accoglienza turistica in cantina Tag

Come raccontare cantine e vini ai turisti: storytelling

Raccontare e raccontarsi invece di dare informazioni tecniche del processo produttivo è vincente con i turisti del vino e anche in video

 

Violante Gardini at the head of Movimento Turismo del Vino - Toscana

storytelling-Violante Gardini-Fattoria-del-Colle

Di Donatella Cinelli Colombini

CHI SA FARE LO STORYTELLING

Tutti possono diventare ottimi addetti all’accoglienza turistica in cantina basta prendere sul serio questa attività e prepararla con cura prima che arrivino i turisti esattamente come un avvocato studia l’arringa prima del processo e l’attore prova la sua parte prima di salire sul palcoscenico.

Evidentemente c’è chi ha una predisposizione naturale ma tutti possono riuscirci. Il problema è che spesso sono proprio quelli con meno comunicatività che, per evitare lo stress, si buttano allo sbaraglio improvvisando all’ultimo momento. I risultati sono spesso disastrosi perché lo sforzo è tutto concentrato nel trovare argomenti e manca la dovuta attenzione al rapporto con i turisti. Aspetto quest’ultimo, che è invece fondamentale che quindi dovrebbe essere al centro dei pensieri, mentre le parole escono quasi da sole grazie al training fatto prima.

Movimento del Turismo del vino Toscana

Storytelling-Cantine aperte-Movimento del Turismo del vino Toscana

Quindi preparare le cose da dire è fondamentale anche perché i messaggi devono avere una diretta corrispondenza nei contenuti espressi da depliant, sito, blog, comunicati stampa ed ogni altra forma di messaggio espresso dalla cantina. Con la sola ma grande differenza che il racconto ai turisti deve essere, nella stragrande maggioranza dei casi, anche divertente perché è rivolto a persone in vacanza.

Secondo Vincenzo Russo, esperto di neuromarketing della IULM di Milano, lo storytelling è più congeniale alla mentalità femminile. Uomini e donne addetti alle vendite del vino e dell’incoming enoturistico hanno strategie diverse «lui procede per obiettivi, lei creando relazioni» e usando il racconto per spiegare come e perché nascono le sue bottiglie.  Secondo Russo le donne «hanno uno stile emotivo e coinvolgente nella comunicazione e sono orientate alla condivisione di esperienze. Gli uomini considerano la comunicazione come terreno di confronto e di prova su cui misurarsi». Ecco che la mente femminile, più multitasking e capace di coinvolgere, si rivela particolarmente adatta nel creare engagement con clienti e visitatori.

 

Come raccontarsi ai turisti del vino

Spiegazioni chiare, brevi, coinvolgenti … mai frasi al negativo, mai gergo tecnico, tanti aneddoti e pochi concetti, ecco come raccontarsi ai turisti del vino

Come raccontarsi ai turisti del vino Cantina CasatoPrimeDonne Sommelier Brasiliani

Come raccontarsi ai turisti del vino CasatoPrimeDonne Sommelier Brasiliani

Di Donatella Cinelli Colombini Brunello, Montalcino, Casato Prime Donne 

Il segreto è mostrandosi competenti ma non supponenti. Ovviamente una grande padronanza delle lingue estere aiuta ma non basta
Ovviamente una predisposizione alle relazioni – l’empatia- aiuta ma non basta
Per raccontarsi ai turisti del vino  e far percepire la qualità della produzione enologica servono anche la competenza, la scelta delle informazioni adatte …. sembra facile! E poi conta il modo con cui si parla e soprattutto servono tante prove. I grandi avvocati, i politici … i professionisti che devono parlare in pubblico studiano attentamente cosa dire e come dirlo per colpire

Come raccontarsi ai turisti del vino DonatellaCinelliColombini con i buyer russi

Come raccontarsi ai turisti del vino DonatellaCinelliColombini con i buyer russi

chi ascolta. Spesso quella che sembra un’improvvisazione estemporanea è frutto di un lungo lavoro preparatorio.
Sono più spesso gli inesperti che improvvisano e i risultati sono deludenti nella stragrande maggioranza dei casi, in altre parole <<se non sai cosa dire meglio se stai zitto!>>.
Oggi più che in passato la competenza sul vino, sull’azienda e sul territorio sono un bagaglio professionale determinante per chi lavora nell’accoglienza turistica in cantina. Per questo molte cantine scelgono sommelier che parlano inglese e poi fanno loro compiere una full immersion nell’azienda con visita di tutti i reparti produttivi e nel territorio con le chiese i musei e le feste popolari dei dintorni. Perché ciò sia efficace bisogna che, i futuri addetti all’accoglienza turistica, siano consapevoli dell’importanza di questo bagaglio professionale e lo sappiano raccontare in modo coinvolgente.