resveratrolo Tag

Il resveratrolo del vino ci salva dallo stress

Certe volte le ricerche universitarie scoprono l’acqua calda: il vino combatte la depressione e l’ansia ma almeno ci hanno rivelato come avviene

poco-vino-ogni-giorno-leva-la-depressione-di-torno-Gioia-Marzia-Sylvie-Filippo

poco-vino-ogni-giorno-leva-la-depressione-di-torno-Gioia-Marzia-Sylvie-Filippo-Donatella

di Donatella Cinelli Colombini

Tutti lo sanno. C’è un’affermazione colorita de “La Revue du Vin de France” <<mentre chiudono le osterie aprono sempre più farmacie>> che sottolinea appunto la correlazione fra la fine del consumo di vino socializzato, socializzante ma moderato nelle osterie e l’aumento della vendita di antidepressivi che ha superato gli 80 milioni di scatole in Francia. I primi a dare delle prove scientifiche della correlazione fra piccole dosi giornaliere di vino e prevenzione della depressione furono i ricercatori dell’Università di Navarra a Pamplona in un articolo pubblicato su “BMC Medicine journal”.

COME IL VINO COMBATTE LA DEPRESSIONE

Ora finalmente sono state scoperte le componenti del vino con questo benefico effetto; si tratta del resveratrolo che inibisce la phosphodiesterase 4 (PDE4) un enzima che influenza l’ormone dello stress cioè il corticosterone. La scoperta è stata pubblicata nel giornale

Ying Xu-ha-scoperto-gli-effetti-del-resvetratrolo-del-vino-sullo-stress

Ying Xu-ha-scoperto-gli-effetti-del-resvetratrolo-del-vino-sullo-stress

Neuropharmacology nel 2019 da Ying Xu MD PhD, dell’università di Buffalo (School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences), e da Xiaoxing Yin PhD, dell’università di Xuzhou in China. <<Resveratrol may be an effective alternative to drugs for treating patients suffering from depression and anxiety disorders>> il resveratrolo può essere un’effettiva alternativa alle medicine per curare i pazienti affetti da depressione e crisi d’ansia.

In pratica il nostro corpo reagisce allo stress producendo corticosterone ma se lo stress è eccessivo l’accumulo dell’ormone nel cervello è talmente grande da produrre depressione o altri disturbi mentali. Le malattie di questo tipo sono trattate con antidepressivi come serotonina e noradrenalina. Ma solo un terzo dei pazienti guarisce completamente. Il resveratrolo, contenuto anche nel vino rosso, ha la capacità di inibire il PDE4, con effetti neuroprotettivi contro il corticosterone.

RESVERATROLO UN TONICO NATURALE PER IL SISTEMA NERVOSO

Meno invasivo delle medicine il resveratrolo è presente in natura. Per questo è utilizzato anche come tonico per gli astronauti nello spazio.

Vinoterapia moda o vero wellness?

Il nome fashion e il successo dei grandi vini fanno nascere il dubbio. E allora andiamo a vedere cosa succede al corpo e alla mente con i trattamenti al vino

vinoterapia Fattoria del Colle

vinoterapia Fattoria del Colle

Nei territori del Chianti, del Barolo, del Sagrantino …. stanno nascendo, a fianco delle camere con vista sulle vigne, delle aree wellness in cui rigenerare il corpo con le virtù salutari dell’uva. Ovviamente la fama del vino è l’elemento trainante, specialmente quando è conosciuto per la sua capacità di migliorare con il tempo come avviene per il Brunello.
Anche la fattoria del Colle offre un “Risveglio di-vino” che comprende bagno di

Turismo enogastronomico Tagliata di cinta senese - drago (6)

Turismo enogastronomico Fattoria del Colle ristorante

vapore (hammam), gommage alla polvere d’uva, bagno nel vino, massaggio personalizzato e maschera viso (130€ a persona). Un’esperienza sensoriale da vivere in coppia che utilizza i vini di Montalcino prodotti nella cantina Casato Prime Donne della stessa proprietà.

VIRTU’ BENEFICHE DEL VINO SULLA PELLE

Vediamo dunque cos’è e a cosa serve la vinoterapia, scoprendo che fa molto bene alla pelle e complessivamente a tutto l’organismo. Cosi come il vino possiede un effetto rilassante e calmante, così le uve aiutano nella depurazione dell’organismo, ma soprattutto al dimagrimento e più in generale a modellare la figura.

La buccia dell’uva fa dimagrire?

Sicuramente si per quanto riguarda le api mentre è ancora da dimostrare l’effetto sull’uomo. Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini[caption id="attachment_9618" align="alignleft" width="259" caption="api sull'uva"][/caption]Un team di studiosi dell'Arizona State University la Harvard Medical School e con un'Università norvegese ha studiato gli effetti benefici del resveratrolo contenuto nella buccia degli acini d’uva sulle api. Gli esiti sono stati pubblicati dalla rivista “Aging” e poi ripresi da Marta Buonadonna in "Panorama".A quanto pare col resveratrolo le api vivono più a lungo e mangiano meno. Il primo fenomeno ha dimensioni enormi  del 33-38%. Come è noto le api succhiano zucchero in...

Un bicchiere di vino al giorno leva il medico di torno

C’è chi beve per dimenticare e chi per ricordare. Uno studio della Georgetown University dimostra che il vino rosso aiuta la memoria
Georgetown University

Georgetown University

La scoperta è sensazionale e contraddice tutti i luoghi comuni che collegano l’uso del vino e ancor di più dei distillati al desiderio di evasione e di allontanamento dalla realtà più ansiogena.

Invece un  gruppo di ricercatori della Georgetown University – istituita nel 1789 dai Gesuiti a Washington – a lavoro sull’Alzheimer ha notato come il resveratrolo contenuto nei vini rossi tenga lontana la demenza senile.

In pratica ci sarebbero delle virtù neuro protetti ve capaci di aiutare chi ha la malattia in forma lieve cioè al manifestarsi di quei vuoti di memoria che sono il primo campanello della degenerazione  celebrale. Per confermare i primi dati è iniziata una sperimentazione  su un gruppo di pazienti che durerà un anno.