Il vino ha più successo con un nome facile

Wine intelligence sperimentazione suil nome del vino

Il vino ha più successo con un nome facile

Sapevamo che i consumatori preferiscono comprare vini con nomi facili da pronunciare ma la nuova scoperta è che si aspettano anche una maggiore qualità

Wine intelligence sperimentazione suil nome del vino

Wine intelligence sperimentazione suil nome del vino

Di Donatella Cinelli Colombini Brunello Casato Prime Donne
Provate a dire Agiorghitiko oppure Kékfrankos, come fate a chiedere al Sommelier un vino senza neanche sapere come si legge? Anche se ci riuscite, quanti giorni vi ricorderete una parola così difficile? Ecco perché Malbec, Pinot, Merlot hanno più successo.
Le denominazioni o i vini con nomi facili da pronunciare almeno agli anglofoni, sono avvantaggiati ed hanno oltre il doppio delle probabilità di essere acquistati rispetto a quelli con nomi complicati. In pratica questi ultimi perdono una enorme fetta di compratori potenziali ancora prima di cominciare.

Cenerentola2012OrciaDoc

Cenerentola2012OrciaDoc

Ma la vera novità è la correlazione psicologica fra la semplicità del nome del vino e la qualità attesa. In pratica tanto più un nome è facile da pronunciare e familiare tanto maggiore è l’aspettativa e ovviamente la propensione ad acquistarlo. La scoperta è stata pubblicata recentemente da Wine Intelligence che ha condotto una sperimentazione su 900 consumatori di diversi stati USA. Per effettuarla sono state usate bottiglie con nomi di fantasia: Jiofrax, Miresa, Vallume e Kiranic.Sorprendentemente il nome con la pronuncia più facile è anche quello che, il 60% degli intervistati, si aspetta più buono. Ne scaturisce una nuova consapevolezza sull’importanza della scelta del nome e una nuova consapevolezza dell’influenza di elementi psicologici sulle probabilità di successo di un vino.

fantasia e semplicità

fantasia e semplicità

Sappiamo da tempo che due terzi della qualità percepita di una bottiglia è composta da elementi immateriali cioè da cose totalmente diverse dal liquido contenuto all’interno: prezzo, posizionamento commerciale, packaging, prestigio, notorietà … un insieme di valori che è sempre più importante via via che cresce la quota di mercato detenuta dai nuovi consumatori cioè da quei cinesi, russi, vietnamiti che magari hanno tanti soldi e tanta voglia di mostrare la loro ricchezza ma non altrettanta competenza enologica.
Proprio l’aumento di importanza di questo segmento di consumatori deve essere tenuta presente quando viene scelto un nome, magari storico, ma impronunciabile

Consumatori asiatici

Consumatori asiatici

perché lungo e complicato. Bisogna ricordarsi che gli USA, con 30 milioni di ettolitri, sono ormai il primo Paese consumatore e la Cina è il quinto posto nel mondo, ma entrambi questi mercati sono in crescita mentre Francia e Italia hanno perso oltre sette milioni di ettolitri di consumi dal 2007 ad oggi. Questo dovrebbe scoraggiare chi intende chiamare il suo vino in modo impronunciabile e ricordarsi il successo di brand come Casillero del Diablo, un nome che ti rimane inchiodato nella mente per sempre. Anche il nostro Cenerentola deve parte del suo successo al nome -cindarella- e alla stretta relazione fra l’etichetta, la storia del vino e la celebre novella. Ovviamente la qualità del vino è importantissima ma purtroppo non basta!

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi