Golf & vino la strana coppia che spopola ovunque

Nick Faldo I SUOI VINI

Golf & vino la strana coppia che spopola ovunque

I golfisti bevono vino? Si ma quale? Poco tannino e molto frutto, morbidezza e eleganza. Nick Faldo uno dei golfisti più famosi dice come ha scelto i suoi vini

Nick Faldo I SUOI VINI

Nick Faldo I SUOI VINI

Di Donatella Cinelli Colombini Brunello

Golf sport da ricchi e golf club luoghi esclusivi ed eleganti che sembrano cornici perfette per ottime bottiglie di vino. Ma cosa bevono questi sportivi che amano camminare nel verde tirando colpi a una pallina? Un indizio arriva dalla linea di vini creata da Nick Faldo, il campione britannico che ha dominato in circuito mondiale del golf per 25 anni. Proprio ai suoi vini è dedicato un articolo di Wine searcher.

ANCHE VINI ITALIANI PER IL CAMPIONE DI GOLF

Faldo è a capo di un impero economico molto diversificato ed ha una grande passione per il vino. Insieme all’importatore e amico Milton Sandford ha selezionato 6 dei vini che verranno venduti a prezzi fra le 11 e le 50 Sterline (69 per il Barolo). Piccole serie di 5.000 bottiglie di Sauvignon di Touraine proveniente da Domaine de la Renaudie, Chablis di Jean-Marc

Nick Faldo wines

Nick Faldo wines

Brocard, un Valpolicella Ripasso della cantina Le Tobele, un Rioja di Bodegas Baigorri, un Châteauneuf-du-Pape del Domaine Berthet-Rayne e un Barolo 2008 prodotto da Paolo Monti.
Ed ecco i caratteri che hanno guidato la scelta <<quite easy, fruity, velvety wines. I don’t like heavy tannins>> facilmente comprensibili, fruttati, vellutati. Senza tannini pesanti, ha detto Ser Nick Faldo. La scelta ha privilegiato la tipicità e il riflesso del terroir. Il Master of Wine Richard Hemming ha commentato << Sono tutti vini classici, interpretazioni affidabili di ciascuna tipologia, coerente su tutta la linea il Valpolicella era il mio preferito in termini di stile e di valore>>.

poggiotondo_golf_club

poggiotondo_golf_club

Prossimamente la gamma di Faldo verrà aggiunta di una bollicina inglese e di una birra artigianale.
Dunque sono questi i vini adatti ai golfisti: espressioni classiche dei loro territori dove eleganza e morbidezza vincono sulla potenza. Prezzi alti ma non altissimi e la garanzia di un nome conosciuto come un grande atleta del calibro di Nick Faldo.

VINO E GOLF IN ITALIA E NEL MONDO

Il legame fra golf e vino non è un’esclusiva del campione inglese, altri golfisti e altri territori lo hanno preceduto: in Franciacorta con “The Wine Golf Course” tre percorsi di 9 buche contrassegnati con i nomi di altrettante tipologie di “bollicine”: “Brut”, Satén” e “Rosè”. Ancora in Italia Wine and Golf di Antonio Faravelli e Golf & vino nella Maremma Toscana, con soggiorni che alternano la pratica sportiva a

Golf-and-Wine Argentario

Golf-and-Wine Argentario

degustazioni, cene e visite nella cantina Le Mortelle della Famiglia Antinori. Gli Antinori praticano e amano il golf. Proposte simili arrivano da Stellenbosch in Sud Africa e dall’Australia dove ci sono 6 dei migliori campi da golf del mondo dove dopo aver giocato si assaggia il vino. In California c’è Greg Anderson sommelier PGA Member con il suo GolfVino che offre esperienze enoiche e corsi di cucina insieme a tornei sul green.