Il sessismo fra i fornelli dagli stellati al fast food

sessismo-fra-i-fornelli

Il sessismo fra i fornelli dagli stellati al fast food

Le chef donne crescono di numero e di reputazione ma il sessismo nelle cucine stellate è ancora forte e qualcuna comincia a dire basta specialmente in Francia

 

Sessismo nei ristoranti

Sessismo nei ristoranti

Di Donatella Cinelli Colombini

Il “me too” delle cheffe – chef al femminile – inizia con un articolo pubblicato su Le Monde Magazine ripreso dall’ Internazionale del 15 gennaio 2021. Riguarda 5 testimonianze su quello che viene detto e fatto nelle cucine dei grandi ristoranti. Ambienti dove normalmente gli apprendisti entrano ancora minorenni, il lavoro dura 12 ore al giorno, al caldo, con un’enorme pressione per la velocità e la precisione nell’esecuzione dei piatti, con una piccola pausa e un solo pasto. Un mix di tensione e abitudini che porta ad un linguaggio ed a comportamenti pesantissimi soprattutto per le donne e ancora di più per chi è diverso per colore della pelle o inclinazione sessuale.

 

ME TOO, COMINCIA LA RIVOLTA CONTRO IL SESSISMO IN CUCINA

C’è chi ce l’ha fatta e le donne Cheffe cominciano ad essere molte anche in Italia; partendo dalle più celebri e celebrate tristellate: Nadia Santini (Il Pescatore di Canneto sull’Oglio) e Annie Féolde (Enoteca Pichiorri) per poi scorrere una lista molto lunga che comprende, fra le altre, Christina Bowerman, Antonia Klugmann, Angelika Schmid, Viviana Varese, Luisa Marelli Valazza, Valeria Piccini, Caterina Ceraudo, Katia Maccari, Silvia Baracchi …..

Sessismo nei ristoranti

Sessismo nei ristoranti

E’ vero esistono esempi virtuosi ma il settore del food è ancora un feudo maschile in Italia: fra i 3.218 dirigenti solo il 16% sono donne (Manageritalia su dati INPS) due punti percentuali in meno rispetto alla media nazionale che è comunque bassa.  Nei ristoranti italiani lavoravano (prima del covid) 1,2 milioni di addetti di cui il 52% donne.

 

TESTIMONIANZE DI DONNE FRA I FORNELLI STELLATI FRANCESI

Le 5 donne francesi che hanno rotto l’omertà di quelli che lavorano nelle cucine dei grandi ristoranti hanno ora i loro locali e si sentono al sicuro rispetto ad un sistema che hanno subito per anni. Con le loro denunce sperano di contribuire al cambiamento della mentalità <<bisogna smettere di credere e di far credere che il subire sessismo sia un passaggio obbligato>>.
Hanno deciso di raccontare le loro storie per evitare <<che il loro silenzio metta in pericolo altre donne>>, infatti chi subisce violenze, verbali o fisiche, si trova da sola e spesso è troppo giovane per valutare la situazione <<sul momento ti limiti a proteggerti. Ti dici che forse hai esagerato, che è frutto della tua immaginazione e che magari è normale>>.

 

LA DURA VITA NELLE CUCINE STELLATE

La storia più forte è quella di Letizia Visse, parigina, figlia di cantanti lirici e formata nella prestigiosa scuola alberghiera Ferrandi, ha fatto un percorso professionale nei ristoranti stellati. I suoi racconti alternano le frasi più volgari <<lo prendi in bocca?>>, <<hai un bel culo, dentro ci si deve stare bene>> con vere e proprie intimidazioni <<sei la mia apprendista e faccio di te quello che voglio>>. Visse racconta di aver accettato i rapporti sessuali, anche controvoglia, <<perché questo mi semplificava la vita>> e non è mai stata violentata perché si è arresa facilmente alle richieste capi maschili. Ora ha un suo ristorante a Marsiglia che si chiama “La femme du Boucher” ed ha appena pubblicato un libro di ricette <<Les couilles. Dix facon de les préparer>> (“I coglioni. Dieci modi per cucinarli”).

 

UNA NORMALITA’ FATTA DI VIOLENZA VERBALE CHE COLPISCE LE DONNE E NON SOLO

I cinque racconti concordano su una violenza verbale molto oltre i limiti <<sei brutta>> e via così finché la vittima non piange. Le minacce sono esplicite <<se parli non lavorerai più da nessuna parte>> così tutti diventano complici del sistema. Dal momento che sei in cucina vuol dire che hai scelto di subire … <<di fatto se sei donna, in cucina devi essere pronta ad accettare tutto>>. Una sorta di misogenia ambientale che viene tollerata come una sorta di valvola di sfogo in un lavoro estremamente duro e stressante.
Anna Jourdain ha subito in pubblico un “accoppiamento simulato” da due colleghi. Anissa Ayadi racconta di un corridoio in cui il proprietario bloccava le cameriere di suo gradimento. Lei ha subito solo palpazioni ma qualche tempo dopo il patron ha violentato una sua collega ed ora Anissa sente il peso del suo silenzio <<se lo avessi denunciato forse lei si sarebbe salvata>>. Margot Servoisier (Les gateaux ad Amiens) aveva una storia con un collega italiano quando lo chef del loro ristorante ha cominciato ad interrogare il ragazzo sui particolari più intimi della loro vita di coppia.

 

FAST FOOD E SESSISMO

I comportamenti scorretti non riguardano solo i grandi ristoranti. Le inchieste di Mediapart e Streetpress hanno rivelato che 78 dipendenti McDonald’s Francia avevano subito sessismo, molestie, aggressioni, insulti razzisti e omofobi senza ottenere nessun aiuto dall’azienda, in un clima di generale omertà.

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi