L’ intraprendenza dei giovani batterà la crisi? In agricoltura forse si

Agricoltura e giovani

L’ intraprendenza dei giovani batterà la crisi? In agricoltura forse si

4.200 di nuove imprese agricole di giovani sotto i 35 anni nei primi nove mesi del 2013 e moltissime basate su idee nuove e carattere innovativo

Agricoltura e giovani

Agricoltura e giovani

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini
L’Italia è un Paese dove il potere è geriatrico: il corpo docente universitario più anziano del mondo (1/3 dei professori oltre i 60 anni) l’età media dei presidenti delle banche è 67 anni e quella dei direttori generali della pubblica amministrazione 57. Anche nell’impresa siamo una nazione guidata da vecchi: solo l’11% dei 6milioni di aziende italiane ha un titolare sotto i 35 anni.
Vista la disastrata situazione della nostra amatissima Italietta c’è chi pensa che un ringiovanimento farebbe benissimo al nostro Paese. Questa è l’opinione di Coldiretti che ha presentato un dossier intitolato “Svolta generazionale nell’economia italiana” accanto al primo salone del “Made in Italy che batte la crisi”. L’idea è quella di incentivare idee innovative e capaci di creare nuovo business. Qualche esempio: il “caviale” di lumaca fatto in Sicilia, gli ecofunghi dai fondi di caffè, gli agrimobili – complementi d’arredo realizzati con fibre di fico d’india, il vino di giuggiole dell’Odissea (assaggiato da Ulisse nell’isola dei lotofagi), le spugne per i trattamenti di bellezza ricavate dall zucche sarde,  infine le piume di struzzo per il burlesque. Moltissime le imprese multifunzionali come le fattorie didattiche.

Oscar green 2013

Oscar green 2013

I giovani, dimostrano una grande vitalità e voglia di reagire alla crisi economica che li ha colpiti più di quanto non abbia fatto con i loro genitori, in effetti fra le 100.000 imprese nate nel 2013, una su tre è in mano a imprenditori con meno di 35 anni. L’agricoltura è, dopo il commercio, il comparto in cui i giovani sembrano credere di più. Lo dimostra anche il boom di iscrizioni alla facoltà di Agraria.
La risposta di Coldiretti al bisogno di svecchiamento della classe dirigente italiana è l’elezione del più giovane presidente di associazione nazionale: Roberto Moncalvo 33 anni. Anche i vertici delle associazioni regionali sono stati svecchiati ed i presidenti hanno un’età media di 46 anni.
Largo ai giovani dunque! Speriamo che il loro coraggio e la loro intraprendenza aiutino l’agricoltura a diventare un locomotore della ripresa economica italiana.