L’avventurosa storia della croce di Trequanda

Trequanda Croce processionale

L’avventurosa storia della croce di Trequanda

A 2 km dalla Fattoria del Colle, nella chiesa parrocchiale di San Pietro e Andrea a Trequanda, a destra dell’altar maggiore è esposta una croce processionale del XIV secolo. E’ un’autentica opera d’arte in miniatura con 11 placchette smaltate a champlevé (cioè scavando la formella d’argento e poi riempiendo le cavità di colore).

Trequanda Croce processionale

Trequanda Croce processionale

Nel medioevo gli smalti, le miniature e gli avori  furono come un “internet culturale” cioè trasferirono stili e mode agli artisti che operavano nelle varie parti d’Europa perché erano facilmente trasportabili e quindi ebbero un ruolo fondamentale nella diffusione del gotico o della cultura rinascimentale
 Gli orafi erano fra gli artisti più completi perché dovevano disegnare, scolpire e persino costruire architetture in miniatura come i reliquiari. Uscirono da botteghe orafe Brunelleschi, Donatello, Ghiberti … Le botteghe orafe A Siena del Due e del Trecento erano le più rinomate d’Europa e la croce di Trequanda viene appunto da una di esse.
Da questo suo pregio artistico dipende una storia molto avventurosa.

Fino alla metà del Novecento la croce veniva usata per accompagnare i defunti in processione fino al cimiterino ai piedi della collina di Trequanda. Ci sono foto di funerali che comprovano questa abitudine. Poi fu mandata a restaurare e sparì. Circa trent’anni fa riapparve nel Cleveland Museum of Art. Fu pubblicata e gli specialisti di tutto il mondo, me compresa, cominciarono a studiarla. Capii subito che era un manufatto senese del pieno Trecento  ma non la provenienza da Trequnada. Eppure era facile!

Nel retro della croce c’è un’iscrizione che nell’articolo era sciolta male.  Io lessi  le prime parole << MIS/SE/R PIE/TRO PIOVANO>> ma quella successiva mi sembrò incomprensibile Intreqh??? intregh?? Pensai a “in tregua” oppure a “in tre”. Ma non mi venne in mente che l’iscrizione faceva riferimento al podere Pieve, un tempo appartenuto alla Fattoria del Colle della mia famiglia, e costruito sui ruderi della Pieve di Sant’Andrea in Malcenis del XII secolo.  Se c’era qualcuno che poteva capirlo facilmente ero proprio io!
Perché la frase era chiarissima << << MIS/SE/R PIE/TRO PIOVANO IN TREQHUANDA MI FECIE FARE>>.

Una volta accertata la provenienza iniziò una lunga vicenda diplomatica per riportare a Trequanda la croce.

Trequanda Chiesa dei Santi Pietro e Andrea

Trequanda Chiesa dei Santi Pietro e Andrea

 Generalmente i musei americani preferiscono restituire le opere rubate anche quando le hanno acquistate sul mercato in modo assolutamente regolare.  Anche in questo caso hanno rimandato la piccola  croce nel nostro piccolo paese. Per qualche mese è stata custodita dai Carabinieri poi è stata realizzata una teca blindata con uno specchio nella parte posteriore in modo da mostrarla su entrambi i lati.
Venite a vederla è bellissima e non è la sola cosa da vedere nella chiesa di Trequnda!!!!
Donatella Cinelli Colombini

 

Trequanda chiesa dei SS Pietro e Andrea Croce processionale

Trequanda chiesa dei SS Pietro e Andrea Croce processionale

 

 

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi