Eno Bee Api in Vigneto Tag

Mettete le api nei vostri vigneti

Il progetto parte dal Friuli Venezia Giulia e crea un’alleanza fra vigneti e api all’interno di un ecosistema più salubre e ricco di biodiversità

api sull'uva

api sull’uva

Di Donatella Cinelli Colombini

Hanno iniziato Mariagrazia De Belli e le altre donne di Enomarket con il progetto “Eno Bee Api in Vigneto” che ha diffuso gli alveari nelle vigne del Friuli Venezia Giulia fino a convincere il Consorzio del Collio e produttori autorevoli come la mia amica Ornella Venica.

API SENTINELLE AMBIENTALI NEL VIGNETO

Le api sono sentinelle ambientali e muoiono se vengono usati prodotti fitosanitari dannosi come i piretroidi. La presenza delle api è quindi una garanzia di salubrità ambientale, rispetto del territorio e della biodiversità. Portarle nel vigneto stimola un equilibrio virtuoso perché le api

Settimana del miele

Settimana del miele a Montalcino alleanza fra api e vigneti

impollinano quindi agevolano l’allegagione (formazione del frutto), inoltre succhiano lo zucchero dagli acini danneggiati riducendo il rischio di botrite. La vecchia credenza che le api bucassero gli acini per cibarsi della polpa è sbagliata e i vignaioli non hanno nulla da temere dalle laboriose amiche alate. Le api vanno solo sugli acini già aperti e, se ci riescono, li prosciugano evitando il marciume.

API CUSTODI DELLA BIODIVERSITA’

Sono anche fra i custodi dei lieviti, infatti una ricerca della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige, sviluppata in collaborazione con l’Università di Firenze ed il Cnrs di Montpellier, pubblicata dalla rivista statunitense Pnas – Proceedings of the natural academy of sciences, ha dimostrato che il Saccharomyces cerevisiae cioè il lievito responsabile della fermentazione alcolica da cui si origina il vino, vivono e svernano nell’intestino di vespe sociali e calabroni. Sono loro i custodi della biodiversità dei lieviti che accresce le specificità locali dei vini con essi ottenuti.