Sei un phubber che usa il telefonino anche a tavola?

say no tu phubbing

Sei un phubber che usa il telefonino anche a tavola?

Tempi duri per chi scrive sul telefonino mentre è al ristorante oppure si nasconde in bagno per connettersi. Contro di loro dall’Australia lo Stop Phubbing

say no tu phubbing

say no tu phubbing

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini

Basta telefonini durante i pasti, a scuola o durante le cerimonie se non volete finire sbeffeggiati a livello mondiale su internet come è successo a Elton John, David Furnish e Victoria Beckham oppure a quella sposa americana con lo smartphone dentro il reggiseno che lo ha tirato fuori per rispondere durante la cerimonia. Non si tratta solo di dipendenza ma anche di educazione e di rispetto per il prossimo! Il bon ton dello smartphone parte dall’Australia e usa proprio la rete per mettere in ridicolo chi non riesce a staccarsi dalla tastiera per stare con gli altri. In Inghilterra li chiamano phubber e sono un terzo della popolazione; quella terrorizzata dall’idea di essere “disconnessa” che snobba le persone intorno in favore dello smartphone. <<Siamo sempre alla ricerca di tecnologie per connetterci con il mondo e rendere più facile la nostra

inappropriate-texting

telefonino alle nozze

vita. Ma non ci accorgiamo di essere disconnessi con noi stessi e con le persone che ci circondano>> dice il video di Gary Turk.
E’ evidente che un gran numero di “under 30” controllano Facebook, Twitter, Whatsapp, mail, Istagram … in continuazione e se vanno a finire in un posto senza campo cercano di andarsene prima possibile.
Ed ecco che due articoli di Dissapore e di Intravino mettono in fila le situazioni più fastidiose e anche imbarazzanti.
Ovviamente ci sono le eccezioni, c’è anche chi risponde al telefono in pubblico creando persino consenso come il “siparietto” dell’Assessore all’Agricoltura della Toscana, Gianni Salvadori, interrotto da una chiamata mentre parla ai consorzi del vino: lui risponde dicendo ad alta voce <<

stopphubbing

stopphubbing

agli ordini compagno>> facendo ridere tutti ma anche lasciando capire che all’altro capo del telefono c’è il Governatore Rossi. Pochissimi sono così spiritosi e capaci di gestire i rapporti. Meglio non provarci.

Jason Gay del The Wall Street Journal, il famoso quotidiano dei banchieri newyorchesi, ha recentemente pubblicato il decalogo del bon ton del telefonino che Dissapore ha italianizzato in modo spassoso.
Quello che segue invece è il mio bon ton del telefonino a tavola

  1. Vietato guardare il cellulare durante la cena. In occasioni di coppia è giusto tirare un piatto in testa a quello che, oltre a leggere sul telefonino, scrive anche. Chi, in occasioni più conviviali guarda più la tastiera che gli amici non va più invitato. Tanto che differenza fa. 
  2. Chi tiene il telefonino sul tavolo dove mangia deve rovesciarlo sul dorso e rispondere solo in casi di urgenza. Anche tenerlo in tasca senza suoneria e poi guardarlo ogni volta che qualcuno chiama è al limite della scortesia.
    smartphon sul wc

    smartphon sul wc

  3.  Durante le cene vietato portare il telefono in bagno e assentarsi continuamente fingendo una colica di diarrea.
  4.  Vietatissimo prestare più attenzione al telefonino che ai figli  
  5. Ai fanatici di sport è giusto consentire una sbirciatina ma solo quella 
  6. Vietato fotografare tutti i piatti della cena, anche quelli cattivi
wine-destination

wine-destination
                                                                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi