La beffa del quasi ministro

Francesco Braga economista agrario

La beffa del quasi ministro

La speranza di un governo in cui contasse solo la competenza e la capacità di risolvere i problemi degli italiani comincia a traballare. La vicenda del sottosegretario all’agricoltura ci ha lasciato basiti

Francesco Braga economista agrarioQuando il Presidente del Consiglio Mario Monti ha letto il nome di Francesco Braga tutti hanno esultato pensando si trattasse del Professore della Cattolica di Piacenza, fra i maggiori esperti di economia agroalimentare  cioè uno dei pochi capaci di mettere insieme agricoltura e finanza. Nessuno ha avuto dubbi sulla sua identità, dal  “Corriere della Sera”, a “Tre bicchieri” del Gambero Rosso. Persino i funzionari del Ministero delle Risorse agricole che lo hanno cercato alle 4 di mattina all’Università di Guelph in Canada dove insegna, per poi dirgli qualche ora dopo che il Sottosegretario non era lui.

Ma chi è questo fantomatico Franco Braga che dovrebbe risollevare le sorti della traballante agricoltura italiana? Un Ingegner Franco Bragaingegnere esperto di edilizia antisismica che insegna Scienza delle costruzioni all’Università della Sapienza di Roma. L’ex Ministro Altero Matteoli  lo aveva indicato per le infrastrutture ma quando lo ha visto al Mipaaf è rimasto sbalordito anche lui.

Tutti ci domandiamo perché? Perché mettere una persona giusta nel posto sbagliato? In un paese dove i terremoti sono all’ordine del giorno e la creazione di un’edilizia antisismica è una necessità evidente a tutti c’è da chiedersi come mai uno specialista di questa materia viene mandato a occuparsi di quote latte e di agrumi.

Ma allora l’epoca dei Gattopardi non è ancora finita: perchè niente cambi tutto deve cambiare (ma per finta)!

di Donatella Cinelli Colombini

wine-destination

wine-destination
                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi