EGO compensato Tag

Il complesso di superiorità del pallone gonfiato

Arroganti e superbi in genere sono anche poco capaci e molto aggressivi ma si danno grandi arie di superiorità. Allontanatevi o vi faranno del male 

 

Arroganti, presuntuosi, palloni gonfiati: come difendersi

Arroganti, presuntuosi, palloni gonfiati: come difendersi

di Donatella Cinelli Colombini

Tutti abbiamo avuto a che fare con un tipo così, in famiglia o a lavoro. C’è persino chi ne ha sposato uno o una. Parlo di quelli che si danno arie di superiorità, si vantano di quello che sono e quello che fanno, ostentano una grande sicurezza e autostima. Sempre a testa alta, sanno tutto, hanno sempre ragione e guardano tutti dall’alto in basso. Fosse solo questo sarebbe sopportabile ma i palloni gonfiati arrivano a fare del male al prossimo, calunniando gli altri e soprattutto umiliando quelli che, nella realtà, hanno più talento di loro.

Nel mondo del vino ce ne sono tanti,  ma proprio tanti. E la cosa brutta è che fanno breccia, almeno in un primo momento, perchè  appaiono più smart e performanti agli occhi di wine lovers, buyer e soprattutto comunicatori. E spesso riescono anche a raggiungere posti di potere diventando ancora più pericolosi.

Nella realtà, come dice Rafael Caldet <<il nostro ego si propaga in modo direttamente proporzionale all’insicurezza che proviamo>>, cioè la superbia è figlia dell’insicurezza.
Anzi paradossalmente più la fiducia in se stessi è bassa e più si è incapaci di accettare i propri limiti e cresce il bisogno di sopravvalutarsi.

La voglia di migliorarsi è un elemento positivo della personalità. In questo caso parliamo  invece di persone che hanno bisogno di primeggiare ad ogni costo e, per riuscirci, devalorizzano gli altri.

Qui di seguito spiegherò chi sono questi tipi, come si comportano e come difendersi da loro, nella vita come nel lavoro.

 

COME SI DIVENTA UN PALLONE GONFIATO

Dopo essere stato calpestato da bambino, il tipo cerca di calpestare gli altri e mostrarsi sicuro sin dal primo giorno quasi come un’azione preventiva che neutralizza possibili attacchi successivi.
Non riconosce mai gli errori che commette e scarica la colpa sugli altri.
E’ pedante e superbo, con un’opinione talmente positiva di se stesso da proporsi a modello tra chi lo circonda.