diminuzione dei maschi -3% e una crescita delle donne +10% Tag

OGGI IL CONSUMO DEL VINO E’ PIU’ PIACERE CHE ABITUDINE

NEL 2023 I CONSUMATORI DI VINO ABITUALI SONO CALATI DI 400MILA. MAI PRIMA UN NUMERO COSÌ GRANDE DI ITALIANI LASCIAVA IL VINO IN FAVORE DI ALTRE BEVANDE

calano i consumatori abituali di vino in Italia

calano i consumatori abituali di vino in Italia

di Donatella Cinelli Colombini #winedestination

C’è chi ha tagliato i consumi di vino perché ha bisogno di risparmiare a causa dell’inflazione e del caro mutui.
C’è sicuramente un ricambio generazionale: i giovani sono meno interessati al vino rispetto agli over 65 che, da soli, costituiscono il 40% dei bevitori abituali italiani ma che, tuttavia, pian piano smetteranno di bere.

C’è uno stile di consumo che privilegia i cocktails e altre bevande.
C’è l’effetto di dichiarazioni come quelle che hanno orientato le scelte UE: <<non esiste una dose salutare nel consumo del vino>> E questo benché la durata media della vita degli astemi sia più breve di quella dei bevitori moderati.
C’è il cambiamento climatico e l’impegno nella sostenibilità ambientale che fa crescere i prezzi di produzione e il contenuto alcolico del vino.