Apollonio in festa per i 150 anni della cantina

Massimiliano-e-Marcello-Apollonio

Apollonio in festa per i 150 anni della cantina

Massimiliano Apollonio e i personaggi del talento pugliese: Rodolfo Valentino, Modugno, Moro, Mennea e più di recente Renzo Arbore, Giuliano Sangiorgi …

 

Apollonio-cantine-Puglia

Apollonio-cantine-Puglia

Di Donatella Cinelli Colombini

Conosco poco Massimiliano Apollonio ma la comune passione per i vitigni autoctoni e il turismo del vino (è appena diventato presidente di MTV Puglia) ci ha legati con un’amicizia che cresce. Per questo mi ha mandato il libro e i vini che celebrano i 150 anni della sua cantina.

 

PREMIO APOLLONIO AI PUGLIESI DI GRANDE TALENTO

Il libro racconta il Premio Apollonio che Massimiliano e suo fratello Marcello hanno creato nel 2005 per onorare la memoria dei genitori, grandi appassionati di teatro, scomparsi quando loro erano ancora molto giovani. Un premio dedicato al talento dei pugliesi che viene organizzato, con una spettacolare cerimonia, nel cortile dell’Università di Lecce.

Apollonio-cantine-Puglia

Apollonio-cantine-Puglia

Nel corso degli anni è stato assegnato a Renzo Arbore, Antonio Caprarica, Giuliano Sangiorgi, Ennio Capasa. A questi pugliesi autoctoni si aggiungono i pugliesi di adozione come Ferzan Ozpetek, il Premio Oscar Helen Mirren e l’attore italo-americano John Turturro.
Nel libro che mi è stato donato, i vincitori di oggi descrivono i pugliesi di ieri, quasi a sottolineare il talento diffuso che gli Apollonio considerano la <<formidabile risorsa naturale>> della loro terra. Un orgoglio di appartenenza corroborato da personaggi come Domenico Modugno, Aldo Moro, Pietro Mennea, Carmelo Bene … Rodolfo Valentino. Nomi che bene esemplificano il concetto espresso all’inizio del libro sul carattere dei pugliesi e <<la loro capacità di eccellere ovunque essi vadano, in qualsiasi settore essi si applichino>>.

 

CANTINA APOLLONIO 1870-2020: UNA STORIA ITALIANA DI SUCCESSO

Questa sconfinata passione per la Puglia mi ha toccato nel profondo <<gli Apollonio provano i sentimenti che io ho per la Toscana, terra di Dante, Michelangelo e Roberto Benigni>> ho pensato e questo mi ha spinto a curiosare nel sito e negli articoli che riguardano Massimiliano Apollonio e la sua cantina.
L’azienda venne fondata nel 1870, quando i vini pugliesi erano considerati quasi solo da taglio, destinati a partire verso il Nord in cisterne. Ci vuole quasi un secolo per affrancarsi dalla strategia dei grandi volumi e iniziare a imbottigliare (1975) vini con caratteri distintivi e un serio apprezzamento commerciale.
I fratelli Marcello e Massimiliano Apollonio costituiscono la quarta generazione dell’azienda, che oggi vende circa un milione e mezzo di bottiglie in 35 Paesi di tutto il mondo. Una famiglia esemplare per tenacia e fiducia nel potenziale enologico della propria terra. <<Le passioni crescono da piccoli semi>> è scritto nel sito, quasi a commentare una continuità familiare eccezionale e capace di dare ottimi frutti.

 

VITIGNI AUTOCTONI, EXPORT E UNA FAMIGLIA DI PRODUTTORI APPASSIONATI

Oggi possiedono 70 Ettari di vigneti, in cui sono coltivati i vitigni autoctoni, Negroamaro e Primitivo, ma anche Malvasia nera, Susumaniello, Bianco d’Alessandria oltre ai vitigni internazionali. Massimiliano è l’enologo, attività che alterna a quella di docente all’Università e, fino allo scorso anno, di Presidente Assoenologi di Puglia, Basilicata e Calabria.
La produzione enologica è divisa in diverse linee con caratteri distintivi. A me sono arrivati tre splendidi vini: Divoto, Coppertino Rosso Riserva fatto con Negroamaro e Montepulciano, Diciotto Fanali Salento rosato a base di Negroamaro, Mani del Sud, Salice Salentino con uve Chardonnay e Sauvignon. Grandi vini dove la passione sconfinata di chi li ha fatti traspare in ogni particolare: la brillantezza dei colori, i profumi fini, complessi e, talvolta sorprendenti, ma soprattutto in bocca dove la luce e la terra salentina si trasformano in potenti armonie mediterranee.

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi