Testudo Hermanni Tag

Il giardino delle tartarughe della Fattoria del Colle

Inaugurato il giardino delle tartarughe della fattoria del Colle, una zona di 100 mq ideale per proteggere e dare una vita felice ai rettili più antichi presenti sulla terra

Fattoria del Colle Tartarughe

Giardino-delle-tartarughe-Fattoria del Colle

Di Donatella Cinelli Colombini, agriturismo, Toscana

Venite a vederle e a dare loro qualche foglia di insalata e qualche frutto. Lo mangeranno volentieri. Il giardino delle tartarughe della Fattoria del Colle è stato costruito da Alfio che è un vero esperto di questi animali e costituisce un habitat ideale in cui vivere e riprodursi.

Ecco qualche informazione giusto per farvi venire curiosità e trasformarci in amici e protettori di questi animali ormai rari.

TARTARUGHE RETTILI CON 200 MILIONI DI ANNI DI STORIA

Le tartarughe sono i rettili più antichi presenti sulla terra, hanno 200 milioni di anni, questo significa che hanno superato eventi catastrofici come quello che, 56 milioni di anni fa, estinse i dinosauri. Le tartarughe si sono evolute partendo dagli anfibi e hanno poi dato origine a uccelli e mammiferi.

tartaruga-appena-nata-Fattoria-del-Colle

tartaruga-appena-nata-Fattoria-del-Colle

Esistono 240 specie di tartarughe e moltissime di quelle terrestri sono a rischio estinzione per cui vanno protette e aiutare a diffondersi nel bosco che è il loro habitat naturale. La tartaruga più diffusa in Toscana è la Testudo Hermanni ma in certe zone c’è anche le Testudo marginata.

TARTARUGHE MASCHIO E FEMMINA

Il corpo delle tartarughe è protetto da una corazza – carapace sopra e piastrone sotto che è piatto per le femmine e incavato per i maschi – da questo guscio escono testa e gambe. Il collo riesce a piegarsi a S e questo permette alla testa di nascondersi sotto la corazza in caso di pericolo. La bocca non ha denti ma ha delle mandibole dure come un becco, per questo le tartarughe triturano il cibo ma non lo masticano. Le zampe hanno 4 dite con le unghie che servono per scavare il luogo dove deporre le uova oppure andare in letargo. Il loro cuore è fatto di tre parti e non 4 come quello umano, nell’unico ventricolo il sangue arterioso e venoso si mescola. Anche l’intestino è diverso: finisce in una cloaca dove confluiscono anche le vie urinarie e la vagina. Le tartarughe hanno un curioso comportamento con le feci, le usano per difendersi facendo “cacca” se sono attaccate. Normalmente liberano l’intestino nell’acqua mentre fanno il bagnetto e poi bevono l’acqua sporca, per questo le ciotole a loro disposizione vanno pulite continuamente.

Le tartarughe regolano la loro temperatura spostandosi dal sole all’ombra e dunque hanno bisogno di ambienti attrezzati con piccoli nascondigli caldi, cespugli e zone di terreno morbido e asciutto. Con l’arrivo dell’inverno le tartarughe si infilano sotto terra e vi rimangono per 20 settimane, finché il tepore primaverile non le risveglia, a quel punto hanno subito bisogno di bere mentre ricominciano a mangiare dopo circa una settimana. Le tartarughe sono vegetariane e mangiano volentieri frutta e persino fiori.