Berlino cacio & pepe Tag

I cibi che mancano di più agli italiani all’estero

Se l’italiano, poco abituato ai viaggi all’estero, infila il salame e il formaggio in valigia, nel bagaglio di chi lavora fuori c’è l’extravergine e il caffè

caffè

caffè

di Donatella Cinelli Colombini

NON TUTTI GLI ITALIANI ALL’ESTERO SI ADATTANO

Parte, un po’ di tempo fa, da Dissapore e da Berlino cacio & pepe, la ricognizione semiseria sui cibi che gli italiani all’estero rimpiangono di più. E’ vero Eataly ha portato nel mondo l’eccellenza italiana “appena fatta”. E’ vero non è più come trent’anni fa quando, dovevi fare almeno mezz’ora di strada per gustare un espresso, ora ci sono Starbucks e Hard Rock caffe dovunque.
Ma c’è chi non si adatta a nessun cambiamento e agogna la moka di casa sua.
Classici i lamenti degli studenti in Inghilterra <<mamma è tutto immangiabile, qui mettono la marmellata sull’arrosto>>. Il guaio è che il lamento continua anche in viaggio di nozze <<la pasta è sempre scotta, non vedo l’ora di tornare a casa e farmi una bella spaghettata>>. A Malta, dove i supermercati e i menù dei ristoranti, sono anche troppo pieni di gastronomia italiana ho trovato chi ha mangiato pizza tutte le sere perché il resto <<non è come da noi>>.