Forza Ministro Gnudi dai che ce la fai! Dacci un bel sito!

MinistroPieroGnudi-BitMilano

Forza Ministro Gnudi dai che ce la fai! Dacci un bel sito!

 Il nuovo Ministro con delega al Turismo  Piero Gnudi alle prese con il sito web, il famigerato www.italia.it. Quasi un tormentone che dura dal 2004

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini

MinistroPieroGnudi-BitMilano

MinistroPieroGnudi-BitMilano

E’ il sito che ha creato grandi imbarazzi a Francesco Rutelli quando tenne a battesimo la prima versione. Insomma dopo otto anni e 30 milioni di Euro spesi siamo ancora con un sito con contenuti traballanti, tradotti male, poco navigabile e soprattutto poco orientato al cliente. Un esempio?

Noi del Brunello aspettiamo a Montalcino migliaia di visitatori da tutto il mondo grazie a questo poderoso sito! Nella sezione sul turismo del vino non ci sono descrizioni di territori vitati ma il rimando al sito della Federdoc che con i regolamenti, bandi e disciplinari di produzione attrarrà nelle zone del vino anche gli astemi! Ma di sicuro!

E poi provate a cercare in www.italia.it il piccolo comune di Trequanda in cui si trova la Fattoria del Colle e scoprirete che neanche il sistema di ricerca funziona! Per le imprese che sono nelle grandi città il danno è minore ma noi dei paesini siamo proprio scomparsi.

Neanche fossimo una Nazione dove il turismo conta poco! Da noi il business turistico vale circa 50 miliardi di Euro e con

Agriturismo in Toscana - Fattoria del Colle - Crete Senesi e Val d'Orcia - Siena - Appartamenti - ville e camere

Agriturismo in Toscana - Fattoria del Colle - Crete Senesi e Val d'Orcia - Siena - Appartamenti - ville e camere

l’indotto sfiora il 10% del pil! In Italia abbiamo oltre un milione di camere d’albergo, più di 100.000 imprese da ristorazione.

Una settimana fa il Consiglio di Stato ha annullato la gara d’appalto del 2010 per il nuovo sito. Insomma, forse è la volta buona, forse il Ministro Piero Gnudi riuscirà a affidare l’esecuzione a persone poco raccomandate e molto competenti. Dai Ministro, dai che ce la fai!