Great wine capital e Verona prende il posto di Firenze

Great wine capital e Verona prende il posto di Firenze

2 notizie: quella buona è la presenza di Masi -Boscaini fra i vincitori del Best of Wine Tourism Award, la cattiva è l’esclusione di Firenze dalle Great Wine Capital

Verona- Great-wine-capital

Verona- Great-wine-capital

Di Donatella Cinelli Colombini

Cominciamo dalla notizia che ci riempie di gioia: fra le 10 più belle cantine turistiche del mondo c’è anche quella dei miei amici Boscaini. L’ambito riconoscimento “The best of Wine Tourism Award” è assegnato ogni anno da “Great Wine Capitals global network” che quest’anno ha rivelato la lista delle vincitrici durante una cerimonia nel Giardino Botanico di Adelaide in Australia. 384 partecipanti e 10 cantine al top, una per ogni capitale mondiale del vino. “The best of Wine Tourism Award” è una competizione internazionale che premia le strutture che si distinguono per la qualità dei loro servizi enoturistici all’interno di differenti categorie: Arte e Cultura, Pratiche Ecologiche, Innovazione, Didattica sul vino.

MASI FRA LE 10 TOP WINE DESTINATION DEL MONDO

Masi ha vinto con la una nuova esperienza interattiva creata all’interno del circuito” Masi Wine Experience” nel Museo del vino di Tenuta Canova. Questa proposta che arricchisce l’offerta turistica del territorio veronese e riconferma l’impegno dell’azienda nella diffusione della

Masi-best of Wine Tourism Award

Masi-best of Wine Tourism Award

cultura del vino. Lo scorso anno l’azienda dei Boscaini aveva ricevuto il titolo di Cantine dell’anno della Guida Vini D’Italia Tre Bicchieri 2018 del Gambero Rosso. Anche in quell’occasione fu messo in rilievo il suo contributo nel territorio in cui opera << è da più di 50 anni un punto di riferimento tecnico e qualitativo per la Valpolicella>> disse il curatore della guida Marco Sabellico << e ha contribuito più di tutti al successo della sua regione vitivinicola e del suo vino principe l’Amarone, ambasciatore di italianità nel mondo>>.

FIRENZE FUORI DALLE GREAT WINE CAPITALS E VERONA DENTRO

Permettetemi di levarmi un sassolino dalla scarpa. Fra le Great wine capitals, fino a due anni fa, c’era Firenze. Poi il capoluogo toscano ha disertato i meeting annuali e Verona si è fatta avanti entrando in questo network di 10 TOP wine destination a livello mondiale che comprende Bordeaux, Bilbao, San Francisco-Napa, Porto, Mendoza …

Veronafiere con il suo direttore generale Giovanni Mantovani ha avuto un ruolo determinante nell’introdurre la città veneta nella rete che permette di scambiare conoscenze, opportunità e business enoturistico. Mi chiedo perché Firenze abbia avuto un comportamento così autolesionista e se le amministrazioni pubbliche hanno ben considerato i vantaggi che la partecipazione a questo circuito potevano dare alle cantine del suo territorio.

Firenza-Chianti-Classico-anteprima

Firenza-Chianti-Classico-anteprima

GREAT WINE CAPITALS: PER NON PERDERE IL SUCCESSO TURISTICO BISOGNA COLTIVARLO

Per ora la Toscana con il Chianti e Montalcino svettano fra le destinazioni predilette dai wine lovers ma questa posizione di privilegio va mantenuta. Credere che “tanto in Toscana ci verranno sempre” è da ingenui. Il mondo è pieno di bellissimi luoghi “passati di moda” e invasi dal turismo mordi e fuggi.

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation

                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi