Arte, vino e turismo per il premio di pittura Zingarelli

Massimo Cerofolini, Daniele Cernilli, Sergio Zingarelli, Daria Filardo, Donatella Cinelli Colombini al convegno di Rocca delle Macie

Arte, vino e turismo per il premio di pittura Zingarelli

Al convegno organizzato da Rocca delle Macie, Donatella Cinelli Colombini parla di  turismo del vino con Daniele Cernilli Sergio Zingarelli e Massimo Cerofolini

Massimo Cerofolini, Daniele Cernilli, Sergio Zingarelli, Daria Filardo, Donatella Cinelli Colombini al convegno di Rocca delle Macie

Massimo Cerofolini, Daniele Cernilli, Sergio Zingarelli, Daria Filardo, Donatella Cinelli Colombini al convegno di Rocca delle Macie

Visto per voi  da  Donatella Cinelli Colombini

Turismo del vino: crea posti di lavoro, salva gli edifici dall’abbandono ma produce anche una modificazione del territorio omologandolo e “turisticizzandolo” insomma lo trasforma. Mantenerlo nella sua integrità è importante perché solo così continua ad attrarre visitatori ma soprattutto mantiene quel plus che rende affascinante  e unico un vino, in altre parole salvaguarda quel valore immateriale che aumenta la percezione di qualità delle bottiglie.

Ecco che le azioni di salvaguardia non sono un freno allo sviluppo economico ma un modo per mantenere il successo del vino e del suo territorio. Il caso di studio del Chianti Classico è particolarmente interessante per capire come e perchè le zone del vino sono particolarmente attaccabili dal degrado turistico e chi lavora per salvaguardarle.

Donatella Cinelli Colombini

Donatella Cinelli Colombini

Qui di seguito esamineremo il territorio del Chianti Classico, che è una delle mete enoturistiche italiane più visitate insieme a BolgheriMontalcinoMontefalco.

In linea generale, qualunque sia la destination, gli effetti negativi del turismo si configurano allo stesso modo con l’aumento dei valori immobiliari e dei prezzi dei generi di consumo per cui comprare una casa, per i residenti, diventa difficile. Spariscono i negozi di vicinato sostituiti da quelli di souvenir, aumenta l’inquinamento. Inoltre, diventano meno disponibili spazi, servizi e utenze, originariamente destinati solo ai residenti, e soprattutto si modificano lo stile di vita della popolazione e il carattere dei luoghi conformemente alle attese dei turisti. Il territorio finisce per diventare una cartolina di sé stesso e riempirsi di “non luoghi” caratterizzati da quel finto tipico uguale ovunque.

Turisti nel Chianti Classico

Presenza turistiche totali 2012 1.245.293
Presenze turistiche straniere 2012- 988.707
Permanenza da 4,2 giorni a 2,7 a seconda dei comuni

Chianti Classico senese 2013
ABITANTI                                                                  POSTI LETTO
• RADDA IN CHIANTI       1.688                                                                              1.118
• CASTELLINA IN C.          2.873                                                                             2.166
• GAIOLE IN CHIANTI      2.776                                                                            1.233
–                                                PARTE DEI COMUNI DI
• POGGIBONSI                     28.954                                                                           1.440
• CASTELNUOVO B.             8.795                                                                           2.200

I dati sopra riportati evidenziano un alto numero di posti letto turistici rispetto alla popolazione residente. Alberghi,

Radda in Chianti

Radda in Chianti

agriturismo, case vacanze …. una grande opportunità di lavoro e sviluppo che tuttavia va gestita con attenzione.

Ai turisti si aggiungono i numerosissimi escursionisti, cioè i visitatori  giornalieri, la cui presenza, benchè non misurabile con certezza, è evidente da alcuni indizi: a Radda, il paese più piccolo del Chianti Classico, ci sono 1.118 residenti e 24 ristoranti segnalati da Trip Advisor.
Una situazione che richiede un’attenta gestione per coniugare sviluppo e salvaguardia dell’identità locale.

Tutte le destinazioni turistiche hanno un “ciclo di vita” come ogni prodotto. Un percorso che va diviso in 4 fasi: la ricerca dei turisti, i primi conflitti turisti-residenti, la colonizzazione dei turisti e il declino della destinazione. Ovviamente bisogna fare ogni sforzo per non arrivare alla terza e quarta fase. Questa è la sfida che hanno davanti gli amministratori del Chianti Classico e in cui hanno grandi alleati: gli agricoltori e soprattutto i vignaioli. Persone che hanno a cuore l’integrità dei luoghi perché sanno bene quanto essa sia importante per il successo e l’immagine del loro vino. Infatti, fra gli elementi simbolici che compongano 2/3 del valore percepito della bottiglia di vino, c’è il territorio di origine.  Quando tale territorio è un capolavoro come nel Chianti Classico, i produttori sono i primi a volerlo

Chiati Classico

Chiati Classico

salvaguardare.

Per concludere due riflessioni di ordine generale che aiutano a capire i motivi per cui il successo enoturistico di un distretto enologico vada gestito con maggiore attenzione rispetto a quanto avviene in una città d’arte come Firenze, Genova o Napoli.

Il degrado turistico è tanto più veloce quanto è basso il numero dei residenti ed è alto quello medio giornaliero  di turisti, escursionisti e residenti temporanei. Accelera inoltre quando è larga la forbice fra la capacità di spesa dei visitatori e quella degli abitanti. Inoltre dipende dalla durata della stagione turistica. Infatti un territorio è meno modificato da 1 milione di turisti che arrivano per un festival di tre giorni che dallo stesso milione di turisti che si spalmano su 9 mesi.

 

wine-destination

wine-destination
                                                                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi