Sabrina Manolio la Lady Sommelier pugliese di Londra

Sabrina Manolio la Lady Sommelier pugliese di Londra

Poco più di 30 anni Sabrina Manolio è la capo sommelier in uno dei ristoranti italiani più esclusivi di Londra, Margot, e si è già fatta notare dai grandi esperti

Sabrina-Manolio-Margot-Restaurant

Sabrina-Manolio-Margot-Restaurant

Di Donatella Cinelli Colombini, Brunello, Casato Prime Donne
Data di nascita 8 ottobre 1986 pugliese di nascita parla un inglese impeccabile e ha una eleganza innata. Volto appena truccato, capelli raccolti sulla nuca veste delle uniformi sobrie di taglio quasi maschile come a nascondere la sua bellezza molto mediterranea. I genitori sono chef e lei è cresciuta con il culto della grande cucina. Fino ad ora la carriera è stata la sua priorità ( si è formata nell’ ‘Atelier del celebre chef francese Joël Robuchon) ma sogna di farsi una famiglia e di avere un vigneto in Puglia.
Il ristorante in cui lavora, Margot, è un raffinato locale italiano nel cuore del Covent Garden di Londra, dove c’è il mitico Royal Opera House che pullula di celebrità sul palcoscenico e in platea. E’ in questo ambiente colto e luccicante che Sabrina Manolito

Margot-London

Margot-London

è capo sommelier e propone una lista di 350 vini cercando di intuire le preferenze di ogni cliente. In cantina le bottiglie italiane sono la maggioranza (45%) ma ci sono anche etichette del nuovo mondo e molti vini di vitigni o denominazioni poco conosciute come il Susumaniello pugliese oppure il Vermentino corso.
The Drinks Business le ha dedicato una lunga intervista che l’ha portata alla ribalta facendone un’autentica star della sommellerie.
Spiritosa e molto franca Sabrina Manolio racconta la sua vita in modo leggero, da quando ha iniziato a lavorare nel ristorante di un albergo 5 stelle di Firenze ed ha vissuto il momento più imbarazzante della sua carriera lasciando cadere una bottiglia di acqua gelata sul tavolo di una famosa cantante e dei suoi avvocati. La cosa più difficile è stato portare il conto ai commensali a cui aveva fatto il bagno.
Come ogni donna sommelier di grande professionalità Sabrina Manolio ha negli abbinamenti il suo punto di forza: ravioli di zucca e ricotta con nocciole tostate abbinate al Gewurztraminer alsaziano di Domaine Zind Umbrecht 2015. Oppure cous cous allo zafferano speziato con anguilla affumicata e ananas arrosto che si abbina perfettamente con Chardonnay Collezione Privata, Isole e Olena, 2016.
Youtube ce la mostra alle prese con lo Champagne Champagne Deutz Brut Classic che descrive in modo impeccabile.
E’ bello vedere una donna italiana di appena trent’anni emergere nel difficile mondo della sommelerie e in una città dove la professionalità è altissima. Brava Sabrina.

Nessun commento

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi