Nel Duomo di Siena la soffitta più bella del mondo

Duomo di Siena pavimento

Nel Duomo di Siena la soffitta più bella del mondo

Sta per aprire al pubblico il sotto tetto del Duomo di Siena, un’emozione nuova di un celebrato e celeberrimo scrigno di capolavori

Duomo di Siena pavimento

Siena Duomo il pavimento dalla controfacciata

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini


Nicola e Giovanni Pisano, Donatello, Michelangelo, Bernini… i più grandi scultori del loro tempo hanno lasciato le loro opere nel Duomo di Siena. Vi basta? Ma c’è anche il pavimento istoriato più grande del mondo e poi il giovane Raffaello e Pinturichio, Beccafumi, Francesco di Giorgio …. una lista di opere d’arte infinita.
Oggi è possibile vedere questo luogo meraviglioso da un punto di vista diverso, con un’emozione fortissima e tutta nuova. Fra un mese circa sarà aperto al pubblico il sottotetto del Duomo e i visitatori potranno guardare il Duomo dall’alto. Mario Lorenzoni, Rettore dell’Opera del Duomo ha realizzato in pochi anni un enorme numero di restauri e ha trasformato il Duomo di Siena in uno dei luoghi d’arte più visitati in Italia. E’ lui l’artefice dell’apertura al pubblico dei sottotetti e l’organizzatore della visita per le socie dell’Inner Wheel di Siena a cui ho preso parte.
L’accesso è una scala a chiocciola scavata nella facciata; con una settantina di scalini si entra nella soffitta dove scorre

Duomo Siena il centro della Chiesa disto dall'alto

Siena Duomo sotto la cupola pavimento visto dall'alto

l’acqua delle grondaie e dove un complesso intreccio di travi in legno regge la copertura del Duomo. Dalle finestre si vede dentro la Chiesa e c’è da rimanere sbalorditi per la magnificenza dello spettacolo: le opere d’arte salgono sulle pareti fino in cima alla cupola come se gli antichi senesi non avessero mai cessato di rendere omaggio alla Vergine patrona della città, con un’incessante accumulo di sculture, affreschi e decori.

Siena Campanile del Duomo

Siena il campanile visto dal sottotetto del Duomo

L’effetto è sensazionale: l’orgoglio e l’amore per Siena, delle passate generazioni è evidente nella balzana, simbolo della città, che esce fuori in ogni dove e quasi ad ammonire i cittadini di oggi. Siena è bella, Siena va difesa, amata e valorizzata! L’apertura al pubblico del sottotetto del Duomo è un piccolo ma importante segno di reazione alla crisi e un contributo immenso alla cultura del mondo.