rosè in USA Tag

Pink Bubbly Wine

Bere leggero, nuovo e spensierato, bere gender-neutral ecco il rosato che piace a New York dove lo chiamano Pink Bubbly Wine e lo vogliono innovativo

Di Donatella Cinelli Colombini

Rosato-Rosa-di-Tetto-IGT-Toscana-Fattoria-del-Colle-Donatella-Cinelli-Colombini

Rosato-Rosa-di-Tetto-IGT-Toscana-Fattoria-del-Colle-Donatella-Cinelli-Colombini

La moda del rosé in USA è iniziata con quello provenzale di colore chiarissimo e tonalità quasi grigia. Il successone dei rosè francesi nel primo mercato mondiale ha superato il 40% di aumento fra il 2002 e il 2014 con un’autentica impennata finale.
Ma chi ama questo vino ama anche il cambiamento e quindi cerca cose nuove come il rosato di Puglia con la sua tavolozza più rossa e brillante. Si tratta dei giovani Millennials e della generazione Z più attenti alla salute e quindi più orientati su vini meno alcolici e meno pieni di calorie. Si tratta di consumatori incuriositi dal nuovo, poco fedeli, che ai “soliti noti” preferiscono cantine sconosciute anche solo per la voglia di provare e scoprire. Persino il modo di consumare il rosato è cambiato: un tempo era solo un vino estivo, ora viene bevuto anche in inverno perché accompagna perfettamente i pasti destrutturati e multietnici che piacciono ai giovani.