Meglio uova di cioccolata o uova da vino?

hamel-nomblot

Meglio uova di cioccolata o uova da vino?

Sono di gran moda: uova in cemento e in legno per i vini bianchi. Anche per i rossi c’è un ritorno al cemento ma in forme coniche e piramidali

hamel-nomblot

hamel-nomblot

Di Donatella Cinelli Colombini

La consacrazione è arrivata quando Château Cheval Blanc ha riempito la sua cantina di tini in cemento di forma sinuosa, realizzati su un disegno esclusivo dalla ditta italiana Nico Velo. Ora tutte le cantine del mondo vorrebbero avere tini di cemento e sperano di arrivare alla stessa qualità e soprattutto allo stesso prestigio del mitico 1er cru classè di Saint Emilion.

Chateau Cheval Blanc

Chateau Cheval Blanc

E pensare che i tini di cemento sono stati distrutti a centinaia, per far posto ai contenitori in acciaio! Ovviamente i nuovi sono diversi da quelli di mezzo secolo fa: hanno sistemi di termoregolazione (i Nico Velo addirittura nello spessore del cemento) e soprattutto traspirano perché sono fatti con materie prime selezionatissime per cui possono essere usati senza il rivestimento interno impermeabilizzante.

Chateau Cheval blanc

Chateau Cheval blanc

Rispetto ai tini in acciaio hanno maggiore porosità e quindi permettono una certa ossidazione ma senza l’impronta decisa dei tini in legno.
Anch’io sto comprando i primi tini in cemento per la sala da vinificazione del Casato Prime Donne a Montalcino e sento che i principali produttori della mia zona stanno facendo lo stesso. Si tratta della parte più fresca del territorio del Brunello, quella dove i vini si contraddistinguono per l’eleganza. Forse saranno proprio i tini in cemento l’ultimo tocco raffinato, un ritorno alle origini ai vini dei nonni e dei bisnonni.

Egg for  Wines

Egg-for Wines

Per i rossi le forme dei tini di cemento sono troncoconiche e tronco piramidali con la parte superiore quasi interamente apribile per consentire la follatura dei mosti.
Per i bianchi invece la gran moda è l’uovo. Pare che la forma favorisca il movimento del mosto durante la fermentazione e aiuti a produrre vini di particolare finezza. Le uova da vino sono una versione gigante delle anfore.
Leggendo un divertente articolo di Wine Searcher scopro che il primo uovo fu commissionato da Michel Chapoutier alla ditta Nomblot nel 2001. Pare anzi che ci sia stata una successiva vertenza sul copyright del progetto. Chapoutier è uno dei migliori produttori della valle del Rodano, che ha ottenuto più volte 100 punti da parte di Robert Parker. Dopo i successi del primo esemplare le uova sono apparse in tantissime cantine di tutto il mondo.

Marquis-de-Terme-Cellars

Marquis-de-Terme-Cellars

Domaine de Chevalier grand cru classé delle Graves li usa per i vini rossi. In questa cantina stanno provando anche un uovo in legno simile a un enorme uovo di Pasqua, si chiama Ovum, costa 30.000€ e viene fabbricato dalla ditta francese Taransau. Un altro Ovum è nella maison di Champagne Drappier ed è fatto con le querce della stessa zona in cui si trovano i vigneti. Una raffinatezza estrema che farà sognare i collezionisti. Altre uova sono a Zorzal in Argentina, Cayuse Stati Uniti, Vinedos Emiliana in Cile, Eben Sadie in Sud Africa.

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi