Agribusiness management Tag

L’agricoltura ha bisogno di ruralmanager ma chi li forma?

Le Facoltà di Agraria insegnano a produrre ma poco il management e il marketing dell’agroalimentare mentre le multinazionali degli agrofarmaci formano ruralmanager

Ruralmanager-Pisa-Università-Normale-SantAnna

Ruralmanager-Pisa-Università-Normale-SantAnna

Di Donatella Cinelli Colombini

745.000 aziende agricole in Italia, di cui poco meno di un terzo diretta da  donne e solo una su dieci guidata da un giovane sotto i 35 anni. A fronte di questo panorama piuttosto maschilista ed invecchiato, le facoltà di agraria vedono crescere le iscrizioni a ritmi vertiginosi e negli ultimi cinque anni hanno aumentato gli studenti del 36% fino a toccare i 45.566 futuri agronomi. In effetti il tasso di occupazione dei neo laureati a un anno dalla fine del ciclo universitario è del 73%,quindi più che buona. Sono loro i futuri ruralmanager a cui viene chiesto di cambiare il profilo delle imprese e del lavoro agricolo.

COSA INSEGNANO LE FACOLTA’ DI AGRARIA

Ma cosa devono sapere i “fattori” delle aziende moderne? Cioè cosa chiedono loro le imprese rurali nel colloquio di assunzione e,            soprattutto, queste competenze sono le stesse insegnate all’università?
Va detto che le facoltà che un tempo si chiamavano “Agraria” sono ora spacchettate in tanti corsi di laurea su

Università di Davis fuori lezione

Università di Davis fuori lezione

produzioni alimentari, produzioni animali, enologia, settore forestale e naturalmente “scienze e tecnologie agrarie”. L’ultimo arrivato è il paesaggio per il quale, a Firenze, nel mese di gennaio è partito un Master dedicato proprio al paesaggio agrario. Andando a vedere gli insegnamenti ci rendiamo conto che l’università,  salvo poche eccezioni, forma consulenti ma non futuri manager aziendali dell’agricoltura.
Nel corso più specificamente rurale abbondano gli insegnamenti di chimica, biochimica, coltivazioni e fisiologia vegetale, estimo, statistica, enologia, matematica, economia, animali, tecnologie delle produzioni agroalimentari, idraulica, difesa ambientale e della salute ….. pochissimo marketing, niente management, niente comunicazione, poco diritto, poco inglese, poco sulla gestione aziendale e nessuna nozione sul turismo. Insomma, se consideriamo i futuri colloqui di assunzione del neo laureato, c’è di che preoccuparsi per lui.