Dopo Soldera anche Zavoli vittima dei criminali

Gianfranco Soldera -CaseBasse

Dopo Soldera anche Zavoli vittima dei criminali

Anche da Zavoli i criminali sono penetrati all’interno ma, invece di distruggere il Brunello, lo hanno picchiato per rubare in casa sua 

Gianfranco Soldera -CaseBasse

Gianfranco Soldera -CaseBasse

Di Donatella Cinelli Colombini

Davvero tristi queste notizie a cui si aggiunge quella più tragica della morte della mamma di Lucio e Daniela Mastroberardino. Ma mentre quest’ultimo evento chiede solo le nostre preghiere per una famiglia messa duramente alla prova da grandi dolori, nelle vicende di Zavoli e Soldera sentiamo sgomento per la malvagità di chi cerca di distruggere due grandi persone.
Conosco personalmente Sergio Zavoli da vent’anni e ne ammiro l’intelligenza, la cultura, la generosità e la sensibilità che ne fanno un gigante dell’informazione italiana. Pensarlo a 89 anni mentre 4 malviventi gli dicono <<ora ti ammazziamo>> e poi lo picchiano e lo legano mi fa stare male. Soprattutto perchè la violenza colpisce chi ha fatto e fa tanto per l’Italia e la corretta informazione.
In modo diverso mi fa stare male ciò che è successo nella cantina Soldera, qualcosa che sporca il civile e tranquillo

Sergio Zavoli

Sergio Zavoli

territorio di Montalcino . Così come mi feriscono alcuni commenti che parlano di mafia, di vendette … solo chi non conosce la nostra terra e i suoi abitanti può dire simili sciocchezze. Chi ama il Brunello sa che tutti i 250 produttori sono pronti a aiutare Soldera, compresi quelli che in passato non la pensavano come lui.

wine-destination

wine-destination
                                                                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi