Sommelier post covid sempre più virtuale

sommelier-post-covid-reinventarsi-digitali-caroline-lConner

Sommelier post covid sempre più virtuale

Nel mondo 100.000 ristoranti non riapriranno e 3 milioni di persone rimarranno senza lavoro; i sommelier devono reinventarsi on line

 

Sommelier post-covid: reinventarsi digitali - Marika Vida aka TheMomSomm

Sommelier post-covid: reinventarsi digitali – Marika Vida aka TheMomSomm

di Donatella Cinelli Colombini

240 miliardi di Dollari di perdite nella ristorazione lasciano il segno. Dopo il covid, i locali che sopravvivranno taglieranno sui costi e ridurranno il personale. Quelli che avevano uno stipendio alto, oppure svolgevano un lavoro non essenziale, rischiano di non venire riassunti.

 

IL POST COVID CON MOLTO BUIO E QUALCHE LUCE PER I SOMMELIER

I dati di TheDrinksBusiness sulla Gran Bretagna sono disastrosi: un terzo dei disoccupati causato dall’epidemia è nella ristorazione che perde circa 300.000 posti di lavoro.

Evan Goldstein - sommelier post-covid: reinventarsi digitali

Evan Goldstein – sommelier post-covid: reinventarsi digitali

In mezzo al buio c’è anche qualche luce e un interessante articolo di Kathleen Willcox su Wine Searcher analizza le criticità ma anche le opportunità del post pandemia.
I più colpiti dai licenziamenti del settore hospitality saranno le hostess e i sommelier. Questi ultimi probabilmente lasceranno le mansioni amministrative e manageriali, svolte negli anni scorsi, per tornare a lavorare in sala a contatto con i clienti. Ma per loro si apre anche una nuova opportunità: parlare di vino on line.

 

I SOMMELIER  POST COVID DIVENTANO VIRTUALI

L’e-commerce del vino fatturerà 40 miliardi nel 2024 (fonte IWSR) ed ha bisogno di persone capaci di appassionare i consumatori raccontando loro vitigni, cantine, etichette meno famose, cioè i vini che senza un narratore passerebbero inosservati. Già adesso cresce il numero di sommelier che scelgono, assaggiano i vini e li descrivono prima che le bottiglie vengano mandate ai clienti. Infine le degustano insieme a loro usando internet. I wine club, ad esempio, stanno sviluppando la loro attività, esattamente in questo modo. Gli eventi virtuali, preceduti dall’invio di un pacco di prodotti da assaggiare durante il collegamento on line, sono aumentati enormemente fino a versioni sofisticate e personalizzate, mentre i fatturati cominciano ad essere ragguardevoli.
Moltissimi, se non tutti i sommelier, hanno aumentato la loro presenza on line, cosa che facevano volentieri anche prima, ma solo nei pochi ritagli di tempo. C’è chi ha iniziato a intervistare i personaggi del mondo del vino, come Vida-Arnold su instagram themomsomm, dove sfrutta i suoi contatti anche per fare tutorials e persino festival virtuali con seminari on line. L’unico problema è che iniziative come i seminari, cioè la lezione con degustazione dimostrativa, rendono una cifra maggiore dal vivo piuttosto che on line.

 

OLTRE AI PROBLEMI INNESCATI DAL COVID ARRIVANO GLI SCANDALI SESSUALI

Se non bastassero i contagi, i ristoranti vuoti e i licenziamenti a rendere difficile la vita ai sommelier …. ci sono stati gli scandali riguardanti le molestie e gli abusi sessuali sulle donne. Oltre all’articolo del New York Times che ha sconvolto la Court dei Master Sommelier USA, nel novembre scorso c’è stato uno scandalo simile a New York e, durante il lock down, le lettere misogine contro le “femmine del vino” che hanno messo in luce l’opinione da “macho” di una grossa fetta di chi ha potere nel wine business. Il mix di una cultura sessista, aggiunto all’alcol e allo stare fuori fino a tardi, ha favorito abusi durati per anni ma che ora stanno venendo fuori come è avvenuto nel cinema nel 2017. Un me too che speriamo farà cessare qualcosa di davvero brutto.

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi