E’ insomma una “Veglia col tartufo” in piena regola e con due interpreti di prim’ordine come Marco Betti e Marzio Matteoli. Echi di un passato contadino, arguto e compagnone che arrivano a noi quasi come una nostalgia.

Colazione continentale, all’inglese o alla toscana?

Le colazioni alla Fattoria del Colle sono indimenticabili: ciambelloni, crostate, torte di mele appena fatte … e poi frittate contadine e cacio con le pere

Fattoria-del-colle-Patrizia-pasticcera2

Fattoria-del-colle-Patrizia-pasticcera2

Sulle colazioni ci sono due scuole di pensiero: c’è chi sostiene che il turista è soddisfatto solo se trova  quello a cui è abituato cioè le uova strapazzare con pancetta, pane tostato  e simili. Poi ci sono specialisti di marketing turistico che affermano l’esatto opposto cioè che il turista cerca l’esperienza e la diversità per cui un breakfast di tipo “internazionale” in un agriturismo in Toscana lo delude.

Io propendo per la seconda opinione.

Tuttavia ritengo che nelle nostre  tradizioni ci sia ciò che serve per offrire una colazione capace di soddisfare chiunque. Infatti gli antichi contadini non facevano colazioni dolci bensì salate ed è proprio da questi sostanziosi spuntini di mezza mattina che dobbiamo partire per offrire <<The tuscan-international breakfast>> .

Ecco che la frittata contadina, il cacio pecorino fresco e secco con le pere, il salame e la finocchiata di maiale, il pinzimonio con l’olio extravergine della Fattoria del Colle e gli ortaggi sono un’ottima alternativa allo scrambled egg with bacon. Ovviamente ci vogliono anche yogurt, succhi di frutta, corn flakes … e altri alimenti che vanno acquistati e sono più o meno uguali in tutto il mondo ma il punto di forza della colazione, quello che sbaraglia ogni concorrenza, è Patrizia la pasticcera dell’ Osteria di Donatella nella Fattoria del Colle.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi