Come il viaggio può distruggere il vino in pochi giorni

Come il viaggio può distruggere il vino in pochi giorni

In un container esposto al sole d’estate ci sono anche 75°C, si scende a 30-35°C solo nelle stive delle navi. In inverno nelle banchine del porto anche -15°C

come il viaggio può distruggere il vino

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini

IL VINO TEME IL CALDO ED IL TROPPO FREDDO

Una degustazione organizzata dal Professor Gerbi dell’Università di Torino aveva dimostrato che era facilissimo distinguere l’Asti Spumante trasportato a una temperatura di 22°C rispetto a quello tenuto in cantina. Figuriamoci il vino stivato in container sul porto o in mare con il sole che arroventa le lamiere e 75°C all’interno, roba da cottura in forno! Eppure ci sono importatori che, per risparmiare qualche centesimo, evitano di usare container termo condizionati, di pagare supplementi per posizioni sotto coperta o di usare le coperte termiche che comunque abbassano le temperature solo di 10-15°C. Che peccato! Anni di lavoro in vigna e in cantina rovinati in pochi giorni e poi magari arriva la contestazione perché il vino ha un colore aranciato, sentori di cotto tipici dell’ossidazione. Ma certo che è difettoso dopo un simile trattamento ed è un miracolo che le bottiglie non si siano stappate!

DURANTE LO STOCCAGGIO LA TEMPRATURE POSSONO SCENDERE FINO A -15°C

I pochi studi sull’argomento sono stati riassunti tempo fa in un articolo di Alessandra Biondi

traporto vino un secolo fa

traporto vino un secolo fa

Bartolini nella rivista “   Mille Vigne” con dovizia di dati e riferimenti anche per quanto riguarda le basse temperature. D’inverno gli effetti del trasporto incauto del vino sono opposti ma altrettanto devastanti. Il pericolo maggiore è nei piazzali di carico, nei camion o nei magazzini dove la temperatura scende fino a  -15°C vicinissima al punto di congelamento. Non si meravigli l’importatore se dentro la bottiglia ci sono precipitati proteici o tartrati. E’ stata la sua incuria a causarli.

A volte i produttori prevengono gli effetti di un trasporto traumatico con trattamenti come le stabilizzazioni, filtraggi, chiarifiche  che comunque danneggiano la qualità del vino, ma, nella maggior parte dei casi, evitano le contestazioni.

Ma come fare per impedire che trasporti o conservazioni sbagliate distruggano il vino? Prima di tutto bisogna evitare le spedizioni in piena estate o pieno inverno come impone il LCBO – Liquor Control Board of Ontario – che obbliga anche l’uso di container termoregolati per i vini luxury.

eProvenience

eProvenience- il viaggio può distruggere il vino

Poi c’è una spia. Dato che le bottiglie non possono parlare c’è un “data logger” che registra le temperature e rivela situazioni pericolose. C’è un progetto franco-statunitense  denominato eProvenience su questa problematica. Speriamo che l’attenzione di tutte le parti coinvolte, importatori, cantine, trasportatori e governi sia maggiore da ora in poi!

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi