DSM Tag

C’è vita fuori dalla rete

A volte diciamo che è per lavoro, altre che è per passare il tempo, altre ancora neghiamo e basta. Ma la verità è che si è troppo connessi. E per vivere bene, bisogna staccare.

Letto per voi da Bonella Ciacci

Dipendenza da internet

Dipendenza da internet

Molte delle persone che leggeranno questo articolo non si riconosceranno nelle caratteristiche di chi soffre della sindrome da vuoto digitale. Alcuni temo però stiano mentendo a loro stessi.
La sindrome da vuoto digitale è ormai una realtà, tanto che nel 2012 venne inserita nel DSM (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders), con il termine tecnico di IAD (Internet Addiction Disorder). Si tratta sostanzialmente dell’ossessione da connessione, del bisogno patologico di essere sempre connessi, tramite pc o altri device (smartphone, tablet, etc). Questo disturbo fu già proposto dallo psichiatra americano Ivan Goldberg, indicando alcuni “sintomi” o campanelli di allarme che ci possono avvisare dell’insorgere del problema. Kimberly Young ha poi successivamente elaborato un test per verificare la presenza di questa sindrome, lo IAT (Internet Addiction Test).

Provate sinceramente a domandarvi se vi riconoscete in uno o più punti che gia il Dottor Goldberg mise a punto, e siate sinceri con voi stessi: