Mangiare al tempo di Dante

Zuppa-di-pane-di-Dante-Fattoria-del-Colle-Toscana

Mangiare al tempo di Dante

Dante mette i golosi all’inferno, e forse non le avrebbe mangiate ma noi assaggiamo le ricette del suo tempo con la guida di Guido Stecchi e Luca Lattarini

 

Zuppa-di-pane-di-Dante-Fattoria-del-Colle-Doriana-

Zuppa-di-pane-di-Dante-Fattoria-del-Colle-Doriana-Marchi-Donatella-Cinelli-Colombini

di Donatella Cinelli Colombini

Nel Trecento e soprattutto nel Duecento mangiavano cose più sane ma di gusto meno piacevole rispetto ad oggi. Questo è sicuro. Ma assaggiarle può essere comunque divertente e molto istruttivo rispetto alla conoscenza del medioevo italiano. Il settecentesimo anniversario dalla morte di Dante Alighieri – che mette i golosi all’inferno- è l’occasione giusta per un’esperienza gastronomica che può insegnare quanto un libro di storia.

 

LA SORPRENDENTE CUCINA ITALIANA DELL’EPOCA DI DANTE

Ed ecco il sistema per riuscirci. Luca Lattarini, poliziotto di mestiere e enogastronomo per vocazione, insieme a Guido Stecchi, giornalista e docente di cibo e vino oltre che strenuo difensore delle biodiversità, hanno raccolto in un piccolo libro le ricette che interpretano la cucina dell’epoca di Dante.

Dante-cosa-ti-sei-perso-Luca-Lattarini-Guido-Stecchi-

Dante-cosa-ti-sei-perso-Luca-Lattarini-Guido-Stecchi-

Si intitola “Dante cosa ti sei perso” ( pp 127 € 18) ed è il secondo libro di una collana dedicata alle ricette storiche proposte da cuochi e pasticceri in modo il più possibile fedele all’epoca fra il 1265 e il 1321 in cui visse il sommo poeta. Ovviamente ci sono delle aggiustature per rendere le pietanze accettabili al gusto di oggi. Alle loro spalle c’è l’Accademia delle 5T (Territorio, Tradizione, Tipicità, Trasparenza, Tracciabilità) sodalizio che seleziona e valorizza le tradizioni gastronomiche italiane più autentiche.

 

L’AUSTERO  SOMMO POETA DISDEGNAVA LE BUONE PIETANZE MA NOI ASSAGGIAMOLE

L’epoca di Dante non è un periodo di fame e freddo come i secoli precedenti. C’era cibo anche per i servi e i poveri mentre la tavola dei signori si riempiva per significare il potere economico e politico. Lattarini e Stecchi non si sono attenuti allo “stile alimentare di Dante” che era esageratamente austero tanto da farlo descrivere da Giovanni Boccaccio come uno che <<nel cibo e nel poto era modestissimo>>.

 

PIATTI MEDIOEVALI PER IMPARARE LA STORIA MANGIANDO

Il ricettario dantesco che abbiamo fra le mani è piano di cose buone, cioè di quei sapori medioevali che il sommo poeta non ha saputo apprezzare. Cominciamo con il Biancomangiare di Quaresima del Ristorante il Violino di Cremona, poi la Gelatina di tinche della Cascina Loghetto di Crema, scorrendo le pagine troviamo la Gelatina di carne di Dario Cecchini di Panzano in Chianti e poi la Zuppa di pane e fagioli all’occhio della mia Fattoria del Colle a Trequanda (SI) e avanti fino ai dolci dove ci sono la Torta in balconata della Pasticceria Tomasi di Verona e il melato con i canditi del Nuovo Mondo di Prato …. in fondo troviamo sfiziosità irresistibili come le Frittelle ubaldine o l’Agliata….

Insomma se Dante fosse stato meno rigido nel condannare i golosi come quelli che <<non mangiano per vivere, ma più tosto vivono per mangiare>> come spiega Giovanni Boccaccio, avrebbe avuto motivo di godere di piatti davvero prelibati.
Noi non facciamo lo stesso errore e portiamo in favola il Trecento cucinando le ricette descritte nel libro “Dante cosa ti sei perso” oppure andandole ad assaggiarle nei ristoranti, salumerie e pasticcerie che hanno voluto celebrare il padre della lingua italiana, proponendo le pietanze del suo tempo.