Brunello di Montalcino Prime Donne Tag

OFFERTA: ROSSO, BRUNELLO E CHIANTI CLASSICO

3 bottiglie di Montalcino e 3 bottiglie del Chianti Classico unite dall’amicizia fra due giovani produttrici Violante Cinelli Colombini e Sofia Ruhne

 

Violante Cinelli Colombini e Sofia Ruhne dell'Az. Terreno con il loro grandi vini rossi

Violante Cinelli Colombini e Sofia Ruhne dell’Az. Terreno con il loro grandi vini rossi

La storia di questa amicizia è curiosa perché Violante Cinelli Colombini è nata e lavora a Montalcino, mentre Sofia Ruhne è svedese ma è cresciuta anche lei in Toscana, Sofia aveva solo sette anni e la sua famiglia si occupava principalmente di trasporti marittimi quando i suoi genitori Mats e Birgitta decisero di acquistare le prime vigne in Toscana.
Citando il Brunello di Montalcino ed il Chianti Classico, si parla di due grandi vini rossi che hanno reso celebre la Toscana in tutto il mondo. Due denominazioni che utilizzano il vitigno che più rappresenta la Toscana, il Sangiovese, esprimendo vini dalla diversa identità territoriale ma entrambi di altissima qualità e grande capacità di invecchiamento.

La famiglia Ruhne compra l’Azienda Terreno in Chianti Classico nel 1988 ma anche “The Winery Hotel” è parte della proprietà ed oggi entrambi sono gestiti da Sofia. In questo hotel situato a Stoccolma, i clienti possono vedere tutte le fasi della produzione del vino grazie all’uva fresca che arriva dalla Toscana. <<Sweden’s first combined urban winery and concept hotel>>, la prima combinazione fra una cantina urbana e un albergo di lusso esistente in Svezia.
Un progetto innovativo e molto ambizioso che ha l’obbiettivo di accrescere la cultura del vino e il numero di wine lovers appassionati in Svezia.
Dalla passione per i grandi vini rossi nasce il legame fra Sofia e Violante. Un legame che si è consolidato perché entrambe credono nel rispetto ambientale: l’Azienda Terreno produce solo vini bio e quelle di Violante – Fattoria del Colle e Casato Prime Donne – sono certificate dal 2018.
Dalla loro amicizia nasce l’idea di proporre ai membri dei wine club delle loro aziende una scatola mista con i vini di entrambe le cantine.