Bonella sceglie la musica per il Brunello: Grandi & Bollani

Happy wine alla Fattoria del Colle

Bonella sceglie la musica per il Brunello: Grandi & Bollani

Se il vino sta diventando un mezzo di socializzazione, allora ha anche il suo giusto momento, la giusta cornice e la giusta musica.

Happy wine alla Fattoria del Colle

Bonella e Riccardo happy wine

Forse influenzati dalla nuova passione americana per il vino, sdoganandolo da quell’immagine un po’ elitaria e snob, e donandogli una nuova valenza culturale, giovanile, di oggetto di culto (cult) e anche, se si vuole, di status symbol di una nuova generazione di giovani (i millennials), ecco che il vino anche in Italia entra in ambienti sociali dei più disparati.
Dal pub, alla discoteca, al bar per gli aperitivi, senza mai aver lasciato il suo posto nei ristoranti più ricercati, il vino è entrato nella cultura di tutti. Il vino è diventato pop.

Ma quale vino va bene in quale luogo? E soprattutto, quale è la sua giusta cornice? Perché se comunemente un Prosecco è adatto ad un aperitivo con gli amici, tra risate e stuzzichini, non lo è altrettanto un Amarone. Se un vino liquoroso come un Porto, o un vino dolce come un Aleatico, si addicono ad una serata in un pub/enoteca o a casa tra amici dopo una bella cena, è altrettanto vero che non proporrei mai il Vino Nobile di Montepulciano in un sushi-bar.
E questo solo per fare dei banalissimi esempi su come ogni luogo e situazione richieda il suo giusto abbinamento.

Irene Grandi cantante

Irene Grandi cantante toscana

Quando si sorseggia un vino, molti dei nostri sensi sono già impegnati, e si spera appagati: il tatto, nel tenere il bicchiere in mano, sentirlo, rotearlo (se necessario, non come vedo fare adesso, che tutti conoscono questo gesto e roteano anche lo spumante dolce); la vista, per cogliere le sfumature del vino scelto; l’olfatto, inebriato dagli aromi che il giusto bicchiere saprà valorizzare e portare al naso; ed infine il gusto, per ovvie ragioni. Ma l’udito in tutto questo partecipa poco. Allora mi sembra giusto domandarsi, quale musica è più adatta ad ogni degustazione, ed ogni situazione? Quale genere, e quale artista saprà valorizzare l’esperienza dell’assaggio, senza disturbarla, ma anzi conciliandola?

Vari artisti italiani hanno già inserito in passato il vino nelle loro liriche, come Ligabue con “Lambrusco e pop corn”. E come dimenticare il grande Giorgo Gaber con “Barbera e Champagne”. Ma sono veramente adatte da ascoltare mentre si beve? Accompagnano davvero o distraggono? Intanto sono felice di poter dire che ci siamo finalmente liberati del cliché di brindare sempre e solo a Champagne, come cantava Peppino di Capri.

Stefano Bollani jazz

Stefano Bollani grande interprete jazz

Ma allora, durante una piacevole serata con un calice di Brunello di Montalcino tra le mani, conversando amabilmente con gli amici, magari in una bella enoteca, o perché no, in una cantina tra le botti, come quella della Fattoria del Colle, dove lavoro, quale musica vorreste in sottofondo? Ho pensato molto all’abbinamento che preferirei. Inizialmente ero partita pensando alla solennità della musica classica, addirittura a sinfonie celebri come la Sinfonia n.9 di Beethoven, contenente l’Inno alla Gioia.

Ma poi mi sono chiesta: è davvero con una musica del genere che starei con gli amici a condividere il piacere di una bottiglia di Brunello? La risposta è no. E allora, senza voler snaturare l’eleganza di questo vino, ma per rendere l’atmosfera piacevole e conviviale, penso che l’abbinamento migliore sarebbe un ensemble jazz, magari con Stefano Bollani al piano.

Irene Grandi Stefano Bollani

Grandi & Bollani due artisti in concerto

Oppure, per farla più toscana che mai, mettendo il suo ultimo album, con la collaborazione con Irene Grandi, che si intitola proprio Irene Grandi & Stefano Bollani, dove si ripropongono brani di varia estrazione, interpretati in chiave jazz, come “Viva la pappa col pomodoro”.
Provate, e poi fatemi sapere.

E invece voi? Quale musica ascoltate con quale vino, e perché?

Letto per voi da Bonella Ciacci addetta al turismo Fattoria del Colle

wine-destination

wine-destination
                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi