digital wine marketing Tag

Digital wine marketing un manuale che ti servirà

Susana Alonso un’argentina che vive in Sardegna e ci spiega come passare dal post alla vendita del vino e come costruire la brand identity della cantina

 

Susana-Alonso-Digital-wine-marketing

Susana-Alonso-Digital-wine-marketing

di Donatella Cinelli Colombini

 

Conosco Susana Alonso da molti anni ma ogni volta la scopro ancora più brava. E’ uno straordinario talento!
Io leggo molto di comunicazione, marketing e digitale. Poi il mio istinto ribelle prende il sopravvento e, pur sapendo di sbagliare, ho bisogno di uscire dagli schemi. A volte funziona, a volte no, e mio genero Enrico Pelagatti, che invece è ligio ai manuali, si dispera.

 

DIGITAL WINE MARKETING DI SUSANA ALONSO

Ma comunque i manuali li leggo e sono in grado di fare paragoni. Vi assicuro che Digital Wine Marketing di Susana Alonso è davvero ottimo sia per gli esordienti che per i super esperti.
E’ scritto in modo comprensibile, veloce, ci sono molti esempi in modo che anche i concetti più complicati risultano facili. Soprattutto è aggiornato e anche se spiega l’origine di alcuni concetti di marketing, è concentrato sulle problematiche e i metodi attuali. Insomma non assomiglia ai manuali universitari che ti raccontano il passato ma non il presente.
Alcuni esempi che spero servano a farvi comprare Digital Wine Marketing e soprattutto a usarlo (www.hoeplieditore.it, pp 275, €26,90).

 

Susana-Alonso-Digital-wine-marketing

Susana-Alonso-Digital-wine-marketing

MISURARE I RISULTATI DEL WINE MARKETING DIGITALE

La sezione è intitolata “Misurare i risultati” e parla dei KPI e dei LEAD. I KPI sono gli indicatori di performance e i LEAD sono i contatti che più probabilmente si trasformano in cliente. Si tratta delle persone che generalmente che si fanno identificare e interagiscono. Dal costo di acquisizione di ogni lead si ricava l’indice di buon funzionamento della strategia di comunicazione digitale. Più è basso meglio funziona l’azione. Morale della favola: vi serve a poco pagare un’agenzia o un sistema generatore di follower se poi questo pubblico non comprerà mai le vostre bottiglie. Bisogna catturare lead e poi coccolarli perché si affezionino alla cantina e ai vini.

 

COME SCEGLIERE LE KEYWORD DEL VINO

Altro esempio nel capitoletto “Scoprire e riscoprire Keyword, hashtag e influencer”.
Per mostrare l’utilità di questa sezione mi riferisco ad un mio errore. Qualche mese fa dissi alle mie collaboratrici <<mi raccomando mettete la parola experience o wine experience ovunque>>. Ebbene non è questa la tattica corretta ma quella che ci insegna Susana Alonso: cercare su Google la keyword che ci interessa, wordtracker fornirà una serie di parole associate. Per ogni gruppo di parole (per esempio wineexperience in Tuscany oppure wine esperience Brunello) controlleremo quanto è stata usata negli ultimi 12 mesi e quindi decideremo quella adatta a noi e più di tendenza.
Molto ovvio come suggerimento ma anch’io non ci avevo pensato.