Il vino italiano più caro è un Brunello Biondi Santi 52.646$

Richebourg Grand Cru,

Il vino italiano più caro è un Brunello Biondi Santi 52.646$

Nessun italiano fra i 50 vini più cari del mondo ma molte novità nella classifica delle nostre bottiglie con prezzi top dove il Masseto è al secondo posto

Richebourg Grand Cru,

Richebourg Grand Cru,

Di Donatella Cinelli Colombini

Ancora da Wine Searcher, il sito che convoglia i prezzi di 46.450 rivendite di tutto il mondo e rivela, in tempo reale, le quotazioni di tutti i vini. Un data base immenso che contiene una sezione più ristretta dedicata ai 50 più cari. Qui i francesi fanno la parte del leone. Il primo della lista è il compianto Henri Jayer con il suo Richebourg Grand Cru, Cote de Nuits che ha un prezzo medio di 16.513$ a cui segue Romanée Conti Grand Cru che tuttavia lo batte sulla quotazione massima di 40. 155$.

Come capite bene si tratta di assaggi da quattro soldi, alla portata di tutti

Franco Biondi Santi

Franco Biondi Santi

La sezione del sito di Wine searcher dedicata ai “Most expensive” ha un menù

riservato ai vini italiani dove la classifica appare fortemente modificata rispetto allo scorso anno con il Masseto della tenuta di Ornellaia che è schizzato fino al secondo posto e il Brunello riserva Biondi Santi che registra il prezzo massimo più alto: 52464 $ una cifra ragguardevole e capace di fare invidia anche ai cugini d’Oltralpe.

Romanée Conti Grand Cru

Romanée Conti Grand Cru

Vale la pena soffermarsi su questa lista per notare alcune particolarità, i vini piemontesi dominano la scena con il Barolo e il Barbaresco e hanno 24 vini fra i cinquanta totali mentre i toscani solo 11 e i veneti 6. Ci sono referenze che non ti aspetti tipo il Campari Cordial che ha un prezzo medio di 238 Dollari ma è in vendita anche a 5, 87$. Avanzano i vini di Bolgheri con Ornellaia, Sassicaia, Tua Rita e Le Macchiole ma chi fa un vero e proprio exploit rispetto allo scorso anno è il Masseto schizzato al secondo posto dopo essere stato protagonista delle aste internazionali.

Sul gradino più alto c’è l’Amarone della Valpolicella Classico Riserva

Giuseppe Quintarelli uva

Giuseppe Quintarelli uva

DOCG di Giuseppe Quintarelli con un prezzo medio di 754 $ e una punta di 1.999$. Il mitico Bepi, padre dell’Amarone, scomparso nel 2012. Con le sue etichette scritte a mano, la sua sapienza artigiana è ancor oggi un mito per chi ama la vigna e il vino.

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation
                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi