Ceramiche di Paola Gorelli e metti in tavola la storia

Ceramiche-gotiche-senesi-Siena-santa-Maria-Della-Scala

Ceramiche di Paola Gorelli e metti in tavola la storia

Da Toscana Lovers la maestra d’arte Paola Gorelli propone ceramiche senesi ispirate a quelle senesi del Due del Trecento come in un sogno gotico mai finito

Ceramiche-gotiche-senesi-Siena-santa-Maria-Della-Scala

Ceramiche-gotiche-senesi-Siena-santa-Maria-Della-Scala

di Donatella Cinelli Colombini

Le ceramiche gotiche conservate nei musei di Siena e Montalcino raccontano il passato ricco e raffinato della terra senese. Nel Duecento e nel Trecento la città del Palio era il centro finanziario del mondo collegato ai grandi mercati europei attraverso la Via Francigena.

LE CERAMICHE GOTICHE SENESI DI PAOLA GORELLI

Le riproduzioni delle ceramiche medioevali senesi, eseguite da Paola Gorelli, sono molto fedeli agli originali anche nella tecnica di esecuzione perché sono tornite a mano e dipinte a mano da una maestra d’arte che ha lungamente studiato il mestiere, come avveniva nelle botteghe artigiane di ottocento anni fa. Ogni oggetto è leggermente diverso dall’altro per cui ognuno è un pezzo unico, un frammento di vera tradizione.
I negozi ToscanaLovers di Siena, Bagno Vignoni e Cortona propongono in anteprima la nuova collezione ceramica di Paola Gorelli che ha dipinto i motivi gotici senesi su oggetti d’uso quali sottobottiglie, mattonelle e portapenne.

LE CERAMICHE DUECENTESCHE DI MONTALCINO

Paola-Gorelli-mentre-esegue-le-ceramiche-stile-medioevale

Paola-Gorelli-mentre-esegue-le-ceramiche-stile-medioevale

Dopo la battaglia di Montaperti del 1260, la capitale del Brunello era un centro economico di prima grandezza con vasche da concia e produzioni di cuoio, fornaci per le ceramiche, enormi conventi e ospedali. Montalcino era infatti al prima zona salubre oltre le paludi maremmane infestate dalla malaria. La Repubblica di Siena costruì il Palazzo dei Priori proprio nel centro cittadino nella seconda metà del Duecento. Si trattava di un edificio in pietra slanciato e ben proporzionato che tutt’ora è orgoglio del popolo del Brunello. Nelle intercapedini del tetto i costruttori misero vasi di ceramica rotti che furono ritrovati durante i restauri del Novecento e costituiscono uno delle maggiori collezioni di ceramica gotica.

riproduzioni-Ceramiche-gotiche-senesi-Paola-Gorelli

riproduzioni-Ceramiche-gotiche-senesi-Paola-Gorelli

Sono scodelle, brocche, catini con fondo chiaro e decorazioni in ramina (verde) e manganese (marrone) con disegni geometrici, foglie e animali immaginari anche con sembianze umane. Ho contribuito personalmente al ritorno di queste ceramiche a Montalcino. Dopo essere state esposte a Siena nel 1909 erano poi rimaste negli uffici della Soprintendenza ed io riuscii a riportarle “a casa” facendo regalare dal mio Lions Club le teche di cristallo in cui esporle nel locale Museo d’arte Sacra.

LE CERAMICHE TRECENTESCHE DI SIENA

ceramiche-stile-medioevale-di-Paola-Gorelli

ceramiche-stile-medioevale-di-Paola-Gorelli

Nel 2001 anche a Siena avvenne un ritrovamento simile nelle volte trecentesche del Convento del Carmine, anche in quel caso durante il restauro. La collezione delle ceramiche di Siena è ora conservata al Museo del Santa Maria della Scala e si differenzia poco da quella montalcinese. Moltissime immagini “zoomorfe” in certi casi davvero conturbanti come l’uccello dalla faccia umana.

wine-destination

wine-destination
                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi