Compreresti Champagne dal distributore automatico?

Compreresti Champagne dal distributore automatico?

Meglio delle merendine! Nel distributore automatico di Selfridge’s a Oxford Street di Londra c’è il Moët & Chandon

Moet Chandon-ne-distributore-automatico

Moet Chandon-ne-distributore-automatico

Di Donatella Cinelli Colombini, Brunello, Casato Prime Donne

Moët & Chandon, non è solo uno Champagne molto conosciuto ma anche un simbolo di successo. Siamo abituati a vederlo ai Golden Globe Awards di Hollywood mentre le star del cinema festeggiano i vincitori. Pensate che in quell’occasione vengono usate 1,500 Mini Moët, 125 casse di Moët & Chandon Grand Vintage 2004 e Moët Rosé Impérial magnum e 500 cocktails a base dell’iconico Moët Impérial. Praticamente un fiume di Champagne grande come il red carpet dove sfilano le celebrities.
Per questo trovare il Moët & Chandon in un distributore automatico tipo merendine fa sgranare gli occhi. C’è da chiedersi: è la caduta di un mito oppure è la ricerca di nuovi fan?
In realtà la proposta di Champagne nel distributore automatico è partita, quasi come un gioco lussuoso, dal celebre grande magazzino londinese Selfridge’s di Oxford

distributore-automatico-di-granchi-vivi

distributore-automatico-di-granchi-vivi

Street in occasione del Natale 2013.
La cosa curiosa è che questo è stato solo l’inizio di una nuova tendenza nei distributori automatici: invece di offrire merendine, caramelle o bibite molto comuni con un piccolo sopraprezzo per compensare la praticità dell’acquisto, hanno cominciato a proporre cose espresso o costose. In altre parole si sono proposti come autentica alternativa al bar o al negozio cercando di rispondere alle esigenze di una clientela sempre più frenetica o meno disposta a usare il tempo libero per o shopping.
Poi c’è il desiderio di distinguersi.
Ecco il distributore di granchi vivi (Cina) oppure quello dell’aeroporto di Bergamo Let’s Pizza che in 3 minuti stende la pasta e cuoce la pizza espressa. Poi c’è il Burrito Box con preparazione espressa che usa solo ingredienti naturali in 5 varianti incluso il burrito con patate arrosto, uova e formaggio. C’è il distributore automatico di patatine fritte e servite che viene ovviamente dal Belgio e quello più diffuso di pane appena sfornato.
Ma sono le macchinette del lusso quelle che incuriosiscono di più: caviale e Champagne, nel vero senso della parola. Il distributore automatico di caviale serve porzioni da 500 Dollari ed è a Los Angeles mentre quello di Moët & Chandon da cui è partito il nostro percorso fornisce mini bottiglie pronte all’uso cioè già raffreddate, a circa 25 Euro l’una.

 

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi