Wine&Siena primo evento nazionale 2016 del vino

Wine&Siena 2016 Siena Monte dei Paschi di Siena

Wine&Siena primo evento nazionale 2016 del vino

Inaugurando Wine&Siena Helmuth Köcher presidente e fondatore del MeranoWine Festival ha detto <<faremo di Siena la Bordeaux italiana>>

Wine&Siena 2016 Siena Monte dei Paschi di Siena

Wine&Siena 2016 Siena Monte dei Paschi di Siena

Di Donatella Cinelli Colombini, Montalcino

<<Come a Bordeaux>> ha spiegato Köcher <<intorno a Siena c’è un territorio vitivinicolo fra i migliori del mondo e Wine&Siena sarà l’evento annuale che richiamerà qui operatori e collezionisti internazionali. Nel futuro diventerà più importante di quello di Merano>>. Un progetto ambizioso che ha trovato il sostegno entusiasta di Stefano Bernardini della Confcommercio e di tutte le autorità cittadine ma soprattutto del Banca Monte dei Paschi di Siena. Ed ecco che il vino

Wine& Siena Social team di #sienaMWF con Violante Cinellicolombini Jr e il Brunello Prime Donne

Wine& Siena Social team di #sienaMWF con Violante Cinellicolombini Jr e il Brunello Prime Donne

entra nella Rocca Salimbeni, la più antica banca del mondo, fondata nel 1472 e rimasta per oltre cinquecento anni nello stesso imponente edificio. Con Wine&Siena la direzione generale MPS si è riempita di vino: i tavoli da degustazione erano ovunque, nell’atrio a piano terra dove ci sono i documenti storici e la prima cambiale, nei corridoi, nella loggia e nella splendida scala elicoidale progettata da Spadolini. Il Brunello era al posto d’onore, nel salone all’ultimo piano dove usualmente i banchieri parlano di finanza. Fa un certo effetto essere in quello spazio pieno di opere d’arte con enormi trifore gotiche sui tetti della città.
<<Il vino non si beve soltanto, si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e… se ne parla>> disse EDOARDO VII. Una frase che ha legato, come un fil rouge, le 150 cantine selezionate dagli organizzatori di Merano e arrivate qui da tutta Italia. Arrivate con la speranza di trovare nuovi buyer che in effetti c’erano, anche se non in un numero enorme e anche se non interessati a tutti i 500 vini presenti ma solo ai top. In effetti proprio questa formula elitaria ha portato al successo il

Gabriellla Giannetti e altre 7 cantine Orcia Doc a Wine&Siena

Gabriellla Giannetti e altre 7 cantine Orcia Doc a Wine&Siena

MeranoWineFestival ma a Siena, la mancanza di spazio, non ha consentito la divisione fra cantine blasonate, emergenti, vini premiati … a cui sono abituati gli espositori e il pubblico della manifestazione altoatesina. Per questo il Sindaco Valentini ha promesso di mettere a disposizione della 2° edizione di Wine&Siena il complesso museale del Santa Maria della Scala, il più antico ospedale d’Europa costruito nel Medioevo davanti al Duomo. Una sede altrettanto prestigiosa del Monte dei Paschi ma con sale enormemente più grandi. Speriamo che l’attuale entusiasmo si tramuti in unità di intenti e dia a Siena un grande appuntamento internazionale
1.000 espositori e 10.000 operatori, questo è il mio auspicio. Qualcosa di grande e di selezionatissimo che possa rilanciare Siena come capitale del grande vino, dia ossigeno all’economia del territorio e porti in Toscana operatori internazionali che consolidino il successo delle anteprime delle grandi denominazioni in calendario 10 giorni dopo Wine&Siena.

Wine&Siena cena di gala all'Hotel Continental

Wine&Siena cena di gala all’Hotel Continental

Prima di chiudere desidero raccontarvi un antefatto: quando ero assessore al turismo a Siena, sarà stato il 2003 o giù di li, Helmuth Köcher venne da me per organizzare lo stesso evento che ha avuto luogo lo scorso week end. Facemmo un sopralluogo al Santa Maria della Scala (esaminando persino le problematiche legate alla climatizzazione e agli odori) verificammo i posti letto di Siena e dintorni, i parcheggi … Facemmo due incontri a Siena e uno a Verona sotto

Donne del vino a Wine&Siena

Donne del vino a Wine&Siena

un’acqua torrenziale … il progetto era convincente e capace di riempire alberghi e ristoranti di Siena fuori stagione, accendere i riflettori sul distretto vitivinicolo senese e sulla città del Palio come destinazione per foodies….. Ma in giunta non riuscii a farlo approvare. Per quanto mi sforzassi di spiegarlo, il no fu irremovibile. A distanza di anni credo che un produttore di vino come me, promuovendo un evento dedicato al vino, avrebbe potuto apparire in conflitto di interessi. Ma invece, nella realtà, il vantaggio di portare negli organi di governo imprenditori e persone della società civile, arriva solo quando si consente loro di mettere i propri contatti e le proprie competenze al servizio di tutti. Mi dispiace non esserci riuscita ma sono contentissima che ora, finalmente i miei sogni si siano avverati.

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi