Glyphosate: uccide solo l’erba?

Glifosato- Glyphosate la battaglia dell'erbicida

Glyphosate: uccide solo l’erba?

L’Unione Europea non trova l’accordo sulla proibizione di questo diserbante che molti ritengono cancerogeno e quindi proroga il suo uso

 

Glifosato- Glyphosate la battaglia dell'erbicida

Glifosato- Glyphosate la battaglia dell’erbicida

Di Donatella Cinelli Colombini, Brunello, Casato Prime Donne

Il Ministro Martina ne ha limitato l’uso ma questo basta?

Il glyphosate o glifosato come lo chiamiamo in Italia, Monsanto è uno dei prodotti chimici per l’agricoltura più usati nel mondo, campi di cereali, frutteti e vigneti sono pieni di questo diserbante. In Francia è il pesticida più usato. Ma non è sicuro che sia innocuo per la salute, anzi! <<L’Organizzazione mondiale della Salute lo considera un probabile cancerogeno. L’agenzia europea Efsa ha invece definito “improbabile” il rischio cancro>>. Nel dubbio l’Europarlamento ha autorizzato il suo uso per altri 7 anni con 374 voti a favore, 225 contrari e 104 astensioni. Nella commissione sono contrari quattro

Glifosato gli erbicidi nei vigneti

Glifosato gli erbicidi nei vigneti

Paesi: Italia, Francia, Svezia e Olanda… speriamo che basti a limitare, visto che vietare sembra impossibile, l’uso di questo prodotto così dannoso per il paesaggio e forse anche per l’uomo. Si perché il rischio cancro non è il solo problema innescato dai pesticidi, altri sono le mutazioni del DNA e i disturbi alla riproduzione. Su questi piccoli inconvenienti i dati epidemiologici sono top secret.
Speriamo bene!
<<Abbiamo comunque ottenuto la richiesta che il discusso erbicida non sia più impiegato in prossimità di parchi pubblici e scuole>> ha spiegato Michele Rivasi, vicepresidente del gruppo politico dei Verdi all’Assemblea di Strasburgo. Poco ma sempre meglio di niente.E’ il glyphosate il responsabile dell’aspetto quasi lunare dello Champagne in inverno: colline brulle dove non volano neanche le api. E’ usato nel 65% dei vigneti da oltre quindici anni e c’è un forte orientamento a continuare a farlo <<non siamo

Glyphosade- glifosate erbicida molto discusso

Glyphosade- glifosate erbicida molto discusso

preparati a abbandonare l’uso dei diserbanti in un breve periodo>> ha detto a Wine Searcher il direttore tecnico del Comitato Interprofessionale (CIVC) Armaud Descôtes.
Sarà un caso ma in Francia, primo consumatore europeo di chimica per l’agricoltura con 65.000 di tonnellate annue di pesticidi puri, le zone più inquinate sono quelle di Bordeaux, della Valle del Rodano e dello Champagne. C’è da pensare che sia proprio la viticultura a salire sul banco degli imputati oppure a fare un radicale cambiamento verso il rispetto ambientale. L’analisi dei capelli dei bambini delle scuole vicine ai vigneti bordolesi ha rilevato l’assimilazione di cocktail di pesticidi dannosi per la loro salute e capaci di perpetuare gli effetti anche sulle future generazioni. L’analisi effettuata nel febbraio scorso da “Cash investigation” programma di France 2, ha scosso la nazione intera. Nella Gironda, l’affascinante regione dei vigneti bordolesi, il rischio di cancro infantile è il 20% superiore al resto della Francia. Sarà un caso ma ….
Allora, nel dubbio della sua reale pericolosità, vogliamo proibire il glyphosate – glifosato ? Il Ministro Martina ne ha limitato l’uso vietandolo nei luoghi frequentati dai bambini e prima dei raccolti. Un primo passo importante ma bisogna fare di più.

wine-destination

wine-destination
                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi