Gli armadi che uccidono il vino

Gli armadi che uccidono il vino

Chi ama i grandi vini deve usare calici assolutamente inodori: diffidare di mobili antichi, scatole di cartone e detersivi  possono contaminare bicchieri e vino

Fattoria-de-Colle-cristalliera-sala-del-biliardo

Fattoria-de-Colle-cristalliera-sala-del-biliardo

Di Donatella Cinelli Colombini

Chi, come me adora i mobili di grande antiquariato e contemporaneamente i grandi vini si trova spesso a scegliere fra l’uno e l’altro. Infatti le credenze in legno con due o trecento anni di età hanno spesso subito trattamenti antitarlo, oppure piccoli restauri con l’uso di prodotti a base di cloro, in altri casi hanno trascorso decine d’anni in luoghi umidi dove si sono sviluppate muffe – il fungo armillaria mellea – il cui metabolismo produce TCA …. Le cause posso essere diverse ma il risultato è sempre lo stesso: i cristalli conservati all’interno di questi mobili rovinano il vino. Portando al naso il calice vuoto, esso risulta inodore ma versandoci dentro il vino sprigiona un fortissimo e devastante odore di tappo rovinando anche il più meraviglioso nettare di bacco. Si tratta del TCA tricloroanisolo un inibitore dell’olfatto che agisce sulle cellule nervose per cui l’unica percezione è uno sgradevolissimo odore di medicinale, tintura di iodio.
Non basta avvinare i bicchieri per risolvere il problema, bisogna lavarli con il detersivo. Ma c’è di più: l’inquinamento è velocissimo, bastano pochi giorni per inquinare i bicchieri. Spostando i calici in un altro armadio appestano tutti quelli che ci sono dentro come in una specie di contagio a catena.

mobili-antichi-che-contaminano-i-calici-da-vino

mobili-antichi-che-contaminano-i-calici-da-vino

I mobili antichi non sono i soli killer dei profumi del vino, anche le scatole di cartone trasmettono al cristallo delle puzzette sgradevoli. Sono quegli odorini di panno fradicio e di chiuso che, spesso, sovrastano l’aroma del vino.
Per chi, come me, dedica la sua vita alla vigna e alla cantina è quasi un oltraggio. Ma come si fa a rovinare il lavoro appassionato dei produttori con dei bicchieri che puzzano?
Meno problematico è “l’effetto lavaggio” perché annusando i bicchieri è possibile rilevarlo anche quando i calici suono vuoti. In certi casi il problema parte dall’acqua o dal risciacquo della lavastoviglie, in altri dipende dal profumo del detersivo. Comunque anche questo è un autentico oltraggio all’impegno dei produttori nel creare vini dai profumi netti, eleganti, raffinati e capaci di emozionare chi li assaggia.
Per questo il mio appello agli amati dei grandi vini è di conservare i loro calici in cristalliere moderne, con la coppa orientata verso l’alto, lavarli con ogni cura e possibilmente non asciugarli con lo strofinaccio perché qualche odorino potrebbe essere anche li.

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation
                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi