A cena alla Fattoria del Colle

Peposo-cotto-nel-Chianti-Fattoria-del-Colle-ristorante

A cena alla Fattoria del Colle

Vini superpremiati, cibi antichi e verdure dell’orto, panorami belli come cartoline, personale ospitale. Ecco perché la Fattoria del Colle è speciale

 

Peposo cotto nel Chianti - Fattoria del Colle ristorante

Peposo cotto nel Chianti – Fattoria del Colle ristorante

La semplicità della campagna e la raffinatezza di una villa nobile per cene a lume di candela o pranzi davanti a uno scenario di vigneti, boschi e borghi antichi che sembra uscito da un dipinto medioevale. Piatti con lo stemma della proprietaria Donatella Cinelli Colombini e calici da degustazione per godersi la buona tavola con un mix di eleganza e semplicità.

 

UN MENU’ DI PIATTI TRADIZIONALI CON QUALCHE ECCEZIONE

Nel 2020 l’unico vero cambiamento, rispetto al passato, è la necessità di prenotar in anticipo e di igienizzarsi all’arrivo. Poi gli ospiti trovano la stessa accoglienza calorosa di sempre con il vantaggio di spazi più ampi per godersi la conversazione e i piaceri del palato in tranquillità.

Fattoria del Colle - ristorante agrituristico - sala banchetti nel fienile

Fattoria del Colle – ristorante agrituristico – sala banchetti nel fienile

Nel menù piatti classici come i pinci fatti a mano e conditi con i pomodori freschi e l’aglione dell’orto della fattoria e la tagliata di bue chianino, insieme a piatti leggermente aggiornati come i maltagliati con ragù di cinghiale e scaglie di panforte oppure il peposo cotto nel Chianti e servito con la sua gelatina. Anche nei dolci tanta cura e tanta tradizione per riscoprire il panforte fatto in casa oppure la mantovana moderna e antica.

 

Doriana Marchi - chef del ristorante della Fattoria del Colle

Doriana Marchi – chef del ristorante della Fattoria del Colle

 

LE SALE E LA TERRAZZA DEL RISTORANTE DELLA FATTORIA DEL COLLE

Due sale – una interna con camino e una veranda panoramica – una terrazza per mangiare all’aperto e un ambiente separato per le feste e per ballare.
Chi vuole trascorrere alla Fattoria del Colle l’intera giornata avrà la possibilità di partecipare alle visite guidate, alle degustazioni e alle piccole lezioni di cucina. Ci sono poi i parchi attrezzati, il fantabosco e i percorsi di trekking che consentono di rigenerarsi in mezzo alla natura.

 

RISTORANTE CON CANTINE DI BRUNELLO, CHIANTI E ORCIA PER CLIENTI WINE LOVERS

Doriana Marchi - chef della Fattoria del Colle

Doriana Marchi – chef della Fattoria del Colle

Il punto di forza del ristorante della Fattoria del Colle è sicuramente il vino: 11 etichette, normalmente in carta, hanno valutazioni superiori a 90/100 da parte della stampa internazionale: Brunello e Brunello Riserva in diverse annate, Rosso di Montalcino, Supertuscan Il Drago e le 8 Colombe, Cenerentola Doc Orcia, Chianti Superiore e infine Vin Santo e Passito. A fianco di questi vini classici c’è qualche chicca sorprendente come il bianco IGT Sanchimento. E’ prodotto in sole 2.600 bottiglie ed esprime la creatività delle 3 enologhe delle cantine Cinelli Colombini – Barbara, Sabrina e Giada – che hanno creato un piccolo capolavoro con l’uva BIO di Traminer raccolta a mano nella vendemmia 2019 (valutata 5 stelle) e vinificata con una grande creatività.
Per i wine lovers è possibile accompagnare ogni piatto con il vino più adatto e persino gustare una verticale di Brunello con annate sempre più vecchie accompagnate da piatti preparati su misura dalla chef-sommelier Doriana Marchi che guida la cucina del ristorante della Fattoria del Colle.

 

CHEF SOMMELIER DORIANA MARCHI

Doriana è infatti anche sommelier della delegazione AIS di Arezzo, che, negli ultimi anni, ha formato la maggior parte dei campioni italiani di degustazione.
Doriana è toscana ed ha sempre lavorato in Toscana imparando alla Scuola Alberghiera Pellegrino Artusi e poi all’ombra di personaggi di spicco come Francesco Furceri e lo stellato Donato La Torre.
La tradizione culinaria senese e la pazienza delle massaie di un tempo vengono tenute rigorosamente divise dalla creatività di Doriana. La sua cucina ripropone dunque piatti locali interpretati in modo filologico fino a sembrare quelli delle nonne, con solo piccolissimi alleggerimenti per un miglior apprezzamento dei sapori. Accanto ci sono le ricette scaturite dalla sua fantasia sperimentalista che ama unire materie prime toscane eccellenti in modo che si esaltino a vicenda, come il filetto di maiale con farcia di cipolle di Certaldo caramellate e lardo di Colonnata.

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi