TENDENZE DELLA RISTORAZIONE ITALIANA 2024

tendenze della ristorazione nel 2024 Fattoria del Colle colazioni

TENDENZE DELLA RISTORAZIONE ITALIANA 2024

DA GAMBERO ROSSO TODAY ARRIVANO LE NUOVE TENDENZE DELLA RISTORAZIONE: CHEF NOMADI, CENA ALLE SETTE, IMPIATTAMENTI BRUTTI, CARRELLI, SALE PRIVATE CON MENU’ A TEMA

tendenze della ristorazione nel 2024 Fattoria del Colle

tendenze della ristorazione nel 2024 Fattoria del Colle

di Donatella Cinelli Colombini, #winedestination

Aggiungo qualche commento personale a un delizioso articolo del Gamberorosso Today, che vi invito a leggere,  sulle nuove tendenze della ristorazione italiana e aspetto i vostri commenti.

CHEF NOMADI

Eravamo abituati a vedere i guest chef nelle serate di gala ma ora la proposta viene allargata e alcuni ristoranti che ospitano chef a cadenza fissa come le discoteche con in DJ. Evidentemente la formula si basa sullo scambio <<tu dai lo chef a me e io do lo chef a te>> e potrebbe funzionare spingendo la clientela fissa a tornare più spesso senza cercare altrove delle nuove suggestioni. Annalisa Zordan di Gambero Rosso Today cita Omakase Roulette, Feg, NØØNË, The Fooders precisando che probabilmente si tratterà di una tendenza destinata a finire presto.

 

 

CENA ALLE SETTE

tendenze della ristorazione nel 2024 Fattoria del Colle

tendenze della ristorazione nel 2024 Fattoria del Colle

Cenare alle sette significa allinearsi al resto del mondo dove le cene infrrasettimanali consentono ai clienti di mettersi a letto entro le 10,30 per andare in ufficio in piena forma la mattina dopo. Per chi lavora nei ristoranti, l’anticipo della cena, sarebbe un’autentica benedizione perché adesso raramente le brigate di cucina smettono di lavorare prima di mezzanotte e questo rende difficile la loro vita familiare e di relazione.

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Anche questo ci avvicina al resto del mondo dove il walk in è ridotto al minimo. E anche questo fa la gioia di chi lavora nei ristoranti perché permette di gestire meglio il personale senza trovarsi con troppi camerieri e pochi clienti oppure con troppi clienti e pochi camerieri offrendo un servizio insufficiente e arrangiato.

 

RISTORANTE CON PRIVE’

Salette private per pranzi di lavoro ma anche per gustare una cucina diversa dal resto del locale. A quanto scrive Annalisa Zordan la proposta ha preso un po’ la mano ad alcuni chef che organizzano menù degustazione con una durata di oltre due ore e mezzo.

 

SUPER COLAZIONE

Coccole da gustare con calma soprattutto nel weekend. Probabilmente si evolveranno in brunch salati-dolci per la tarda mattinata.

 

GLI HOTEL SI APRONO ALL’ESTERNO

Colazioni strepitose, cocktail bar, ristoranti con chef stellati … gli hotel provano a sistemare i conti delle somministrazioni ampliando l’offerta all’esterno. Una strategia che dura da tempo ed è sempre più diffusa perché negli alberghi il settore food rappresenta la parte in rosso dei bilanci. Provare ad aumentare i clienti invece che tagliare i costi potrebbe funzionare anche se i miei colleghi e amici albergatori mi sembrano molto scettici.

 

IMPIATTAMENTI BRUTTI

Basta food porn e selfie davanti a piatti simili a dipinti di arte contemporanea e studiati appositamente per essere postati sui social. La nuova tendenza sono i piatti privi di elementi decorativi e con gli ingredienti principali ben evidenti magari disposti in verticale. Dubito che questa tendenza si orienti sulla bruttezza quanto piuttosto sulla semplicità e la valorizzazione delle materie prime. Infatti nessun ristorante può più permettersi di perdere la diffusione delle proprie immagini in Facebook o Instagram con l’allargamento della clientela ai followers dei propri clienti.

 

PIU’ VERDURE

E’ un’esigenza salutistica generale che molti chef e soprattutto pizzerie, stanno intrepretando in modo nuovo

 

I CARRELLI TORNANO IN SALA

Il carrello  dei dolci e dei formaggi e anche quello del pane tornano di moda. Sono felicissima di questa tendenza che fa uscire dai ripostigli i carrelli abbandonati da anni. Io ne ho compari tre, nel corso degli anni, e non so più che fine abbiano fatto anche perché, forse, non sono più a norma con le regole che impongono di coprire e raffreddare gli alimenti. Tuttavia un buon utilizzo dei carrelli fa risparmiare tempo e aumenta i fatturati.