Bollino verde per il vero made in Italy on line

Shopping on line

Bollino verde per il vero made in Italy on line

I prodotti italiani taroccati sono soprattutto accessori d’abbigliamento, profumi, tecnologia e agroalimentare.Comprano maggiormente i maschi e i giovani

Shopping on line

Shopping on line

Di Donatella Cinelli Colombini

STOP alle imitazioni del made in Italy. Vale 7 miliardi di Euro su un business mondiale dei falsi di oltre un triliardo di Dollari. Un fiume di soldi sottratti alle imprese che lavorano bene e persino alle tasse (1,7 miliardi). Le più colpite le case di moda con gli accessori d’abbigliamento falsi (34% del totale) poi dvd e software, prodotti agroalimentari con un miliardo di italian sounding pari al 15,8% dell’intera produzione.

CHI COMPRA I PRODOTTI TAROCCATI

Gucci falso

Gucci falso

Nell’indagine Censis sul mercato delle imitazioni tantissime notizie curiose. Per esempio chi preferisce un finto Gucci a una bella cintura di pelle magari artigianale? Soprattutto giovani e soprattutto maschi (81%) che vogliono prodotti griffati ma non hanno ancora i soldi per comprarli. I più attratti dai falsi sono infatti i ragazzi in cerca di occupazione (80%) che vogliono assolutamente quello status symbol ma lo vogliono pagare poco.

Commercio on line non sempre è sicuro

Commercio on line non sempre è sicuro

CHI VENDE I PRODOTTI TAROCCATI
Gli acquisti avvengono alle bancarelle, ma soprattutto on line con il colosso cinese Alibaba come principale imputato visto che, secondo alcune fonti,  i falsi sarebbero il 60%. Per questo il Ministero dello sviluppo economico ha firmato la “Carta Italia” con Indicam e Netcomm, organizzazioni che riuniscono le principali piattaforme di commercio elettronico, come eBay. I prodotti sicuramente autentici avranno un bollino verde. Ci sono Paesi specializzati in determinati falsi: la Turchia negli alimentari, l’India nei farmaci, Hong Kong nei prodotti di bellezza e poi c’è la madre di tutte le contraffazioni, la Cina dalla quale proviene il 75% dei prodotti taroccati sequestrati nei porti europei.

E-COMMERCE E VINO

Amazon

Amazon

L’e-commerce è in crescita in tutto il mondo e, a passi più lenti, anche in Italia dove dovrebbe raggiungere i 15 miliardi di Euro di business nell’anno in corso. Il vino segue lo stesso trend. Secondo uno studio della Kedge Business School, presentato all’ultimo Vinexpo, il leader mondiale per la vendita di bottiglie on line è Amazon, il primo degli europei è lo spagnolo www.lavinia.es mentre il primo portale italiano, all’8° posto della classifica mondiale,d è www.wineshop.it. Tra i criteri che hanno determinato la classifica la facilità di navigazione, la ricchezza dell’offerta e la presenza di promozioni.

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.