Festa di divorzio e vino da divorzio con bollicine

Vino per il divorzio

Festa di divorzio e vino da divorzio con bollicine

Con la nuova moda della festa di divorzio arriva, dal comico Jeff Wysaski, il consiglio sul vino più adatto: lo Champagne da accompagnare a una torta diversa

Vino per il divorzio

Vino per il divorzio

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini
La notizia arriva da “Haffpost taste” la sezione enogastronomica dell’Haffington Post il maggiore quotidiano on line al mondo che ha scovato le raccomandazioni del comico Jeff Wysaski sui vini. Avete presente le targhette lungo gli scaffali dei supermercati? Generalmente contengono il prezzo e alcune spiegazioni tecniche come il vitigno, la zona d’origine, la maturazione in botti di rovere e simili. Ebbene Jeff Wysaski ha deciso di fare una piccola rivoluzione e scriverci frasi scherzose, provocatorie e in certi casi trasgressive. Ecco il vino che vi <<garantisce una nonna di periferia ubriaca>> quello che placa l’odio <<invece di un antico rituale con il sangue dei vostri nemici, usate questo Merlot, è così intenso che satana non sentirà la differenza>>. Per festeggiare la firma del documento di divorzio consiglia uno Champagne da bere mangiando ogni sorta di cose dolci secondo la massima << cambia torta e vai avanti>>. Le didascalie scritte da Wysaski nel supermercato vicino casa hanno fatto il giro del

Jeff Wysaski

Jeff Wysaski

mondo. Del resto Jeff è da tempo un personaggio molto noto nel mondo internet << Also, my tumblr site was named one of the 30 Must-See Tumblr Blogs” by Time Magazine, one of the “23 Funniest Tumblr Blogs” by Huffington Post, and one of the “90 Best Tumblr Blogs of 2011″ by Buzzfeed.>>.
Nel vino ha fatto emergere qualcosa che era già nell’aria: una comunicazione meno paludata e più sorridente, più emotiva e meno tecnica. Lo stesso sentimento che ha spinto Sparky e Sarah Marquis a vestirsi come il Principe azzurro e la bella addormentata nella home page del sito della loro cantina Molly Dooker.. Una strategia giocosa ma fino a un certo punto se consideriamo che il loro shiraz “Carnival of Love” è arrivato secondo nell’ultima classifica Top 100 del Wine Spectator.
In questa chiave scherzosa eccoci a parlare dei vini per i divorzi. Dunque con la nuova moda di festeggiare la separazione, arrivano anche i vini festaioli per eccellenza: le bollicine. Ha ragione Jeff Wysasky se firmi il divorzio rimpinzati di cose dolci concediti uno Champagne e volta pagina. Se qualcuno critica l’abbinamento champagne secco e

divorce_cake_

divorce_cake_

dessert poco male, l’essenziale è darsi una spinta verso un cambiamento di vita e annegare la perdita affettiva in una sensazione suadente. Le feste di divorzio nascono negli Stati Uniti intorno al 2006 con Christine Gallagher, autrice di The Divorce Party Planner: How to Throw a Divorce Or Breakup Party e si diffondono velocemente in Europa dove ci sono agenzie specializzate- Divorce party planner- come la francese “The wedding out factory” e la tedesca “Eventhelden.de”. Ci sono fiere per le torte da divorzio e un rituale sempre più consolidato compresi gli striscioni “meglio single”.

Pisco

Pisco

In linea di massima la festa assomiglia a quella nunziale ed ha la torta e il brindisi come momenti culminati. Dunque le bollicine sono sempre protagoniste.
Ultima nota sul vino per i divorzi. La notizia è molto divertente e viene da Trip advisor: i visitatori della cantina El Catador vicino a Pisco raccontano di aver assaggiato del vino dolce e molto alcolico ascoltando leggende sui << i tre vini che servono per portare al matrimonio, al divorzio e per partorire gemelli>>. La storia è affascinante e, dalle foto, anche il luogo appare molto suggestivo con le anfore per l’acquavite Pisco. Forse la storia del vino che scompagina le coppie è poco attendibile ma conviene comunque andare a Pisco in Perù a verificarla di persona!

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.