Michel Rolland esce di scena; la fine di un’epoca

Michel Rolland-più-importante-enologo-del-mondo-si-ritira-

Michel Rolland esce di scena; la fine di un’epoca

Michel Rolland e Robert Parker, sono stati protagonisti assoluti del mondo del vino per trent’anni. Molto, forse troppo influenti hanno spinto verso la qualità

 

di Donatella Cinelli Colombini

Michel-Rolland-consulente-enologo-si-ritira

Michel-Rolland-consulente-enologo-si-ritira

L’annuncio arriva all’inizio di maggio e lascia tutti a bocca aperta: Michel Rolland e sua moglie Dany cedono la società di consulenza da loro fondata nel 1973 a Bordeaux, alle persone che ci lavorano e che saranno dirette dai collaboratori storici del famoso enologo francese: Julien Viaud, Mikael Laizet e Jean-Philippe Fort.

 

CHI E’ MICHEL ROLLAND ENOLOGO VOLANTE

Sembra un normale pensionamento ma non lo è perché Michel Rolland è stato per trent’anni l’enologo più potente e ascoltato nel mondo. Talmente influente da cambiare lo stile del vino a livello planetario. Il primo vero flying winemaker con consulenze in un centinaio di cantine di alta fascia in oltre 20 Nazioni. Lui stesso possiede una decina di tenute a Bordeaux, in Argentina, in Spagna e in Sud Africa.
I suoi laboratori sono in grado di seguire tutte le fasi della vigna e della cantina. Aerei ed elicotteri per spostarsi incessantemente ed un’organizzazione quasi militare per accorciare i tempi che arrivava persino nel guardaroba personale di Rolland, permettendogli di fare le valigie in pochissimi minuti.
Oltre a questo, un rapporto forte con la stampa più importante e il mondo dei grandi négociant, cioè degli intermediari commerciali, broker del vino capaci di muovere mercati, aste e collezionisti.
Un’influenza così enorme sugli opinion maker da trasformare le scelte di Michel Rolland in favore di vini muscolari con alti estratti e forte impronta di legno nuovo, nei  sinonimi di alta qualità e di successo.

 

MICHEL ROLLAND E ROBERT PARKER PER TRENT’ANNI PROTAGONSTI DEL MONDO DEL VINO MONDIALE

Per questo e per la forte consonanza con le opinioni di Robert Parker, il grande critico statunitense che, attraverso i giudizi in centesimi nella sua rivista “Wine Advocate” aveva un ruolo formidabile nell’orientare il mercato mondiale, nel 2004 il film Mondovino di Jonathan Nossiter mise i due uomini sul banco degli imputati come responsabili della globalizzazione del vino e di pratiche poco rispettose della tipicità e della naturalezza.
Oggi Michel Rolland esce di scena e questo avviene, più o meno un anno dopo che, Robert Parker aveva deciso di interrompere completamente la sua collaborazione con “Wine Advocate”. La testata creata nel 1979 da Parker era stata ceduta a un gruppo asiatico nel 2012 e poi acquisita dalla Guida Michelin per creare un polo molto forte sulla critica di vini e ristoranti.
Ecco che i due principali protagonisti del mondo del vino fra la fine del Novecento e l’inizio del nuovo millennio escono entrambi di scena. Lo spettacolo va avanti ma sicuramente sarà diverso.

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi