Christian de Portzamparc Tag

Cheval Blanc acquista Tour du Pin Figeac

Château Cheval Blanc, leggenda del grande vino, si espande. E’ l’occasione per parlare di questo straordinario Premier Grand Cru Classé della super-categoria “A”

 

cheval-blanc-tinaia

cheval-blanc-tinaia

Di Donatella Cinelli Colombini

Insieme a Petrus, Yquem e ai super 5 – Latour, Margaux, Haut-Brion, Lafite e Mouton – della classifica del 1855, è una leggenda, un dio nell’olimpo del vino. Per questo ogni notizia riguardante Château Cheval Blanc esce su tutti i giornali del mondo e quella di acquisire Tour du Pin Figeac incuriosisce parecchio. Infatti lo Château faceva parte dell’originario feudo Figeac che fu smembrato nel XIX. Una parte di 7,7 ettari era già di proprietà di Cheval Blanc dal 2006, mentre quello acquisito qualche giorno fa è stato protagonista delle feroci vicende giudiziarie a seguito della retrocessione rispetto alla classifica di Bordeaux.

La cantina Antinori entra nella storia dell’architettura

Antinori vince per la sezione riservata all’ “Industrial Architecture” superando la Cantina di Cheval Blanc e quella di Faustino firmata da Norman Foster

Antinori Winery

Antinori Winery

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini

Assomiglia molto all’Oscar ma riguarda solo le architetture e non gli attori. Come l’Oscar premia chi riceve più voti da chi fa lo stesso lavoro cioè dai progettisti. Infatti “archdaily.com” convoglia circa mille architetti di tutto il mondo che, dal 2008 vedono archdaily.com << as the online source of continuous information for a growth>> . Questo sito è dunque un luogo in cui i professionisti ricercano novità, progetti, prodotti, eventi, interviste, competizioni …. Con un obiettivo, enormemente ambizioso, di migliorare la qualità della vita di 3 miliardi di persone.
In questo ambito, enormemente competitivo e internazionale, ogni anno viene designata la migliore realizzazione fra i progetti di 14 tipologie: case, edifici commerciali, luoghi di formazione, edifici pubblici, centri culturali, strutture residenziali, interni, restauri, strutture ricettive, luoghi di culto, uffici, edifici industriali, ospedali e impianti sportivi. Fra i vincitori c’è persino una casa sugli alberi che sembra un serpentone in mezzo alla vegetazione.