Casa del nonno tredici Tag

L’università di Salerno dove nascono i futuri rural managers

Al Master in Wine business dell’Università di Salerno diretto dal bravissimo Giuseppe Festa per ritrovare il piacere di insegnare turismo del vino

Università-Salerno-Master-in-Wine-Business-2016

Università-Salerno-Master-in-Wine-Business-2016

Di Donatella Cinelli Colombini

L’Università di Salerno punta sempre più in alto, scalando la classifica degli atenei italiani ma anche allargando la propria offerta formativa e persino sfidando Napoli. Ed ecco che la storica facoltà di Agraria di Portici, la prima d’Italia, non è più l’unico corso di laurea in agraria della Campania perchè Salerno mette in campo un rivale. Inizio col botto: l’obiettivo era di 70 iscrizioni e ne sono arrivate oltre il doppio al punto da rimandare a casa un bel numero di aspiranti manager agricoli. Un successo oltre le previsioni che carica di entusiasmo il nuovo

Università-di-Salerno-Wine-Business-lezione-turismo-del-vino

Università-di-Salerno-Wine-Business-lezione-turismo-del-vino

corpo docente fermamente deciso a rispondere alle nuove esigenze del mondo rurale dove sono più importanti di prima il management e il marketing. Una strategia poco diffusa negli atenei italiani ancora troppo concentrati sulle produzioni agricole, ma che a Salerno ha già espresso il Master in Wine Business diretto dal Professor Giuseppe Festa. Un corso giunto, quest’anno, alla quinta edizione e capace di dare agli studenti gli strumenti per gestire le cantine in modo aggiornato. Teoria e pratica in parallelo, quello che tutti chiedono e pochissimi fanno nelle università italiane.

Vi porto nell’altro SUD

Quello dove tutto funziona, dove le performance sono di altissimo livello, dove all’organizzazione si associa quel pizzico di fantasia che ci fa superare ogni concorrenza. Ecco l’altro SUD.  Un’Università e un ristorante degni di grande invidia

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini

Università di Salerno, Corso in Wine Business

Sono all’Università di Salerno. 50.000 iscritti in edifici nuovi con un campus all’americana dove ci sono 400 alloggi per studenti e la piscina come in America. Insomma qualcosa che ti aspetteresti a Trieste, nell’Italia con più tradizioni nordiche. Invece eccomi al corso di Wine Business diretto dal bravissimo Prof Giuseppe Festa. Un classe di 40 corsisti  tutti laureati e tutti attenti e tutti capaci di venirmi dietro in una lezione davvero pesante perché ho dovuto concentrare in due ore un contenuto didattico che andrebbe sviluppato in otto. Invece reggono il colpo e anche quelli inizialmente meno attenti, dopo un pò, cominciano a prendere appunti.