EnoLions,una gara di vino e di solidarietà

Campo Toscana Disabili Lions

EnoLions,una gara di vino e di solidarietà

Il primo concorso enologico al mondo con giurati sotto i 40 anni raccoglierà fondi per il “Campo Toscana Disabili” del Lions

 

Campo Toscana Disabili Lions

Campo Toscana Disabili Lions

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini

Non solo vino, nel concorso enologico che, per primo, designerà le bottiglie più vicine al gusto dei giovani, ma anche un progetto sul bere consapevole e soprattutto una raccolta di fondi in favore di chi è meno fortunato.

EnoLions è il concorso enologico che il Governatore del Distretto Lions 108 La Toscana, Fiorenzo Smalzi, ha ideato ed affidato ad un Comitato Organizzatore coordinato da Piero Fontana e l’enologo  Luciano Bandini. Un’iniziativa di alto profilo tecnico ma interamente organizzata da volontari, che offrirà le somme raccolte al Campo Toscana Disabili, organizzato dai Lions Club toscani, dove 12 giovani disabili trascorreranno dieci giorni di vacanza il prossimo luglio. Si tratta soprattutto di giovani con gravi problemi motori che soggiorneranno a Lucignano (AR) con i loro accompagnatori e faranno attività riabilitative, di svago e gite a Pisa, Firenze, San Gimignano e in Val d’Orcia.

Il grande vino si mette quindi al servizio della solidarietà e, al contempo, si confronta con i nuovi consumatori: il

concorso enolions

concorso enolions

concorso EnoLions prevede infatti una giuria di esperti con meno di 40 anni, rivolgendosi alle nuove generazioni e valorizzando il loro giudizio.

Proprio in quest’ottica, contemporaneamente al concorso i Leo, ovvero i giovani Lions, produrranno un video sul bere responsabile. Immagini ironiche e autoironiche che evidenzieranno gli effetti negativi dell’abuso d’alcool e, sul lato opposto, il piacere di consumare piccole quantità di buon vino usandoli come complementi della socialità e chiavi nella scoperta di luoghi, persone e civiltà. Atteggiamento positivo che Lions e Leo intendono proporre ai nuovi consumatori.

Enolions è autorizzato dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e vedrà la sua fase finale domenica 2 marzo 2014, nella villa di Artimino (Prato) dove le commissioni di degustazione, ciascuna composta da 4 enologi, 2 sommelier ed 1 giornalista,

Campo Toscana Disabili Lions il gruppo

Campo Toscana Disabili Lions il gruppo

assaggeranno bottiglie rese anonime da un notaio, con il metodo di analisi sensoriale dell’ ”Union International des Oenologues”. Le cantine interessate a concorrere dovranno spedire le schede dei vini e le bottiglie entro il 15 febbraio seguendo le istruzioni pubblicate nel sito www.enolions.it.

Durante la cerimonia di premiazione, che avrà luogo il 24 maggio a Firenze, tutti i vini che avranno ricevuto un giudizio superiore a 82/100 riceveranno un diploma di merito, mentre i migliori di ognuna delle 12 categorie del concorso saranno premiati con diplomi con medaglie d’oro, d’argento e di bronzo. Al vincitore assoluto verrà assegnato il diploma di Gran Medaglia d’Oro.
Per ulteriori informazioni
www.enolions.it
info@enolions.it