CON LE DONNE VINCEREMO

Parità-di-genere-come-strumento-di-sviluppo-Violante Gardini

CON LE DONNE VINCEREMO

Le donne sono la maggiore risorsa italiana inespressa e immediatamente spendibile. Cresce l’entusiasmo mentre le donne del vino USA annientano il gender gap

 

Parità-di-genere-nel-vino-donatella, giada, barbara e sabrina 12

Parità-di-genere-nel-vino-Donatella, Giada, Barbara e Sabrina

di Donatella Cinelli Colombini

89% degli italiani vede nel divario di genere un freno al rilancio del Paese anche perché ci costa 89 miliardi l’anno (6% del PIL). La valorizzazione delle donne è per il 42% delle femmine e il 18% dei maschi, la risorsa inespressa da mettere in campo per accelerare la ripresa.
Gli italiani sono consapevoli di essere il fanalino di coda del gender gap (42%) ma cresce la consapevolezza che il cambiamento sarebbe benefico. Questi i primi dati del Rapporto COOP 2021 presentati da Albino Russo dipingendo un’Italia post covid piena di ottimismo e di nuovo orgoglio nazionale.

 

DONNE DEL VINO DESTINATE A ROMPERE IL TETTO DI CRISTALLO

Il gender gap cioè il divario retributivo e di carriera fra uomini e donne, è il nocciolo della questione. Ma tutto lascia pensare che saranno le donne del comparto enologico a sfondare il tetto di cristallo che chiude l’ascesa del genere femminile.
Una ricerca 2020 del Western Management Group rivela che la differenza salariale nel settore del vino USA è più basso rispetto a ogni altro comparto economico statunitense. La media nazionale delle retribuzioni di uomini e donne porta a calcolare 0,82$ per ogni Dollaro del salario maschile. Invece nel settore vino la media è molto migliore 0,96$ pagati alle donne per ogni Dollaro pagato agli uomini. Non è proprio uguale ma poco ci manca.
Nell’industria del vino, come la chiamano loro, le donne hanno quasi tutti i ruoli apicali nel settore dell’enoturismo e dell’hospitality, hanno posti importanti nella comunicazione e nel marketing ma la leadership è ancora maschile nella vigna. In cantina sono minoritarie fra gli addetti e ben presenti fra i winemakers. Invece, se guardiamo nelle “stanza dei bottoni” vedremo poche donne con guadagni enormemente inferiori agli uomini.

 

VIOLENZE E ABUSI FREQUENTI E SOPRATTUTTO SULLE DONNE

Un sondaggio della Wonder Women of Wine riguarda la violenza sul luogo di lavoro e la consapevolezza del valore economico del proprio lavoro. Anche su questi aspetti la situazione di uomini e donne è diversa.
Come ben sappiamo dagli studi condotti in Italia, anche in USA le donne hanno difficoltà a chiedere avanzamenti di carriera e salario. Gli uomini molto meno.
Le molestie sono presenti e diffuse per entrambi i sessi ma particolarmente sulle donne. Ne sono state oggetto due terzi delle donne contro un terzo dei maschi. Il problema è aggravato dalla consapevolezza, più accentuata nel genere femminile, che ribellarsi sia un concreto rischio alla propria posizione lavorativa.
In Italia l’indagine ISTAT del 2006 rivelò che solo il 7% degli abusi veniva denunciato e forse una parte di questi silenzi dipendeva proprio dalla paura di mettere a rischio il proprio stipendio.
Me too ha cambiato le cose, e oggi esistono reti di protezione che funzionano sempre meglio.