Wine blog awards i migliori del 2016

Wine-blog-awards-il-principale-riconoscimento-per il-giornalismo-di-vino-on-line

Wine blog awards i migliori del 2016

E’ il premio più importante del mondo per i blog e i post sul vino. Ecco i vincitori del Wine blog awards 2016

Wine-blog-awards-il-principale-riconoscimento-per il-giornalismo-di-vino-on-line

Wine-blog-awards-il-principale-riconoscimento-per il-giornalismo-di-vino-on-line

Di Donatella Cinelli Colombini

Prima di tutto va detto che posso concorrere solo quelli in lingua inglese. Le candidature vengono mandate la prima metà di aprile, i giudici scelgono 5 nomination per ogni categoria e il pubblico vota all’inizio di giugno. Il 13 agosto la premiazione dei Wine Blog Awards avviene a Lodi in California durante la Wine Bloggers Conference. Il premio esiste dal 2010 ed ha ormai una solidissima reputazione.
La lista dei vincitori è lo specchio di un approccio aperto e anticonvenzionale. Pochi super noti e moltissimi emergenti.
 Best Blog Post of the Year: HENRI BONNEAU, LE DERNIER ADIEU by Jerry Clark
 Best Original Photography or Video on a Wine Blog: Vindulge

HENRI-BONNEAU-LE-DERNIER-ADIEU

HENRI-BONNEAU-LE-DERNIER-ADIEU

 Best Winery or Industry Wine Blog: Berry Bros. & Rudd Wine Blog!
 Best Single Subject Wine Blog: Provence Wine Zine!
Best Writing On a Wine Blog: L’Occasion!
 Best New Wine Blog: Dionysian Impulse!
 Best Overall Wine Blog: L’Occasion!
Fra tutti vorrei qui parlarvi dell’articolo di Jerry Clark pubblicato nel blog “Provence Wine Zine” From the modern trobadors cioè dai poeti girovaghi moderni. Racconta del funerale di Henri Bonneau uno dei più straordinari produttori francesi autore di Châteauneuf-du-Pape leggendari come la Cuvée Marie Beurrier e la Réserve des

Provence-wine-zine-Wine-blog-awards-winner

Provence-wine-zine-Wine-blog-awards-winner

Célestins che nelle aste spuntano prezzi da capogiro. Tuttavia non è la descrizione della cerimonia funebre l’elemento straordinario di questo articolo breve e scritto in modo asciutto, veloce, senza fronzoli. L’elemento profondo, bellissimo di questo articolo è la riflessione sulla vita e sulla morte, il contrasto fra la fama e il prestigio dei vini e la capacità del loro autore di vivere e morire con estrema semplicità, senza niente di quel fasto luccicante che spesso caratterizza le fiere, le cantine e persino i personaggi del vino.
Jerry Clark era andato a trovare i Bonneau il 21 marzo di quest’anno ed ha incontrato la moglie ed il figlio nella casa in cui vivevano da generazioni accanto alla cantina stupendosi della mancanza di insegne e della semplicità di tutto

Wine-blog-awards-Wine-blog-conference

Wine-blog-awards-Wine-blog-conference

l’insieme. Quello stesso giorno Henri Bonneau è morto nell’ospedale di Marsiglia in cui si trovava a causa del diabete. Jerry Clark intanto aveva proseguito il suo viaggio nelle regioni del vino francese ed ha saputo del decesso solo tre giorni dopo. A quel punto ha deciso di tornare indietro e partecipare al funerale nella chiesetta medioevale del paese di Châteauneuf-du-Pape. Era l’unico americano e si è chiesto << Where was Parker? Of the relatively few women present there was no Jancis Robinson…..Then I relaxed and said it was surely much better this way>> dov’era Robert Parker ? Fra le poche donne presenti non c’era Jancis Robinson … poi ho pensato che era meglio così. <<Those that could most appreciate his winemaking talent were above, waiting for him. The monks preserved viticulture in the Dark Ages. For over a thousand years, they carefully improved upon what they were entrusted to protect. He would soon

Chateauneuf-du-Pape-Henri-Bonneau

Chateauneuf-du-Pape-Henri-Bonneau

be with them – the Cistercians of Clos Vougeot, the Carthusians of Châteauneuf-du-Pape, the Benedictines of Macon and Chusclan>> Quelli che potrebbero più apprezzare il suo talento di produttore lo stavano aspettando in cielo. I monaci che avevano conservato la viticoltura nei secoli bui. Per più di mille anni, hanno accuratamente migliorato la cultura enoica che era stata affidata alla loro protezione…… i cistercensi di Clos Vougeot, i certosini di Châteauneuf-du-Pape, i Benedettini di Macon e Chusclan>>
Che bellissime parole e che riflessioni profonde. Quasi un monito a tutti noi che cerchiamo visibilità e onori! La vera gloria è un’altra… è nella grandezza dell’umiltà. Una grandezza che gli era riconosciuta da tutti e infatti la morte di Bonneau è stata commemorata anche sul New York Times da Eric Asimov.
Un post che merita il Wine Blog Awards senza alcun dubbio!

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi